Castello di Ambras

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Ambras
Castello di Ambras oggi
Castello di Ambras oggi
Ubicazione
Regione Tirolo Tirolo
Città Innsbruck
Informazioni generali
Tipo Castello

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Il Castello di Ambras in una stampa di Matthäus Merian
La sala spagnola
Facciata all'interno del castello di Ambras

Il Castello di Ambras (in tedesco Schloss Ambras) si trova ad Innsbruck, Austria. Situato nelle colline presso la città austriaca, il castello ne costituisce una delle più importanti attrazioni. La sua importanza storico-culturale è fortemente legata all'arciduca Ferdinando II.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come molti edifici europei, il Castello di Ambras porta una firma italiana, quella dell'architetto scaligero Giovanni Battista Guarienti. Originario di una delle più antiche famiglie della nobiltà veronese, il Guarienti era giunto alla corte dell'arciduca Ferdinando II, in Boemia, con la qualifica di sovrintendente dei palazzi che il figlio dell'imperatore possedeva nei paesi dell'Est europeo: Ungheria, Polonia, Cecoslovacchia.

Ferdinando II sognava di avvicinarsi a Vienna e per accelerare questo progetto, quando ancora non gli era permesso di lasciare il governatorato di Boemia, incaricò il Guarienti di trasformare in un palazzo il casino di caccia sulla collina che sovrastava Innsbruck. Il progetto affascinò il nobile architetto veronese che, ormai avanti con gli anni, aveva deciso che questo sarebbe stato l'ultimo lavoro al servizio dell'Asburgo, prima di fare ritorno in Italia. Ci mise un impegno tale che il palazzo divenne ben presto un castello degno del figlio dell'imperatore.

Congedandosi dall'arciduca, Giovanni Battista Guarienti pensava di far ritorno in riva all'Adige, ma cambiò idea quando Ferdinando II volle premiarlo donandogli vasti possedimenti in territorio trentino che l'artista veronese conosceva bene avendo sposato un'erede del ramo trentino dei conti Maffei. E così, il non più giovane artista si fermò a Malosco, dove costruì per sé e la famiglia un piccolo castello, divenuta sede, sino a pochi decenni or sono, del municipio di questa ridente località. Le proprietà che possedeva a Verona, secondo alcuni storici, vennero donate ai parenti rimasti nella città scaligera. La sua influenza sull'architettura imperiale durò almeno per un'altra generazione attraverso il figlio Domenico, pittore, scultore e architetto anch'egli: a Domenico Guarienti si devono una monumentale fontana Ohernberg e un'altra a Landeck. Partecipò inoltre, come suggerisce il Ridolfi nelle sue Lezioni di Manierismo, a lavori come scultore a Innsbruck e come pittore e affrescatore a Hall, Ambras, Rotholz, Thurneg e al Castello Nuovo di Vienna.

Esposizioni e collezioni[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Ambras funge come "succursale" del Kunsthistorisches Museum (in italiano Museo di Storia dell'Arte). Il castello fu costruito dall' arciduca Ferdinando II, che teneva qui i suoi ritratti e la sua collezione di armature. Oggi pero la maggior parte si trova a Vienna.

Notevoli sono la Camera dell'arte e delle curiosità, la galleria dei ritratti dei membri della casa d'Asburgo, che contiene oltre 200 ritratti di autori tra i quali spiccano Tiziano, Van Dyck e Velazquez, l' armeria e la sala spagnola. Qui d'estate vengono organizzati concerti. Da menzionare è anche il parco del castello in stile inglese.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]