Giorgio Mondadori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Mondadori (Ostiglia, 10 gennaio 1917Figline Valdarno, 10 gennaio 2009) è stato un editore e dirigente sportivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Arnoldo Mondadori, fratello di Alberto, Giorgio Mondadori fu presidente dal 1968 al 1976 della casa editrice Mondadori Editore.
Tra le riviste da lui fondate:

Durante la sua presidenza commissionò all'architetto brasiliano Oscar Niemeyer il complesso cinto da un grande lago che, dal 1975, è la sede del Gruppo Mondadori a Segrate.
Nel 1976 partecipò alla fondazione del quotidiano la Repubblica, di cui fu per un brevissimo periodo co-editore insieme a Carlo Caracciolo.

Nel 1977 cedette il 25% del pacchetto azionario della Mondadori, lasciò la presidenza e fondò una propria casa editrice, la «Giorgio Mondadori e Associati».
L'azienda si è specializzata nei mensili destinati a un pubblico medio-alto:

  • AD (Architectural Design)
  • Airone e Gardenia (che ha rilevato dalla Mondadori Editore);
  • Antiquariato;
  • Gioielli;
  • Playboy;
  • Sirio.

Nel 1999 è stata ceduta all'imprenditore ed editore Urbano Cairo.

In ambito sportivo, è stato presidente dell'Associazione Calcio Verona dal 1953 al 1958, anno della fusione con l'Hellas, portando i gialloblu ad esordire in serie A nella stagione 1957-1958.

Giorgio Mondadori si è spento il 10 gennaio 2009, il giorno del suo 92-esimo compleanno, in una clinica privata di Figline Valdarno, nei dintorni di Firenze.

Predecessore Direttore di Topolino Successore
Paolo Lorenzini; Ettore Della Giovanna 1942 - 1943 Mario Gentilini