Hell Girl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Jigoku shōjo" rimanda qui. Se stai cercando la seerie televisiva live action, vedi Jigoku shōjo (serie televisiva).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
(JA)

« Yami ni madoishi awarena kage yo (闇に惑いし哀れな影よ?)
Hito o kizutsuke otoshimete (...人を傷付け貶めて?)
Tsumi ni oboreshi gō no tama (罪に溺れし業の魂?)
Ippen... shinde miru? (いっぺん... 死んで見る??) »

(IT)

« Oh ombra pietosa coperta nell'oscurità,
che disprezza le persone e provoca loro dolore,
anima che anneghi in un karma peccaminoso,
vuoi provare... a morire questa volta? »

(Frase detta da Ai Enma per mandare le persone all'Inferno)
Jigoku shōjo
serie TV anime
Enma Ai
Enma Ai
Titolo orig. 地獄少女
(Jigoku shōjo)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Hiroshi Watanabe
Regia Takahiro Ōmori
Sceneggiatura Ken'ichi Kanemaki
Studio Studio Deen
Musiche
Reti Animax, MBS, Tokyo MX, Kids Station
1ª TV 4 ottobre 2005 – 4 aprile 2006
Episodi 26 (completa)
Generi horror, fantastico, psicologico
Jigoku shōjo futakomori
serie TV anime
Titolo orig. 地獄少女 二籠
(Jigoku shōjo futakomori)
Regia Takahiro Ōmori
Sceneggiatura Kenichi Kanemaki
Studio Studio Deen
Musiche
Reti Animax, MBS, Tokyo MX, Kids Station
1ª TV 7 ottobre 2006 – 6 aprile 2007
Episodi 26 (completa)
Generi horror, fantastico, psicologico
Jigoku shōjo mitsuganae
serie TV anime
Titolo orig. 地獄少女
(Jigoku shōjo mitsuganae)
Regia Hiroshi Watanabe
Sceneggiatura Kenichi Kanemaki
Studio Studio Deen
Musiche
Reti Animax, MBS, Tokyo MX
1ª TV 4 ottobre 2008 – 4 aprile 2009
Episodi 26 (completa)
Generi horror, fantastico, psicologico
Hell Girl
manga
Titolo orig. 地獄少女
(Jigoku shōjo)
Autore Jigoku Shojo Project
Disegni Miyuki Etō
Editore Kodansha
1ª edizione novembre 2005 – settembre 2008
Collanaed. Nakayoshi
Tankōbon 9 (completa)
Editore it. Star Comics
1ª edizione it. 15 aprile 2010 – 16 dicembre 2010
Collanaed. it. Techno
Periodicità it. mensile
Volumi it. 9 (completa)
Target shōjo
Generi horror, fantastico, psicologico
Shin Jigoku shōjo
manga
Titolo orig. 新・地獄少女
(Shin Jigoku shōjo)
Disegni Miyuki Etō
Editore Kodansha
1ª edizione novembre 2008 – agosto 2009
Collanaed. Nakayoshi
Tankōbon 3 (completa)
Target shōjo
Generi horror, fantastico, psicologico
Jigoku shōjo R
manga
Titolo orig. 地獄少女R
(Jigoku shōjo R)
Autore Jigoku Shojo Project
Disegni Miyuki Etō
Editore Kodansha
1ª edizione settembre 2009 – in corso
Collanaed. Nakayoshi
Tankōbon 8 (in corso)
Target shōjo
Generi horror, fantastico, psicologico

Hell Girl (地獄少女 Jigoku shōjo?, "La ragazza dell'Inferno") è un anime prodotto da Aniplex e Studio Deen. La prima serie è andata in onda a partire dal 4 ottobre 2005 fino al 4 aprile 2006, poi la serie è continuata con una seconda stagione intitolata Jigoku shōjo futakomori (地獄少女 二籠? "La ragazza dell'Inferno - Due segregati") andata in onda dal 7 ottobre 2006 al 6 aprile 2007 e una terza intitolata Jigoku shōjo mitsuganae (地獄少女 三鼎? "La ragazza dell'Inferno - Tre calderoni") andata in onda dal 4 ottobre 2008 al 4 aprile 2009. Ognuna delle tre è composta da 26 episodi.

Dalla serie sono stati tratti tre manga, disegnati da Miyuki Etō e serializzati in Giappone dalla Kodansha, il primo dei quali è stato pubblicato in Italia da Star Comics con il titolo di Hell Girl, un dorama live action in 12 puntate intitolato Jigoku Shōjo ed un videogioco per Nintendo DS e PlayStation 2.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Molti degli episodi sono autoconclusivi, e parlano di persone che hanno problemi con una o più altre persone. Un sito web, conosciuto come Jigoku tsūshin ("Linea diretta per l'Inferno") può essere raggiunto soltanto a mezzanotte, da coloro che desiderano vendicarsi contro chi li tormenta. Scrivendo nell'home page il nome di coloro che odiano, la Jigoku shōjo (Ragazza dell'Inferno) consegnerà loro una bambola di paglia con una stringa rossa legata al collo. Se tireranno la stringa, la persona verrà mandata direttamente all'Inferno, ma anche chi ha tirato la stringa sarà destinato ad andare all'inferno dopo la propria morte, e a portare per sempre un marchio sul petto che attesta il suo destino.

La prima serie segue un giornalista, Hajime, e sua figlia, una bambina di nome Tsugumi, che ha delle visioni che le permettono di scoprire dov'è Ai: i due si mettono sulle tracce di Ai tentando di fermarla. I due compaiono per la prima volta nell'episodio 8.

La seconda serie ha invece molti più episodi autoconclusivi, ma si focalizza di più sugli assistenti di Ai e alcuni episodi narrano il loro passato. Solo negli ultimi episodi, dal 22 in poi, comincia una vera e propria trama: in un luogo chiamato Lovely Hills un ragazzo di nome Takuma è accusato della sparizione di molte persone, causata in realtà dall'abuso della Jigoku tsūshin da parte degli abitanti.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Ai Enma[modifica | modifica wikitesto]

Ai Enma (閻魔 あい Enma Ai?), doppiata da Mamiko Noto, è la protagonista della serie. Con capelli lunghi e occhi rossi, è un'entità spirituale con un tragico passato, che vive in un luogo alle porte dell'inferno in cui è presente un permanente tramonto, assieme alla sua nonna, ed è colei che riceve e trasporta le persone scelte dai suoi clienti. Ha anche poteri soprannaturali che le permettono di trasportare i clienti nel luogo in cui vive per spiegare loro i termini del patto con lei, di teletrasportarsi, di vedere il passato e di far vivere alle vittime un momento simile alla vita tormentata del cliente. Quando ciò accade la vittima è già sparita dal mondo reale, ma è solo pronunciando una frase che può trasportare la vittima in un corso d'acqua che porta all'inferno, dove lei guida la barca con la vittima. Solo prima di portare qualcuno all'Inferno, per arrivare sulla Terra usa il carro in cui si trasforma Wanyūdō, ma appare subito dopo che il cliente ha tirato il nastro, come se il tempo si fermasse e sia il suo viaggio sia il momento fatto vivere alla vittima durassero solo una frazione di secondo.

Il suo passato ed il modo in cui è diventata la Jigoku shōjo si scopre alla fine della prima serie: Ai era una ragazza abitante di un villaggio in cui era uso fare sacrifici umani, ed era considerata portatrice di sfortuna. Scelta come vittima sacrificale, il suo unico amico Sentarō (仙太郎?) la salvò facendola vivere nascosta e portandole del cibo, finché non venne scoperto e fu forzato a seppellire viva Ai. Una volta morta uscì dalla tomba e bruciò tutto il villaggio. Il Signore dell'Inferno, che appare nella forma del Ragno, la costrinse a diventare la Jigoku shōjo per espiare il suo peccato. Il luogo dove vive nell'Inferno assomiglia al luogo in cui era stata nascosta.

Assistenti di Ai[modifica | modifica wikitesto]

Wanyūdō (輪入道?)
Doppiatore: Takayuki Sugō
Wanyūdō è il primo dei tre compagni di Ai, ed appare come un uomo anziano vestito stile giapponese antico. Si trasforma in una piccola bambola che viene consegnata alla persona che ha richiesto la vendetta, con un nastro rosso avvolto: tirando il nastro, la vendetta viene concessa. Anche gli altri assistenti di Ai lo possono fare, ma di solito è Wanyūdō a farlo. Può assumere anche la forma del carro che usa Ai per andare sulla Terra per portare qualcuno all'Inferno, a volte accompagnata dagli altri assistenti in forma di bambole. Il suo nome deriva dall'omonimo yōkai e significa "ruota che entra nella strada".
Il suo passato è mostrato nella seconda serie: Wanyūdō è il primo ad essere diventato assistente di Ai. Era il guidatore del carro di una principessa, e morì a causa di un incidente mortale che fece fare la stessa fine a tutti gli occupanti del carro. Diventò quindi uno yōkai che terrorizzava i passanti in forma di ruota infiammata, finché non incontrò Ai che lo invitò ad unirsi a lei.
Ren Ichimoku (一目 連 Ichimoku Ren?)
Doppiatore: Masaya Matsukaze
Ren è il secondo compagno di Ai, ed appare come un giovane uomo. Può proiettare il suo occhio in modo che si unisca invisibile a muri e soffitti, per vedere così all'interno di edifici.
Anche il passato di Ren si scopre nella seconda serie: secondo ad unirsi al gruppo di Ai, era uno tsukumogami, cioè uno yōkai originatosi da un oggetto che raggiunge i cento anni di esistenza. Ren era una spada, ed era quindi costretto a vedere le morti che causava. Abbandonato poi su una roccia dopo la morte in battaglia del suo possessore, venne trovato da Ai che lo invitò ad unirsi a lei perché c'era qualcosa che lui stava cercando. Questo qualcosa è una famiglia, e considera come tale il gruppo.
Hone Onna (骨女? Donna osso)
Doppiatrice: Takako Honda
Hone Onna è la terza compagna di Ai, ed appare come una giovane donna in kimono. Il suo nome viene dall'omonima creatura leggendaria, significa "donna osso" e ricorda la sua abilità di far vedere le ossa del suo corpo per spaventare le vittime da spedire all'Inferno. Quando si infiltra tra gli umani usa lo pseudonimo di Sone Anna (曽根 アンナ?).
Nella seconda serie si scopre che il suo vero nome è Tsuyu (つゆ?) ed era una prostituta, tradita dall'uomo di cui si era innamorata, che la vendette ad un bordello per coprire i suoi debiti. Dopodiché venne di nuovo tradita da un'altra prostituta, Kiyo: tentando di farla fuggire con un uomo che si era veramente innamorato di Tsuyu, quest'ultima viene uccisa da uno yakuza, ed è implicata Kiyo che si era sempre sentita inferiore a lei. Tsuyu viene gettata in un fiume e il suo spirito si fonde con quello delle altre donne tradite, diventando la yōkai Hone Onna.
Nonna di Ai (あいの祖母 Ai no sobo?)
Doppiatrice: Eriko Matsushima
Non appare mai nella storia se non sotto le sembianze di un'ombra dietro una parete di carta nella casa di Ai all'Inferno. Lavora sempre con un telaio. Se ne sente spesso la voce.
Kikuri (きくり?)
Doppiatrice: Kanako Sakai
Una bambina enigmatica che compare per la prima volta nella seconda serie. Viene poi ritrovata da Ai e i suoi assistenti all'Inferno, e quindi si scopre che non è umana. Da allora vive con loro. Alla fine della seconda serie si scopre che è in realtà controllata dal Signore dell'Inferno, e quindi molte delle sue azioni derivano dalla volontà di lui.

Altri personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il ragno (人面蜘蛛 Jinmen gumo?)
Doppiatore: Hidekatsu Shibata
Un ragno con tre occhi che si trova nel luogo in cui vive Ai ed appare come il suo superiore avendola obbligata a svolgere il compito di Jigoku shōjo. Sembra che tenga i genitori di Ai come ostaggio: li farà vagare nell'oscurità per sempre se Ai non porterà a termine il suo compito. Alla fine della seconda serie viene identificato come il Signore dell'Inferno.
Hajime Shibata (柴田 一 Shibata Hajime?)
Doppiatore: Yūji Ueda
Giornalista che si mette sulle tracce di Ai tentando di fermarla prima che porti a termine le vendette chieste dai clienti, ma ci riesce solo una volta. Non andava d'accordo con la moglie, Ayumi Shibata (柴田 あゆみ Shibata Ayumi?) dato che pensava soltanto al lavoro trascurandola, anche se in realtà voleva guadagnare denaro per farla felice. Ayumi aveva una relazione con un politico e Hajime li scoprì, così la mandò fuori di casa e le proibì di vedere Tsugumi. Poco dopo essere uscita di casa, fu investita da un'auto e morì. Hajime si rivela poi essere un discendente di Sentarō. Hajime appare come personaggio fisso nella prima serie, mentre nella seconda viene citato solo come scrittore della biografia di Ai.
Tsugumi Shibata (柴田 つぐみ Shibata Tsugumi?)
Doppiatrice: Nana Mizuki
Figlia di Hajime, che chiama sempre per nome ("Hajime-chan"), ha delle visioni che le mostrano dove si trova Ai, che cominciano dopo averla incontrata vicino ad una ferrovia. Grazie a questo può raggiungere insieme al padre i luoghi dove si trovano i clienti di Ai, ma a differenza di Hajime, all'inizio pensa che ciò che fa Ai sia giusto, finché non vede un'infermiera mandata all'Inferno da un dipendente da droga. Nella seconda serie appare al poliziotto Meshiai che sta cercando la biografia scritta da Hajime, rivelandogli che l'ha scritta per qualcuno, probabilmente per lui.
Takuma Kurebayashi (紅林 拓真 Kurebayashi Takuma?)
Doppiatrice: Ayumi Fujimura
Takuma è un ragazzino che vive a Lovely Hills. Compare per la prima volta nell'episodio 14 della seconda serie, per poi diventare personaggio fisso dall'episodio 22. Alla sua prima apparizione un vecchio amico del padre, scrittore decaduto di storie per la TV, ferisce il padre di Takuma, produttore di successo, ed uccide la moglie di quest'ultimo, madre di Takuma. Takuma contatta Ai ma non arriva a tirare il nastro, ma lo fa la ex-amante dello scrittore, dato che lui l'aveva fatta cadere dalle scale uccidendo il loro bambino che portava in grembo. Lo scrittore quindi viene spedito all'Inferno ma è Takuma ad essere accusato dai concittadini e definito il "Figlio del diavolo". Negli episodi finali della seconda serie tutti gli abitanti di Lovely Hills abusano della Jigoku tsūshin ed accusano lui delle misteriose scomparse.
Seiichi Meshiai (飯合 誠一 Meshiai Seiichi?)
Doppiatore: Satoshi Hino
Poliziotto di Lovely Hills che indaga sulle misteriose scomparse. Gli abitanti tentano di convincerlo che Takuma sia il colpevole. Arriva a scoprire dell'esistenza della Jigoku shōjo tramite il libro scritto da Hajime. Quando questo avviene appare Tsugumi (La figlia del giornalista protagonista della prima serie) che gli dice che molto probabilmente suo padre ha scritto quel libro proprio per lui. Verrà traghettato all'inferno.
Hotaru Meshiai (飯合 蛍 Meshiai Hotaru?)
Doppiatrice: Fuyuka Ōura
Sorella del poliziotto e amica di Takuma. Viene portata da Kikuri nel luogo dove vive Ai per dimostrarle che la Jigoku tsūshin esiste, così crede nell'innocenza di Takuma, ma dopo la morte del fratello decide di porre fine alla sua vita e di andare all'inferno insieme a Takuma, verrà poi salvato da quest'ultimo e Enma Ai stessa.

Musiche[modifica | modifica wikitesto]

Sigle[modifica | modifica wikitesto]

Prima serie[modifica | modifica wikitesto]

Sigla di apertura
Sakasama no chō (逆さまの蝶? lett. La farfalla invertita)
  • Eseguita da: SNoW
  • Testo: SNoW, Hideaki Yamano
  • Composizione: SNoW, Asanjō Shindō
  • Arrangiamento: Asanjō Shindō, Ken'ichi Fujita
Sigla di chiusura
Karinui (かりぬい? lett. Imbastitura)
  • Eseguita da: Mamiko Noto
  • Testo: Hitomi Mieno
  • Composizione ed arrangiamento: Masara Nishida

Seconda serie[modifica | modifica wikitesto]

Sigla di apertura
NightmaRe (lett. Incubo)
  • Eseguita da: SNoW
  • Testo: Hideaki Yamano
  • Composizione: SNoW, Asanjō Shindō
Sigla di chiusura
Aizome (あいぞめ? lett. Tintura indaco)

Terza serie[modifica | modifica wikitesto]

Sigla di apertura
Tsukihana (月華? lett. Fiore della luna)
Sigla di chiusura
Ichinuke (いちぬけ?)
  • Eseguita da: Mamiko Noto
  • Testo: Hitomi Mieno
  • Composizione: Asami Kōsei
  • Arrangiamento: Yasutaka Mizushima

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Per ogni serie sono stati pubblicati due album delle colonne sonore. Le musiche sono di Yasuharu Takanashi ed Hiromi Mizutani e per l'ultimo CD anche di Kenji Fujisawa. L'ultima traccia del primo album di ogni serie è la sigla finale della serie, cantata da Mamiko Noto. Tutti gli album sono distribuiti da Sony Music Entertainment ed hanno sulla copertina il titolo in lettere occidentali e quello giapponese più piccolo.

Per la prima serie, il primo album, intitolato JIGOKU-SHOUJO Original Soundtrack (地獄少女オリジナルサウンドトラック Jigoku shōjo orijinaru saundotorakku?) è stato pubblicato il 25 gennaio 2006 e contiene 24 tracce.[1] Il secondo, intitolato JIGOKU-SHOUJO Original Soundtrack II (地獄少女オリジナルサウンドトラックII Jigoku shōjo orijinaru saundotorakku ni?) è uscito il 19 aprile 2006 e contiene 26 tracce.[2]

Per la seconda serie, il primo album, intitolato JIGOKU-SHOUJO -FUTAKOMORI- Original Soundtrack (地獄少女二籠オリジナルサウンドトラック Jigoku shōjo futakomori orijinaru saundotorakku?) è stato pubblicato il 24 gennaio 2007[3] ed il secondo, intitolato JIGOKU-SHOUJO -FUTAKOMORI- Original Soundtrack II (地獄少女二籠オリジナルサウンドトラックII Jigoku shōjo futakomori orijinaru saundotorakku ni?) è stato pubblicato il 21 marzo 2007.[4] Entrambi contengono 23 tracce.

Per la terza serie il primo album, intitolato JIGOKU-SHOUJO -MITSUGANAE- Original Soundtrack ~NIKUSHOKU~ (地獄少女 三鼎 オリジナルサウンドトラック 〜肉喰〜 Jigoku shōjo Mitsuganae Orijinaru saundotorakku ~Niku shoku~?) è stato pubblicato il 17 dicembre 2008 e contiene 28 tracce.[5] Il secondo, intitolato JIGOKU-SHOUJO -MITSUGANAE- Original Soundtrack ~SOUSHOKU~ (地獄少女 三鼎 オリジナルサウンドトラック 〜草喰〜 Jigoku shōjo Mitsuganae Orijinaru saundotorakku ~Sō shoku~?) è stato pubblicato il 4 marzo 2009 e contiene 27 tracce.[6]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

I manga sono disegnati da Miyuki Etō e pubblicati sulla rivista shōjo mensile Nakayoshi pubblicata da Kodansha, e poi in tankōbon. Il primo manga, intitolato semplicemente Jigoku shōjo, è stato pubblicato da novembre 2005 a settembre 2008 ed è arrivato a 9 tankōbon. Il secondo, intitolato Shin Jigoku shōjo (新・地獄少女? Nuovo Jigoku shōjo) è stato pubblicato dal novembre 2008 ad agosto 2009 ed è arrivato a 3 tankōbon. Il terzo, intitolato Jigoku shōjo R (地獄少女R Jigoku shōjo āru?) viene pubblicato da settembre 2009 ed è ancora in corso.

Nel primo manga le storie sono per lo più originali: fanno eccezione i capitoli 4 e 10 tratti dagli episodi con lo stesso numero della prima serie animata, ed il capitolo 2, derivante dall'episodio 9 della stessa serie. Nel manga spesso il modus operandi di Ai è diverso da quello dell'anime. Spesso Ai frequenta la stessa scuola di alcuni suoi clienti. Anche la bambola di paglia non compare nei primi capitoli, e anche successivamente non compare in tutti gli episodi come nell'anime. I clienti devono solo accettare il contratto, e la tortura fatta da Ai e dai suoi assistenti alla vittima comincia. A volte la tortura inizia dopo che ha fatto suonare il braccialetto davanti alla vittima e non prima come nell'anime. Anche la barca con cui le vittime vengono portate all'Inferno non compare molto. Sentarō compare, ma non Hajime e Tsugumi. Kikuri appare dal volume 4 in poi. Takuma appare alla fine del manga ma è più grande che nell'anime. Appaiono anche Seiichi e Hotaru Meshiai, e anche se non compare Hajime, compare la biografia da lui scritta come fonte di informazioni su Ai per Meshiai e Takuma. Alcuni altri riferimenti a fatti dell'anime sono presenti nel manga.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

In Italia sono arrivati solo il primo manga ed il primo episodio dell'anime. I nove tankōbon del primo manga sono stati pubblicati mensilmente da Star Comics dal 15 aprile al 16 dicembre 2010 sulla testata Techno con il titolo inglese Hell Girl. Il primo episodio dell'anime è stato trasmesso da Mtv nell'Anime Week 2006 il 1º ottobre alle 23.00 con audio giapponese e sottotitoli in italiano ma poi la serie non è stata doppiata.

L'anime è stato doppiato in inglese: infatti le prime due serie sono state trasmesse, oltre che sul canale Animax giapponese, anche in vari paesi asiatici sul canale in lingua inglese Animax Asia. La prima serie è anche stata distribuita in DVD in Canada e Stati Uniti da FUNimation Entertainment, nel Regno Unito da Revelation Films e in Australia e Nuova Zelanda da Madman Entertainment, e trasmessa in Canada e Stati Uniti dal canale via cavo e satellitare IFC a partire dal 9 luglio 2008[7]. Oltre che da Animax Asia, a Singapore è stata trasmessa anche da Okto. La seconda serie è stata distribuita in Canada e Stati Uniti da Sentai Filmworks[8] , così come la terza serie[9], entrambe nel 2010. La prima è intitolata Hell Girl, la seconda Hell Girl: Two Mirrors, la terza Hell Girl: Three Vessels.

Live action[modifica | modifica wikitesto]

Dall'anime è stato tratto un omonimo dorama prodotto da Izumi TV Production e trasmesso da Nippon Television dal 4 novembre 2006 al 27 gennaio 2007, per un totale di 12 episodi. Il regista è Makoto Naganuma e la sigla è Dream Catcher ("Acchiappasogni") di Olivia Lufkin.[10]

Hisahiro Ogura, l'attore che interpreta Wanyūdō nel dorama, è anche il narratore all'inizio di ogni episodio della seconda serie animata. Eriko Matsushima interpreta la nonna di Ai sia nell'anime che nel dorama.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Un videogioco per Nintendo DS intitolato Jigoku shōjo akekazura (地獄少女 朱蘰?) sviluppato da Compile Heart è stato pubblicato in Giappone il 24 settembre 2007.[11] La sua versione per PlayStation 2 è intitolata Jigoku shōjo mioyosuga (地獄少女 澪縁?) ed è stata pubblicata il 17 settembre 2009.[12] Un videogioco rompicapo intitolato Jigoku shōjo pazuru dama (地獄少女ぱずるだま?) è stato pubblicato sul servizio Net DX di Konami per i cellulari compatibili con I-mode.[13]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

il Computer che è presente nella casa di Enma Ai e che viene utilizzato da quest'ultima per controllare il sito web Jigoku tsūshin ("Linea diretta per l'Inferno") è un vecchio Macintosh 128K uscito nel gennaio 1984.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jigoku Shōjo Original Soundtrack, Neowing. URL consultato il 22-042009.
  2. ^ (EN) Jigoku Shōjo Original Soundtrack 2, Neowing. URL consultato il 22 aprile 2009.
  3. ^ (EN) Jigoku Shōjo Futagomori Original Soundtrack, Neowing. URL consultato il 22 aprile 2009.
  4. ^ (EN) Jigoku Shōjo Futagomori Original Soundtrack 2, Neowing. URL consultato il 22 aprile 2009.
  5. ^ (EN) Jigoku Shōjo Mitsuganae Original Soundtrack, Neowing. URL consultato il 22 aprile 2009.
  6. ^ (EN) Jigoku Shōjo Mitsuganae Original Sound Track -Soushoku-, Neowing. URL consultato il 22 aprile 2009.
  7. ^ (EN) Hell Girl Anime Debuts on IFC's Linear Channel Tonight, Anime News Network. URL consultato il 22 aprile 2009.
  8. ^ (EN) Sentai Adds Asu no Yoichi, Eyeshield 21, Hell Girl 2, Anime News Network. URL consultato il 26 febbraio 2010.
  9. ^ (EN) Sentai Acquires Xan'd, Hell Girl Season 3 Anime, Adds New Dubs, Anime News Network. URL consultato il 24 giugno 2010.
  10. ^ (JA) Dettagli sul dorama: 地獄少女 JIGOKU-SHOUJO, Furusaki Yasunari. URL consultato il 5 maggio 2009.
  11. ^ (JA) ”地獄少女”にまつわる謎とは? 『地獄少女 朱蘰(あけかづら)』, Famitsu, 28 giugno 2007. URL consultato l'8 luglio 2011.
  12. ^ (EN) Spencer, Hell Girl Hotline Opens On The PlayStation 2, Siliconera, 30 giugno 2009. URL consultato il 7 agosto 2011.
  13. ^ (JA) アニメやマンガのヒットに続け iモードで『地獄少女ぱずるだま』配信, Famitsu, 18 aprile 2007. URL consultato l'8 luglio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Siti ufficiali (in giapponese)

Altri collegamenti
anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga