Frans Pourbus il Giovane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Eleonora de' Medici, duchessa di Mantova, Firenze, Galleria Palatina

Frans Pourbus (Anversa, 1569Parigi, 19 febbraio 1622) è stato un pittore fiammingo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Frans il Vecchio e nipote di Pieter, fu un ritrattista apprezzato in tutta Europa: il suo stile denuncia sia l'influenza del padre che dei grandi ritrattisti della corte spagnola, come Juan Pantoja de la Cruz.

La sua opera fu apprezzata e richiesta da molte corti europee. Fu dapprima al servizio a Bruxelles dei governatori asburgici dove fu apprezzato da Vincenzo Gonzaga in visita a Bruxelles nel settembre 1599. Al seguito del duca, si trasferì a Mantova dove risiedette fino al 1609, contemporaneamente a Peter Paul Rubens che visse alla corte gonzaghesca dal 1601 al 1609. Nel frattempo opera anche a Innsbruck, Napoli e Torino.

Dal 1609 fu a servizio della corte di Francia, dove venne chiamato della regina di Maria de' Medici, sorella della duchessa di Mantova Eleonora de' Medici: per i re Enrico IV e Luigi XIII eseguì numerosi ritratti ufficiali, molti dei quali oggi conservati al Museo del Louvre. Ebbe una figlia con Elisabetta Francken nel 1614. Nel 1618, gli fu assegnato un assegno annuo come pittore del re, e nello stesso anno fu naturalizzato francese.

Opere di Frans Pourbus sono conservate presso il Prado di Madrid, il Rijksmuseum di Amsterdam ed il Metropolitan Museum of Art di New York.

Ritratto di Vincenzo I Gonzaga duca di Mantova, 1622 circa.

Il personaggio di Frans Pourbus compare nel racconto Il capolavoro sconosciuto di Honoré de Balzac assieme al pittore Nicolas Poussin.

Opere in Italia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Didier Bodart, Rubens e la pittura fiamminga del Seicento, Ministero per i beni culturali e ambientali - Soprintendenza ai Beni artistici e storici delle provincie di Firenze e Pistoia, Firenze 1977.
  • Marco Horak, Frans Pourbus II il Giovane tra i grandi ritrattisti nelle raccolte piacentine, in "Panorama Musei", Anno XVI, n. 2, agosto 2011

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 71448970 LCCN: nr2001000553

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura