Giovanni Simeoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Simeoni
cardinale di Santa Romana Chiesa
Giovanni Simeoni 1878.png
CardinalCoA PioM.svg
Nato 12 luglio 1816 a Paliano
Consacrato arcivescovo 4 aprile 1875 dal cardinale Alessandro Franchi
Creato cardinale 15 marzo 1875 da papa Pio IX
Pubblicato cardinale 17 settembre 1875 da papa Pio IX
Deceduto 14 gennaio 1892 a Roma

Giovanni Simeoni (Paliano, 12 luglio 1816Roma, 14 gennaio 1892) è stato un arcivescovo italiano che divenne cardinale e segretario di Stato.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Simeoni frequentò il seminario di Palestrina, il Collegio Romano e, in seguito, studiò teologia e diritto canonico all’Università La Sapienza a Roma. I suoi studi furono finanziati dalla famiglia nobile dei Colonna, per la quale lavorava suo padre e per i cui rampolli egli stesso farà poi da insegnante.

Giovanni Simeoni fu ordinato presbitero nel 1839. Negli anni seguenti divenne segretario privato del Pontefice, auditore presso la nunziatura in Spagna, nonché auditore e poi segretario presso la Congregazione di Propaganda fide.

Il 5 marzo 1875 papa Pio IX lo nominò nunzio in Spagna, elevandolo a vescovo della sede titolare di Calcedonia. Nell'attesa dell'ordinazione episcopale, intervenuta il 4 aprile 1875, il Papa lo elevò il 15 marzo a cardinale in pectore, in quanto la nomina non fu resa nota fino al successivo 17 settembre.

Nel 1876 gli fu attribuito il titolo cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli. Dal 1876 al 5 marzo 1878 Simeoni fu cardinal Segretario di Stato. Dal 1878 egli ricoprì diversi prestigiosi incarichi, fra i quali quello di Prefetto del Palazzo apostolico e della Congregazione di Propaganda Fide. Partecipò al conclave del 1878 che elesse papa Leone XIII.

Dal 1884 al 1892 fu cardinale presidente (responsabile) del Pontificio seminario romano dei santi apostoli Pietro e Paolo per le missioni estere.

Dal 1885 al 1886 fu Camerlengo del Sacro Collegio.

Giovanni Simeoni – che era stato un grande intenditore e collezionista di opere d'arte – quando morì lasciò alla Santa Sede la propria raccolta.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo titolare di Calcedonia Successore Archbishop CoA PioM.svg
Pierre-Dominique-Marcellin Bonamie
1837 - 1874
5 marzo - 17 settembre 1875 Vincenzo Leone Sallua
1877 - 1897
Predecessore Nunzio apostolico per la Spagna Successore Flag of the Vatican City.svg
vacante
dal 1869
1875 - 1876 Giacomo Cattani
1877 - 1879
Predecessore Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore CardinalCoA PioM.svg
Luis de la Lastra y Cuesta
(1867-1876)
1876-1892 Ignazio Persico O.F.M. Cap.
1893 - 1895
Predecessore Presidente del Pontificio seminario romano dei santi apostoli Pietro e Paolo per le missioni estere Successore CardinalCoA PioM.svg
Domenico Consolini
1874 - 1884
1884 - 1892 Mariano Rampolla del Tindaro
1892 - 1894
Predecessore Cardinale Segretario di Stato Successore Emblem Holy See.svg
Giacomo Antonelli
(1848-1876)
1876 - 5 marzo 1878 Alessandro Franchi
5 marzo - 31 luglio 1878
Predecessore Prefetto di Propaganda Fide Successore Emblem Holy See.svg
Alessandro Franchi
1874 - 5 marzo 1878
5 marzo 1878 - 1892 Mieczysław Halka Ledóchowski
1892 - 1902
Predecessore Camerlengo del Sacro Collegio Successore Sede vacante.svg
Mieczysław Halka Ledóchowski
1884 - 1885
1885 - 1886 Domenico Bartolini
1886 - 1887

Controllo di autorità VIAF: 32772700