Gerry Byrne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gerry Byrne
Dati biografici
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 1969
Carriera
Giovanili
1953-1953 Liverpool Liverpool
Squadre di club1
1957-1969 Liverpool Liverpool 274 (2)
Nazionale
1963-1966 Inghilterra Inghilterra 2 (0)
Palmarès
Coppa mondiale.svg  Mondiali di calcio
Oro Inghilterra 1966
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gerry Byrne (Liverpool, 29 agosto 1938) è un ex calciatore inglese, di ruolo difensore. Campione del Mondo con l'Inghilterra nel 1966.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Giocò nel Liverpool sin dai tempi della scuola, quando aveva 15 anni nel 1953. Il manager Don Welsh gli offrì un contratto da professionista il giorno dopo il suo diciassettesimo compleanno il 30 agosto 1955. Due anni dopo debuttò con i Reds il 28 settembre 1957 e nella sconfitta per 5-1 rimediata contro il Charlton Athletic. Dovette aspettare altri quattro anni per segnare il suo primo gol che arrivò al 52' della vittoria 3-1 sul Brighton, in una gara della Second Division giocata ad Anfield Road il 3 febbraio 1962.

Il debutto fu l'unica apparizione nella stagione 1957-1958 e solo con l'arrivo di Bill Shankly ebbe maggiori opportunità di giocare, considerando che fino ad allora disputò solo 7 gare in tre stagioni, sommando 28 gare tra campionato e coppe nazionali nella stagione in cui il Liverpool arrivò per la quinta volta consecutiva terzo in Second Division.

Con Shankly diventò uno dei più utilizzati della rosa dei Reds che riuscirono a conquistare la promozione in Premier League, vincendo il titolo della Second Division con 8 punti di vantaggio sul Leyton Orient.

Nella prima stagione in Premier giocò in 38 delle 42 gare di campionato ed anche in tutte e 7 le gare della FA Cup del 1965 che vide il Liverpool arrivare in finale. La gara si disputò a Wembley il 1º maggio e lui la giocò con una clavicola rotta. Si infortunò al terzo minuto ma giocò il resto della partita e tutti i tempi supplementari[senza fonte] dopo i quali il Liverpool vinse la Coppa per la prima volta nella sua storia. Si procurò la frattura in uno scontro con il capitano del Leeds United Bobby Collins e, con le sostituzioni non ancora introdotte nel 1965, decise di continuare a giocare. Riuscì così, insieme ai compagni di squadra, a tenere l'infortunio nascosto agli avversari.[senza fonte] All'inizio del primo tempo supplementare servì l'assist che Roger Hunt trasformò nel gol del vantaggio: il 2-1 finale consegnò la prima vittoria al Liverpool in FA Cup.

Il suo non fu l'unico infortunio che rischiò di lasciare una squadra in dieci uomini nella finale della Coppa: lo precedettero i portieri Bert Trautmann nel 1955 e Ray Wood nel 1957, due ali Roy Dwight, 1959, e Dave Whelan nel 1960 e ultimo Len Chalmers nel 1961.[senza fonte] Due anni dopo la finale vittoriosa del Liverpool, la Federcalcio inglese permise di avere un sostituto nella finale della competizione.

La stagione 1965-1966 fu ancora trionfale per lui e i Reds che vinsero il secondo titolo in tre stagioni.

Rimase ad Anfield fino al 1969, quando un altro infortunio mise fine alla sua carriera.[senza fonte]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Al termine del campionato vinto dal Liverpool nella stagione 1965-1966, sia lui che l'ala Ian Callaghan e l'attaccante Roger Hunt vennero convocati da Alf Ramsey nella Nazionale inglese per il Campionato mondiale di calcio 1966 giocato in casa. Pur senza scendere in campo in nessuna delle gare della competizione, ebbe ugualmente l'onore di essere membro della squadra campione del mondo.

Giocò comunque 2 gare con la Nazionale, debuttando il 6 aprile 1963 a Wembley contro la Scozia, vinta dagli scozzesi per 2-1.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Liverpool: 1963-1964, 1965-1966
Liverpool: 1964-1965
Liverpool: 1964, 1965, 1966

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Inghilterra 1966

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]