Gunpei Yokoi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Gunpei Yokoi (横井軍平; Kyoto, 10 settembre 1941Komatsu, 4 ottobre 1997) è stato un autore di videogiochi e inventore giapponese.

A volte pronunciato Gumpei Yokoi, è stato uno degli impiegati più importanti per Nintendo, inventore della croce direzionale (ancora oggi utilizzata sulla maggior parte dei controller), e famoso soprattutto per aver creato le saghe di Metroid, Kid Icarus e Super Mario Land, e le console portatili Game & Watch, Game Boy e Virtual Boy.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Inventore di giocattoli[modifica | modifica sorgente]

Gunpei Yokoi si laureò in elettronica alla Doshisha University e fu assunto da Nintendo nel 1965 per manutenere le macchine che producevano le tradizionali carte da gioco giapponesi Hanafuda. Nel 1966, il presidente di Nintendo Hiroshi Yamauchi, visitò la fabbrica in cui lavorava Yokoi e notò un giocattolo che era stato ideato e costruito da Yokoi per intrattenersi durante il suo tempo libero. Yamauchi gli ordinò di sviluppare il suo giocattolo e di crearne un prodotto vendibile entro Natale. Si trattava di un piccolo braccio estensibile che fu commercializzato con il nome di "Ultra Hand", che fu un successo enorme.

Sviluppatore di videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Gunpei Yokoi continuò a creare giocattoli fino al 1974, anno in cui Nintendo decise di iniziare la produzione di videogiochi per abbandonare gradualmente il settore dei giocattoli. Divenne così uno dei primi sviluppatori di videogiochi di Nintendo, preceduto solo da Genyo Takeda. Mentre viaggiava sulla Shinkansen, Yokoi notò un uomo di affari annoiato che stava premendo i tasti della sua calcolatrice LCD. Da qui Yokoi si inventò la linea di console portatili Game & Watch. Nel 1981, Yokoi fu incaricato di supervisionare Shigeru Miyamoto, durante lo sviluppo di Donkey Kong. Fu così che le brillanti idee del giovane Miyamoto, ottennero attenzione da parte del presidente Yamauchi. Dopo il successo di Donkey Kong, Yokoi continuò a supervisionare Miyamoto, stavolta nello sviluppo di Mario Bros.. Yokoi suggerì l'aggiunta del Multiplayer e di dare alcune abilità superumane a Mario, come la possibilità di saltare da altezze incredibili senza subir danni. Dopodiché Yokoi sviluppò molti titoli con il team di sviluppo di Nintendo "R&D1", come Kid Icarus e Metroid. Progettò anche R.O.B. ed il famoso Game Boy.

Il ritiro da Nintendo[modifica | modifica sorgente]

Nel 1995 all'età di 54 anni, si dedicò allo sviluppo del Virtual Boy che fu un flop, ma questa non fu la motivazione del suo ritiro. Il suo collega, Yoshihiro Taki, sostiene che Yokoi avrebbe voluto dimettersi all'età di cinquanta anni, ma che avrebbe ritardato leggermente il suo ritiro rispetto al suo piano originale. Yokoi avrebbe voluto dedicare più tempo e risorse al Virtual Boy, ma Nintendo spinse affinché venisse rilasciato per dedicare più risorse allo sviluppo del Nintendo 64. Ammesso il fallimento di Virtual Boy, Yokoi si ritirò il 15 agosto 1996, dopo 31 anni di lavoro in Nintendo. Non si ritirò finché non completò lo sviluppo del Game Boy Pocket, come un regalo di addio nel luglio dello stesso anno. Yokoi fondò poco dopo una propria casa di produzione chiamata Koto Laboratory (e ivi ideando la console portatile WonderSwan, commercializzata da Bandai).

Morte e eredità[modifica | modifica sorgente]

Morì nel 1997 a causa di un incidente d'auto, mentre stava viaggiando sulla Hokuriku Expressway con il suo socio Etsuo Kiso, tamponando un camion guidato da Takashi Okushima. Dopo che i due ebbero lasciato l'auto per ispezionare i danni, Yokoi fu falciato da due auto che stavano passando. Yokoi morì due ore dopo. Yokoi ricevette nel 2003, il Lifetime Achievement Award della International Game Developers Association. GamesTrailer lo ha posizionato nella "Top Ten Game Creators".

Tra le sue invenzioni più rimarchevoli si annoverano la croce direzionale (D-pad) e la lightgun per l'uso nei videogiochi casalinghi. Fu il creatore della Principessa Daisy, che debuttò in Super Mario Land.

Controllo di autorità VIAF: 171017199 LCCN: n2011029030

Nintendo Portale Nintendo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nintendo