Endesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Endesa
Sede di Endesa, a Madrid.
Sede di Endesa, a Madrid.
Stato Spagna Spagna
Fondazione 1944
Sede principale Madrid
Gruppo Italia Enel
Settore Energia
Prodotti
Sito web www.endesaonline.com

Endesa è la più grande società di energia elettrica in Spagna. Il suo Presidente è Borja Prado. Ha un portafoglio di oltre 20 milioni di clienti nel mondo (di cui la metà in Spagna) con una capacità di 97.600 GWh da energia nucleare, combustibili fossili ed energie rinnovabili. Può contare su partecipazioni in altri importanti settori quali il gas naturale e le telecomunicazioni.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La società è stata fondata nel 1944 con il nome di Empresa Nacional de Electricidad e ha scelto l'attuale ragione sociale nel 1997. Nel 2004 ha acquisito la società elettrica francese Société Nationale d'Electricité et de Thermique. In Italia ha acquistato una delle tre genco che l'ENEL ha dovuto mettere in vendita conseguentemente all'apertura del mercato elettrico italiano avvenuta a partire dal 1999 con il decreto legislativo 16 marzo 1999 № 79.

La società operava in Italia come Endesa Italia, ora assorbita da E.ON e diventata E.ON Produzione S.p.A... La società è stata nel mirino di diverse aziende come la catalana Gas Natural (per la verità grande poco più della metà di Endesa) e soprattutto la tedesca E.ON. Sullo scadere dell'OPA tedesca, è passata in vantaggio la cordata Enel-Acciona per la conquista dell'azienda spagnola, il 30 luglio 2007.

Azionariato prima dell' uscita di Acciona[modifica | modifica sorgente]

La compagine azionaria è composta da Enel Energy Europe S.r.l. con il 67,053%, Finanza Dos S.A. con il 20% e Acciona S.A. con il 25,01%.

Endesa viene acquisita da ENEL[modifica | modifica sorgente]

Il 20 febbraio 2009 ENEL porta la sua partecipazione in Endesa al 92,06% rilevando per 11,1 miliardi di euro il 25,01% in mano ad Acciona S.A. Il pagamento avverrà con 8 miliardi in contanti (finanziati a ENEL da Banco Santander, Banco Bilbao Vizcaya Argentaria, Intesa Sanpaolo, Royal Bank of Scotland, La Caixa, Calyon, Bnp Paribas, Natixis, Caja Madrid, The Bank of Tokyo-Mitsubishi UFJ, Mediobanca e Unicredit) e con la cessione di asset di produzione di energia rinnovabile per un valore di 3,1 miliardi. ENEL torna al secondo posto tra le utility in Europa con una potenza installata di 94.300 MW.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende