Ettore Ewen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ettore Ewen
Fotografia di {{{nome}}}
Ring name Ettore Ewen
William Langston
Biggie Langston
Big E Langston
Big E
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Tampa, Florida
1º marzo 1986
Altezza 180 cm
Peso 132 kg
Allenatore FCW Staff
Debutto 2009
Federazione WWE
Progetto Wrestling

Ettore Ewen (Tampa, 1º marzo 1986) è un wrestler statunitense. Sotto contratto con la WWE, vi lotta con il ring name di Big E .

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

WWE (2010-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Territori di sviluppo (2010-2012)[modifica | modifica wikitesto]

Ewen firma un contratto con la WWE nel 2009 debuttandovi nel 2010; compete in match di coppia. Nella puntata di NXT del 18 luglio, viene mandato in onda un promo proprio su Ettore Ewen, che sarà prossimo al debutto nel roster con il ring name sarà Big E Langston. Nell'edizione di NXT del 1º agosto, Langston fa il suo esordio in WWE, sconfiggendo Adam Mercer. Inizia una breve rivalità con Camacho, con tutti match vinti dal colosso Langston. Il 10 gennaio sconfigge Seth Rollins in un No Disqualification match e conquista l'NXT Championship. Il 23 gennaio, dopo aver battuto Axl Keegan, viene sfidato dal rientrante Conor O'Brian per l'NXT Championship. Il match si tiene nell'edizione pre-WrestleMania di NXT, dove Langston mantiene il titolo. Dopo aver battuto anche Brad Maddox e Damien Sandow per la difesa del titolo perde il NXT Championship contro Bo Dallas il 14 giugno 2013.

Roster principale (2012-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Big E Langston debutta nel main roster nella puntata di Raw del 17 dicembre 2012 dove interviene nel Main Event della serata colpendo John Cena, impegnato con Dolph Ziggler. A WrestleMania 29, Langston e Ziggler affronteranno Daniel Bryan e Kane per i titoli di coppia dove perderanno contro il Team Hell No. La notte successiva a Raw, sconfigge nel suo primo match in competizione singola, Daniel Bryan.

Nella puntata di SmackDown del 18 ottobre viene sconfitto da CM Punk. A fine match, Paul Heyman sbeffeggia Langston mentre Curtis Axel e Ryback cercano di aggredire Punk, ma Big E si schiera dalla parte del Best in the World, salvandolo ed effettuando un Turn Face. Nella puntata di Raw del 21 ottobre, sconfigge in coppia con CM Punk gli uomini di Paul Heyman, Curtis Axel e Ryback. Più tardi in serata, viene annunciato che Big E affronterà Curtis Axel il 27 ottobre nel KickOff di Hell in a Cell con in palio l'Intercontinental Championship. Ad Hell in a Cell, viene annunciato che Axel ha subito un infortunio e durante il kickoff, Langston sfida Dean Ambrose in un match valido per il WWE United States Championship vincendo per count-out. Nella puntata di Raw successiva al PPV, avviene il Rematch tra Langston e Ambrose per lo United States Championship ma il match termina in squalifica in favore di Langston a causa dell'interferenza di Roman Reigns e Seth Rollins, ma il match viene trasformato in un 6-man tag team match dove insieme agli Usos sconfigge lo Shield. Nella puntata di Raw del 4 novembre viene scelto a votazione come sfidante del campione WWE Randy Orton, perde il match dopo un'ottima prestazione.

Nell'edizione di Raw del 18 novembre 2013 Big E Langston sconfigge Curtis Axel laureandosi Intercontinental Champion. A Survivor Series mantiene il titolo sconfiggendo Curtis Axel. Nella puntata di WWE SmackDown del 6 dicembre sconfigge Fandango[1]. A TLC Big E Langston mantiene il titolo intercontinentale sconfiggendo Damien Sandow[2]. Nella puntata di RAW del 30 dicembre sconfigge Fandango dopo un match con in palio l'Intercontinental Championship. Alla Royal Rumble Langston partecipa al 30 man royal rumble match con il numero 29 ma viene eliminato da Sheamus.[3] A Elimination Chamber Big E sconfigge Jack Swagger mantenendo l'Intercontinental Championship.[4] Nella puntata di WWE Main Event del 26/03/14 Big E mantiene il titolo intercontinentale sconfiggendo Dolph Ziggler. A WrestleMania XXX partecipa alla Battle Royal dedicata alla memoria di André The Giant non riuscendo a vincerla. Ad Extreme Rules perde il titolo ai danni di Bad News Barrett.[5] Nell'edizione di Raw successiva al PPV viene sconfitto da Bad News Barrett non riuscendo a conquistare il titolo intercontinentale. A Payback viene sconfitto da Rusev. Nella puntata di Raw del 20 giugno sconfigge Damien Sandow. A Money in the Bank viene sconfitto di nuovo da Rusev. Il 25 luglio a SmackDown perde contro i RybAxel insieme a Kofi Kingston e si unisce alla stable di Xavier Woods. Il 16 settembre a Main Event, viene sconfitto da Seth Rollins.


New Day (2014-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Smackdown del 28 Novembre, debutta nella stable New Day insieme a Kofi Kingston e Xavier Woods, sconfiggendo Curtis Axel, Heath Slater e Titus O'Neil. Nell'edizione di SmackDown del 12 dicembre, sconfigge Goldust.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]
Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]
Manager[modifica | modifica wikitesto]
Wrestler di cui è stato manager[modifica | modifica wikitesto]
Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]
  • "I Can't Keep Still" - KPM Music WWE; (1 agosto 2012 - 24 aprile 2013)
  • "I Need Five" - Jim Johnston WWE (24 aprile 2013 - 8 novembre 2013)
  • "I Need Five V2" - Jim Johnston WWE (8 novembre 2013 - presente)
Condotta in pay-per-view[modifica | modifica wikitesto]

2013

2014

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Florida Championship Wrestling

Pro Wrestling Illustrated

  • 215° tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2011)

WWE NXT

WWE

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CUPACH'S WWE SMACKDOWN BLOG 12/13: Final TLC PPV hype with apologies, guest commentary, panhandling Santas, more!, pwtorch.com.
  2. ^ KELLER'S WWE TLC PPV REPORT 12/15: Ongoing coverage of Cena vs. Orton unification match, Bryan and Punk battle long odds, pwtorch.com.
  3. ^ Batista won the 30-Man Royal Rumble Match. URL consultato il 27 marzo 2014.
  4. ^ Intercontinental Champion Big E def. Jack Swagger. URL consultato il 27 marzo 2014.
  5. ^ Bad News Barrett def. Big E to become the new Intercontinental Champion. URL consultato il 10 maggio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]