Victor Sjöström

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Victor Sjöström

Victor David Sjöström Ascolta[?·info] (Silbodal, 20 settembre 1879Värmland, 3 gennaio 1960) è stato un regista, attore e sceneggiatore svedese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Aveva un solo anno quando la famiglia, per motivi finanziari, si trasferì dalla Svezia a Brooklyn, New York, dove rimase fino alla morte della madre, avvenuta quando aveva sette anni. Le tensioni che nacquero con il subentrare della nuova compagna del padre, persuasero quest'ultimo a rispedire Victor dalla sorella a Uppsala; aveva 14 anni quando fece la sua prima apparizione teatrale, sotto l'ala protettiva dello zio, l'attore Victor Hartman. Alla morte del padre, che nel frattempo era tornato dagli States dopo una disastrosa bancarotta e lo aveva obbligato ad abbandonare gli studi per lavorare in un cantiere, decise di intraprendere la carriera di attore professionista. L'approdo alla gestione di una compagnia teatrale fu il primo passo verso il divenire una delle colonne portanti dell'industria cinematografica svedese. Nel 1912, infatti, il produttore della Svenska Biografteatern, Magnusson, gli offrì un contratto.

Girò il suo primo film muto nel 1912 con la regia di Mauritz Stiller. Tra il 1912 e il 1923, diresse quarantuno film (il più famoso è Il carretto fantasma (Körkarlen) del 1921) prima di accettare l'offerta di lavorare negli Stati Uniti. In Svezia aveva spesso recitato nei propri film mentre negli Stati Uniti si dedicò esclusivamente alla regia.

Nel 1924, con lo pseudonimo di Victor Seastrom, girò molti film e diresse star del calibro di Greta Garbo, Lon Chaney, John Gilbert, Lillian Gish e Norma Shearer prima di girare il primo film con audio nel 1930.

Il suo più grande successo, L'uomo che prende gli schiaffi, fu anche il primo della Metro-Goldwyn-Mayer sotto la guida del celeberrimo produttore Irving Thalberg. Il film racconta la storia di uno scienziato (interpretato magistralmente da Lon Chaney Sr.), il quale ha delle innovative e interessanti scoperte scientifiche sulle origini dell'Uomo. Viene derubato dei suoi manoscritti dal Barone Regnard (Marc MacDermott) e tradito dalla moglie con quest'ultimo. All'Accademia viene deriso da tutta la commissione di illustri scienziati dopo aver reclamato il furto, ed esser stato schiaffeggiato dallo stesso Barone. Solo, avendo perso tutto: moglie, dignità, personalità, vita e onore sceglie di esorcizzare quella triste e tragica realtà con l'ironia, rifugiandosi in una carriera come clown in un circo. Qui si soprannomina "HE-who-get-slapped" -o meglio, "COLUI-che-prende-gli-schiaffi"- e circondato da 60 clown, cercherà di riaffrontare la vicenda della megalitica derisione subìta all'Accademia, più e più volte, rivoltando la situazione a suo vantaggio, guadagnando ad ogni spettacolo sempre più fama e acclamazione, fino al tragico e straordinario finale.

In seguito, non sentendosi a proprio agio con il sonoro tornò in Svezia dove diresse altri due film muti prima della sua ultima regia nel film britannico Il manto rosso (Under the Red Robe). Nei quindici anni successivi ebbe una serie di ruoli da protagonista in una dozzina di film e lavorò come regista per la "Svensk Film Industri".

Già alla fine degli anni trenta abbandonava la regia per dedicarsi completamente alla recitazione; nel 1941 fu infatti protagonista di L'amante nell'ombra e nel 1943 di Ordet, entrambi diretti da Gustaf Molander, poi nel 1957, all'età di settantotto anni, recitò nel film Il posto delle fragole (Smultronstället) di Ingmar Bergman.

Victor Sjöström, morto all'età di ottanta anni, è seppellito nel cimitero svedese di Norra begravningsplatsen.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista (parziale)[modifica | modifica sorgente]

Attore (parziale)[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 10034704 LCCN: n80158803