Forte La Carnale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 40°40′16.43″N 14°46′48.5″E / 40.67123°N 14.78014°E40.67123; 14.78014

Forte La Carnale
Il Forte La Carnale visto dai suoi giardini e dal sottostante lungomare
Il Forte La Carnale visto dai suoi giardini e dal sottostante lungomare
Ubicazione
Stato attuale Italia Italia
Regione Campania Campania
Città Salerno
Informazioni generali
Tipo Torre cavallaria
Note Ministero Beni culturali
Sito web http://cir.campania.beniculturali.it/salerno

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Forte La Carnale di Salerno è una torre cavallaria edificata sulla costa, nei pressi della foce del fiume Irno. Questa roccaforte faceva parte di un sistema di difesa che fu realizzato a partire dal 1563 allo scopo di difendere la città dalle incursioni Saracene.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La torre (o forte) Carnale fu costruita intorno al 1569 dall’imprenditore Andrea Di Gaeta di Coperchia ed originariamente sorgeva direttamente sul mare. Si trova a poche centinaia di metri dalla foce del fiume Irno ed è relazionata come sistema difensivo con le "Torri costiere" di Angellara, Torrione e Vietri[2].

La struttura della Carnale è a pianta quadrata con merlature e presenta, nella parte superiore, un torrino per l'alloggio dei soldati. Essa apparteneva al tipo di torri dette torri cavallarie, da cui partivano uomini a cavallo per avvertire la popolazione in caso di attacco dal mare.

Infatti il nome deriva da una strage di Saraceni avvenuta nell'anno 872 attorno al promontorio (anticamente collegato alla collina detta "Mazzo della Signora") su cui sorge il forte. L'edificio viene chiamato anche "la Polveriera", giacché nell'Ottocento era adibito dai borbone a deposito militare di munizioni.

Il forte La Carnale fu teatro della strenua difesa di Salerno da parte del cosiddetto "Masaniello salernitano", Ippolito di Pastina, ribellatosi contro i soprusi degli Spagnoli nel Seicento: Ippolito scelse di dislocare il "Comando Popolare" della sua rivolta nell'antico forte La Carnale nel 1647 per quasi un anno.

Successivamente il forte nel 1764 raccolse i morti dovuti alla terribile carestia di quell'anno.

Il forte poi divenne una munita fortezza borbonica nel 1828, e se ne servì come osservatorio di manovre militari Francesco I. Dopo l'Unità d'Italia e fino al 1924 fu adibito a deposito di munizioni.

Nella seconda guerra mondiale fu rinforzato con "bunker" e subì molti danni durante lo sbarco di Salerno nel settembre 1943.

Attuale ristrutturazione[modifica | modifica sorgente]

Attualmente è stato completamente ristrutturato negli anni ottanta con due livelli provvisti di saloni per mostre ed esposizioni culturali, belvedere e locali di ristoro dotati di ascensore panoramico. Vi si fanno anche concerti e riunioni di varia natura.[3]

Fa parte di un complesso turistico sul litorale nel centro di Salerno, assieme ad impianti di tennis, hockey ed alla piscina coperta comunale. Dalla sua terrazza si domina un panorama molto vasto, che spazia il golfo di Salerno -nelle belle giornate con ottima visibilità- dalla costiera amalfitana alla costiera cilentana.[4]

Giardini[modifica | modifica sorgente]

Giardini della Carnale
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Salerno
Indirizzo Quartiere Torrione
Informazioni generali
Tipo giardino
Inaugurazione 2010
Gestore Comune di Salerno
Ingressi Via Scillato

Il Forte ha avuto, dopo la crescita urbana di Salerno negli anni cinquanta, una piccola area verde al livello stradale sul lato lungomare. Negli anni novanta era diventata degradata ed è stata recentemente rifatta dal Comune[5].

L'area dei giardini, di circa 20.000 m2, è stata recintata nel 2010 e vi sono stati piantati alberi di tipo molto frondoso con alcune palme.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ministero Beni Culturali: Torre La Carnale
  2. ^ Le Torri costiere di Salerno
  3. ^ Arte ed enogastronomia sul Forte La Carnale
  4. ^ Video del Forte La Carnale
  5. ^ I nuovi giardini del Forte La Carnale
  6. ^ Foto dei giardini

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


Salerno Portale Salerno: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Salerno