Enel Green Power

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enel Green Power S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Borse valori
Fondazione Dicembre 2008
Gruppo Enel
Persone chiave
  • Luigi Ferraris (presidente)
  • Francesco Venturini (amministratore delegato)
Settore Energia
Prodotti Energia elettrica
Dimensioni azienda
Fatturato Green Arrow Up.svg2.996 milioni di [1] (2014)
Risultato operativo Red Arrow Down.svg1.021 milioni di [1] (2014)
Utile netto Green Arrow Up.svg528 milioni [1] (2014)
Dipendenti Green Arrow Up.svg3609 [1] (2014)
Sito web www.enelgreenpower.com

Enel Green Power S.p.A. è una multinazionale italiana nata come spin-off di Enel il 1° dicembre 2008 per le attività di generazione elettrica nei settori solare, geotermico, eolico, idroelettrico e biomasse. Ha sede in Roma ed opera in Italia, Spagna, Francia, Grecia, Europa dell’Est, Stati Uniti, Canada, Messico, Sud America e Sud Africa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Enel Green Power viene fondata il 1° dicembre del 2008 per concentrare le attività di Enel nella produzione di energia da fonti rinnovabili. Al momento della sua costituzione rappresentava la più grande realtà europea nel settore delle energie rinnovabili tanto per capacità installata quanto per presenza internazionale[2].

In seguito alla sua fondazione sono state progressivamente conferite ad Enel Green Power le attività del ramo delle rinnovabili sino ad allora detenute da Enel Produzione Spa in Italia e quelle facenti capo ad Enel Investment Holding all’estero (Enel Latin America BV, Enel Erelis, Endesa)[3].

Nel novembre del 2010, dopo l’acquisizione da parte di Enel di Endesa (giugno 2009), è stata varata un’offerta pubblica iniziale del 30,8% di Enel Green Power per la Borsa Italiana e per la Bolsa de Madrid, realizzando € 2,6 miliardi di ricavi. L’Ipo di EGP in Italia e Spagna è stata gestita da PricewaterhouseCoopers ed ha interessato circa 340 mila investitori, generando una domanda di circa 1.260 milioni di azioni (di cui 520 milioni sottoscritte da investitori istituzionali)[4]. La società è quotata sui mercati azionari di Milano e di Madrid e su quelli regionali di Barcellona, Bilbao e Valencia.

Attività produttiva[modifica | modifica wikitesto]

Più della metà degli impianti di Enel Green Power si trova in Italia, per una capacità installata netta di circa 2.830 MW. Il mix di produzione comprende geotermico, idroelettrico, eolico e solare, il cui sviluppo ha avuto un forte impulso nel 2011.

Enel Green Power ha 34 impianti situati in Toscana, per una capacità di 728 MW, che forniscono una produzione annua di circa 5 miliardi di kWh.

Nel campo dell'energia solare Enel Green Power utilizza il modello di franchising Enel Green Power Retail. Inoltre, una fabbrica di pannelli fotovoltaici a film sottile è stata inaugurata nel 2011 a Catania, attraverso una joint venture con Sharp e STMicroelectronics (3Sun S.r.l.). La produzione di energia elettrica da energia solare è garantita da 67 MW installati nel 2011 (dati di fine settembre).

Tecnologie[modifica | modifica wikitesto]

Geotermica[modifica | modifica wikitesto]

L'Italia è il più grande produttore di energia elettrica da fonte geotermica, che venne usata per la prima volta nel 1904 a Larderello in Toscana.[5][6][7] La centrale di Larderello è gestita da Enel Green Power che opera nella regione 34 impianti ad energia geotermica con una capacità totale di circa 875,5 MW in grado di soddisfare oltre il 26% del fabbisogno regionale.[8][9]

Negli Stati Uniti d'America gestisce tre centrali: due, di cui una ibrida solare-geoterminco, a Churchill County, Nevada e una a Cove Fort nello Utah.[10][11][12]

In Turchia in partnership con Uzun dal 2011, conduce rilievi per identificare aree per produzione di energia da fonte geotermica.[13]

Ibrida solare-geotermica[modifica | modifica wikitesto]

Enel Green Power ha progettato e realizzato il primo impianto ibrido solare e geotermico che combina le due fonti energetiche incrementando la capacità di produzione di energia elettrica. La prima centrale di questo tipo, Stillwater Geothermal/Solar Power Plant, si trova in a Fallon in Nevada (USA) e ha ricevuto un finanziamento di $40 milioni di dollari in sgravi fiscali con il Recovery Act americano.[14][15] Nella prima metà del 2014 sono stati avviati i lavori per integrare alla centrale un impianto solare termodinamico che aggiungerà un'ulteriore capacità di 17 MW ai 33 MW esistenti.[16][17][18]

Nella seconda metà del 2014, Enel Green Power ha avviato una collaborazione con il National Renewable Laboratory (NREL) e l'Idaho National Laboratory (INL), sotto la supervisione dello US Department of Geothermal Technologies Office (GTO), tramite un accodo di ricerca e sviluppo cooperativo (Cooperative Research and Development Agreement, CRADA), al fine di utilizzare i dati della centrale di Stillwater per innovare ulteriormente in questa tecnologia.[19][20]

Ibrida biomasse-geotermica[modifica | modifica wikitesto]

Enel Green Power sta realizzando a Castelnuovo Val di Cecina, Pisa (Toscana), la centrale "Cornia 2", prima centrale al mondo ibrida geotermica-biomasse, in cui le biomasse, risultanti dal settore agricolo e attività connesse nel raggio di 70 km dalla centrale, contribuiscono a riscaldare i vapori geotermici di oltre il doppio (da 150-160 gradi a 370-380 gradi), incrementando così la capacità di produzione di energia elettrica. Nel caso della centrale di Castelnuovo Val di Cecina, l'incremento della capacità è previsto in 5 MW oltre i 13 MW attuali.[21][22][23][24][25][26][27][28][29]

Fotovoltaico e solare termico[modifica | modifica wikitesto]

A Enel Green Power fa capo anche Enel.si, società operante nel settore del fotovoltaico con una quota di mercato di circa 15%; presente anche nel solare termico Enel.si opera direttamente e attraverso una rete in franchising di circa 400 installatori.

Solare termodinamico e CSP (Concentrated Solar Power)[modifica | modifica wikitesto]

La società opera anche nel solare termodinamico e tecnologia CSP (Concentrated Solar Power), al quale contribuisce nella ricerca e sviluppo insieme ad ENEA. In questo settore sulla base degli studi del premio Nobel Carlo Rubbia, ha realizzato nel 2010 la centrale solare termodinamica Archimede a Priolo Gargallo (Siracusa, Sicilia) da 5 MW, nella quale degli specchi parabolici concentrano i raggi del sole su un fluido di sali fusi che raggiungono temperature di oltre 500 gradi e sono in grado di conservare il calore per molte ore, trasformando acqua in vapore ed attivando quindi delle tradizionali turbine a vapore che producono elettricità. L'obiettivo è quello di incrementare l'efficienza di questo tipo di centrali in modo da renderle competitive rispetto ad altre fonti.[30][31][32][33][34][35][36]

Idroelettrico[modifica | modifica wikitesto]

A Panama la società gestisce la centrale di Fortuna, 300 MW presso Chiriquì, che copre circa il 25% dell'intera generazione elettrica nazionale. L'impianto è situato nella Riserva Forestale di Fortuna.

Eolico[modifica | modifica wikitesto]

Nel settore eolico l’esperienza di Enel Green Power risale al 1984, quando Enel ha realizzato in Sardegna il primo campo eolico italiano. In USA nell'ottobre 2008 è entrata in servizio la centrale da 250 MW di Smoky HillsKansas -, mentre nel gennaio 2008 a SnyderTexas - è stata completata l'installazione di 21 turbine da 3 MW.

Ibrida solare-eolica e cogenerazione[modifica | modifica wikitesto]

In Cile, a Ollague, nel 2014 ha avviato la realizzazione di una mini-centrale ibrida solare-eolica di cogenerazione di energia elettrica e di acqua calda, indipendente dal sistema elettrico nazionale, in grado di soddisfare il fabbisogno medio di 150 famiglie con una capacità 232 kW.[37][38]

Energia marina[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2014 Enel Green Power e DCNS sono state selezionate in Cile da CORFO (Corporación de Fomento de la Producción) per svolgere attività di ricerca e sviluppo nell'ambito delle tecnologie per l'uso dell'energia marina. A tale scopo viene realizzato il centro per la ricerca e l'innovazione per l'energia marina (Marine Energy Research and Innovation Centre, MERIC).[39]

Attività internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Presenza internazionale (marzo 2015) - Le aree grigio/verdi indicano i paesi dove Enel Green Power ha partecipato o intende partecipare a gare[40]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Bulgaria[modifica | modifica wikitesto]

In Bulgaria, tramite Enel Green Power Bulgaria, opera due impianti eolici, acquisiti nel 2008 e la cui capacità è stata raddoppiata nel 2010, per un totale di 42 MW. Gli impianti sono localizzati a Kamen Bryag e Shabla nel nord-est del paese lungo la costa del Mar Nero.[41][42][43] Nel 2011 era in programma la vendita degli impianti.[44][45][46]

Grecia[modifica | modifica wikitesto]

In Grecia con Enel Green Power Hellas dispone di centrali idroelettriche (19 MW), fotovoltaiche (71 MW) ed eoliche (199 MW) per un totale di 289 MW.[47][48][49][50][51]

Romania[modifica | modifica wikitesto]

Con Enel Green Power Romania, produce energia elettrica per una capacità totale di 534 MW.[52][53]

Russia[modifica | modifica wikitesto]

In Russia Enel Green Power intende partecipare nel corso 2015 a gare per la produzione di 2.1 GW di energia da fonti alternative.[40]

Spagna e Portogallo[modifica | modifica wikitesto]

Con Enel Green Power España produce energia per una capacità totale in Spagna di 1.745 MW e in Portogallo di 163 MW.[54][55]

Turchia[modifica | modifica wikitesto]

In Turchia Enel Green Power ad inizio 2015 è in gara per la realizzazione di centrali fotovoltaiche per 600 MW.[40]

Nord America[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti d'America e Canada[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti d'America e in Canada produce energia idroelettrica, geotermica, eolica e a biomasse con Enel Green Power North America (precedentemente nota come Enel North America[56]) controllata da Enel Green Power per una capacità totale di 2.083 MW (1.980 MW negli USA e 103 in Canada).[57]

Centro America[modifica | modifica wikitesto]

Costa Rica[modifica | modifica wikitesto]

Tramite Enel de Costa Rica, S.A, controllata di Enel Green Power Latin America, in Costa Rica produce energia elettrica per un totale di 55 MW da energia eolica (24 MW) e da energia idroelettrica (31 MW).[58][59] La nuova centrale idroelettrica di Chucás in costruzione porterà ulteriori 50 MW.[60][61][62][63][64][65][66]

Guatemala[modifica | modifica wikitesto]

In Guatemala con Enel Green Power Guatemala produce 163 MW di energia idroelettrica.[67][68][69]

Messico[modifica | modifica wikitesto]

Enel è presente in Messico dal 2007. Tramite Enel Green Power produce energia per 399 MW da energia eolica (346 MW) e da energia idroelettrica (53 MW).[70][71][72][73][74]

Panama[modifica | modifica wikitesto]

A Panama, tramite Enel Fortuna, controllata di Enel Green Power Panama, produce energia con una capacità totale di 300 MW, pari al 23% del fabbisogno nazionale panamense nel 2014, e ha progetti per costruire nuove centrali fotovoltaiche per ulteriori 29.9 MW[75][76][77][78][79]

Sud America[modifica | modifica wikitesto]

In America Latina tramite Enel Green Power, Enel è nel 2014 il secondo produttore di energia elettrica da fotovoltaico con progetti che lo porteranno nei prossimi anni a decuplicare la produzione fotovoltaica diventando il primo produttore di energia fotovoltaica nella regione.[80]

Brasile[modifica | modifica wikitesto]

Tramite la controllata Enel Brasil Participações Ltda produce energia elettrica da fonti rinnovabili per 376 MW da energia fotovoltaica (203 MW) e da energia idroelettrica (173 MW) con piani di espansione per 378 MW.[81][82][83][84][85][86]

Cile[modifica | modifica wikitesto]

In Cile produce oltre 300 MW da energia idroelettrica ed eolica e sta esplorando concessioni per energia geotermica.[87][88][89][90][91][92][93][94]

Uruguay[modifica | modifica wikitesto]

In Uruguay sta realizzando un impianto ad energia eolica per 50 MW.[95][96][97][98][99]

Africa[modifica | modifica wikitesto]

Kenya[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi del 2015 ha partecipato a gare per la produzione di 300 MW da energia geotermica.[40]

Marocco[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi del 2014 venne espresso l'obiettivo per Enel Green Power produrre energia eolica in Marocco, concretizzatosi a fine 2014 con la partecipazione al bando per la costruzione di 5 centrali eoliche per un totale di 850 MW di capacità.[40][100][101][102][103]

Sud Africa[modifica | modifica wikitesto]

In Sud Africa ha avviato una centrale fotovoltaica per 10 MW. Sono inoltre previste realizzazioni di impianti eolici e fotovoltaici per 513 MW.[102][104][105][106][107][108]

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d ENEL GREEN POWER: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI 2014 in www.enelgreenpower.com, 12º marzo 2014. URL consultato il 19º marzo 2015.
  2. ^ Francesco Renda e Francesco Ricciuti, Tra economia e politica: l'internazionalizzazione di Finmeccanica, Eni ed Enel, Firenze, Firenze University Press, 2010, p. 88.
  3. ^ Francesco Renda e Francesco Ricciuti, Tra economia e politica: l'internazionalizzazione di Finmeccanica, Eni ed Enel, Firenze, Firenze University Press, 2010, pp. 88-90.
  4. ^ PwC e l'IPO di Enel Green Power. URL consultato il 1 aprile 2015.
  5. ^ (EN) Ronald DiPippo, Geothermal Power Plants: Principles, Applications, Case Studies and Environmental Impact, Elsevier, 8 aprile 2011, ISBN 9780080554761.
  6. ^ (EN) Nick Hodge, Energy Investing For Dummies, John Wiley & Sons, 16 agosto 2013, ISBN 9781118233238.
  7. ^ (EN) Geothermal, Italy places fifth globally. Opportunities and risks for investors - See more at: http://www.investintuscany.com/invest_in_tuscany_view_news/137/geothermal-italy-places-fifth-globally-opportunities-and-risks-for-investors#sthash.N7vWXqI1.dpuf su Invest in Tuscany. URL consultato il 19 marzo 2015.
  8. ^ Geotermico su Enel Green Power. URL consultato il 19 marzo 2015.
  9. ^ (EN) Francesco Razzano e Maurizio Cei, Geothermal Power Generation in Italy 2010-2014 Update Report su Stanford University. URL consultato il 19 marzo 2015.
  10. ^ (EN) Major Companies su Geothermal Energy Association. URL consultato il 19 marzo 2015.
  11. ^ (EN) West & Midwest US su Enel Green Power. URL consultato il 19 marzo 2015.
  12. ^ (EN) Mauro Battocchi, Italy’s Enel Invests in Geothermal Renewable in Utah su San Francisco Italy, 11 dicembre 2013. URL consultato il 19 marzo 2015.
  13. ^ (EN) Geothermal, Enel’s expertise in Turkey su Enel, 11 aprile 2011. URL consultato il 19 marzo 2015.
  14. ^ (EN) Enel Green Power Stillwater Hybrid Power Plant su Clean Energy Action Project. URL consultato il 19 marzo 2015.
  15. ^ (EN) Angela Neville, TOP PLANT: Stillwater Solar-Geothermal Hybrid Plant, Churchill County, Nevada su Power, 12 gennaio 2012. URL consultato il 19 marzo 2015.
  16. ^ (EN) ENEL GREEN POWER: WORK UNDERWAY ON TWO INNOVATIVE POWER PLANTS IN CHILE AND USA su Enel, 1 aprile 2014. URL consultato il 22 marzo 2015.
  17. ^ (EN) World’s first commercial CSP-geothermal hybrid underway su CSP Today, 16 maggio 2014. URL consultato il 22 marzo 2015.
  18. ^ (EN) Enel beefs up US hybrid su Renews, 2 aprile 2014. URL consultato il 22 marzo 2015.
  19. ^ Enel Green Power: ricerca scientifica su impianti ibrido negli USA su ZeroEmission, 27 agosto 2014. URL consultato il 21 marzo 2015.
  20. ^ (EN) ENEL GREEN POWER SIGNS FIRST COOPERATIVE RESEARCH AND DEVELOPMENT AGREEMENT IN THE US FOR STILLWATER HYBRID PLANT su Enel, 4 agosto 2014. URL consultato il 22 marzo 2015.
  21. ^ (EN) Near Pisa, the first integrated geothermal-biomass plant su Invest in Tuscany. URL consultato il 21 marzo 2015.
  22. ^ (EN) Enel Green Power building world’s first integrated biomass and geothermal plant su World of Geothermal, 14 novembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2015.
  23. ^ (EN) Enel Moves Hybrid Renewables Forward Again with World's First Biomass and Geothermal Project su Renewable Energy World, 24 dicembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2015.
  24. ^ In Toscana il primo ibrido al mondo geotermia – biomasse su Energie Rinnovate, 20 novembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2015.
  25. ^ In Toscana il primo impianto ibrido biomassa geotermia mai realizzato su Rinnovabili.it, 14 novembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2014.
  26. ^ Impianti Fer ibridi: in Toscana il primo al mondo che integra geotermia e biomassa su Casa e Clima, 14 novembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2015.
  27. ^ Energia pulita, a Pisa primo impianto ibrido al mondo che unisce geotermia e biomasse su TGCOM24, 14 novembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2015.
  28. ^ Roberta Ragni, Rinnovabili ibride: in Toscana primo impianto al mondo che integra geotermia e biomassa su GreenBiz, 13 novembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2015.
  29. ^ Cristiano Sala, Enel Green Power, geotermia e biomassa in Toscana su Rinnovabili e Risparmio, 20 novembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2015.
  30. ^ (EN) The Archimedes Project su Enel France. URL consultato il 22 marzo 2015.
  31. ^ (EN) Mauro Vignolini, ENEA Thermodynamic Solar Project su Confindustria Ixi, 8 novembre 2010. URL consultato il 22 marzo 2015.
  32. ^ (EN) Italy's Enel opens innovative solar power plant su Phys.org, 14 luglio 2010. URL consultato il 22 marzo 2015.
  33. ^ (EN) High efficency integration of thermodynamic solar plant with natural gas combined cycle su IEEE Explore. URL consultato il 22 marzo 2015.
  34. ^ (EN) Mariyana Yaneva, Enel kicks off Archimede thermodynamic station su SeeNews Renewables, 16 luglio 2014. URL consultato il 22 marzo 2015.
  35. ^ (EN) ENEL opens "world's first" molten-salt/solar plant su Process Engineering, 14 luglio 2010. URL consultato il 22 marzo 2015.
  36. ^ G. Lorenzini, C. Biserni e G. Flacco, Solar Thermal and Biomass Energy, WIT Press, 2010, pp. 115-116, ISBN 9781845641474.
  37. ^ Enel Green Power: al via i lavori per due impianti innovativi in Cile e Usa su Trend Online. URL consultato il 21 marzo 2015.
  38. ^ Impianto fotovoltaico ibrido Greenpower su Il Nuovo Cantiere, 20 maggio 2014. URL consultato il 21 marzo 2015.
  39. ^ ENEL GREEN POWER E DCNS INSIEME PER IL PRIMO CENTRO DI RICERCA PER L’ENERGIA MARINA IN CILE su Enel, 29 ottobre 2014. URL consultato il 19 marzo 2015.
  40. ^ a b c d e (EN) EGP in Global Green Energy Contests su Enel Green Power, 24 febbraio 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  41. ^ Grecia e Bulgaria su Enel Green Power, 31 dicembre 2013. URL consultato il 17 marzo 2015.
  42. ^ Italy's Enel Launches Second 21 MW Wind Farm in Bulgaria su SeeNews, 10 maggio 2010. URL consultato il 17 marzo 2015.
  43. ^ (EN) Heather O’Brian, Enel doubles Bulgarian capacity with second wind farm su Wind Power Monthly, 11 maggio 2010. URL consultato il 17 marzo 2015.
  44. ^ Enel Wraps Up Sale of Bulgaria Plant Stake su novinite.com, 28 giugno 2011. URL consultato il 17 marzo 2015.
  45. ^ ENEL GREEN POWER DOUBLES ITS WIND CAPACITY IN BULGARIA su Enel, 10 maggio 2010. URL consultato il 17 marzo 2015.
  46. ^ (EN) ENEL TO SELL WIND FARMS IN KAMEN BRYAG AND SHABLA su kamenbryag. URL consultato il 17 marzo 2015.
  47. ^ Grecia su Enel. URL consultato il 17 marzo 2015.
  48. ^ Peppe Croce, Fotovoltaico, Enel Green Power costruirà 100 MW in Grecia su GreenBiz, 30 ottobre 2013. URL consultato il 17 marzo 2015.
  49. ^ (EN) Enel Green Power Hellas - Brief Corporate Profile su Enel Green Power. URL consultato il 17 marzo 2015.
  50. ^ Carlo Robino, Enel Green Power: si espande nel fotovoltaico in Grecia su Investire Oggi, 30 gennaio 2013. URL consultato il 17 marzo 2015.
  51. ^ FOTOVOLTAICO: L’ENEL INVESTE ANCHE IN GRECIA su Info Fotovoltaico, 30 ottobre 2013. URL consultato il 17 marzo 2015.
  52. ^ Enel Romania su Enel, 30 settembre 2014. URL consultato il 17 marzo 2015.
  53. ^ Francesco Renda e Roberto Ricciuti, Tra economia e politica: l'internazionalizzazione di Finmeccanica, Eni ed Enel, Firenze University Press, 2010, pp. 81-85, ISBN 9788864531694.
  54. ^ Spagna su Enel Green Power, 27 novembre 2013. URL consultato il 17 marzo 2015.
  55. ^ Portogallo su Enel Green Power, 31 dicembre 2013. URL consultato il 17 marzo 2015.
  56. ^ (EN) Company Overview of Enel Green Power North America, Inc su Bloomberg. URL consultato il 18 marzo 2015.
  57. ^ USA su Enel, 30 settembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  58. ^ Costa Rica su Enel, 30 settembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  59. ^ (EN) Costa Rica su Enel Green Power, 31 dicembre 2013. URL consultato il 18 marzo 2015.
  60. ^ (EN) Chucás Hydroelectric plant su Enel Green Power. URL consultato il 18 marzo 2015.
  61. ^ (EN) Enel secures EUR10m funding for renewable energy projects in Mexico, Costa Rica su Spencer Ogden Oil+Gas, 19 dicembre 2012. URL consultato il 18 marzo 2015.
  62. ^ (ES) FCC construirá en Costa Rica una central hidroeléctrica para Enel Green Power su iagua. URL consultato il 18 marzo 2015.
  63. ^ (EN) Dobromir Gyulev, Simest to invest in Enel Green Power projects in Costa Rica, Mexico su SeeNews Renewables, 18 dicembre 2012. URL consultato il 18 marzo 2015.
  64. ^ Leonardo Taborda, Enel Green Power Expands Hydroelectric Operations in Costa Rica su Ecole Travel, 4 aprile 2011. URL consultato il 18 marzo 2015.
  65. ^ (EN) Enel begins construction of hydroelectric plant in Costa Rica su Costa Rica News. URL consultato il 18 marzo 2015.
  66. ^ (EN) Chucas Hydro Project Construction Begins in Costa Rica su Renewable Energy World, 23 marzo 2011. URL consultato il 18 marzo 2015.
  67. ^ Guatemala su Enel, 30 settembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  68. ^ (EN) Guatemala su Enel Green Power, 31 dicembre 2013. URL consultato il 18 marzo 2015.
  69. ^ (EN) Palo Viejo Hydroelectric Plant, El Quiché, Guatemala su Power Technology. URL consultato il 18 marzo 2015.
  70. ^ Messico su Enel, 30 settembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  71. ^ Messico su Enel Green Power, 31 dicembre 2013. URL consultato il 18 marzo 2015.
  72. ^ Enel firma intesa con Messico su geotermia su ANSA.it, 14 gennaio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  73. ^ Enel Green Power, nuovo impianto eolico in Messico su First Online, 4 marzo 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  74. ^ Enel Green Power attiva un nuovo impianto eolico in Messico su La Stampa, 4 marzo 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  75. ^ Panama su Enel, 30 settembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  76. ^ (EN) Panama su Enel Green Power, 31 dicembre 2013. URL consultato il 18 marzo 2015.
  77. ^ Edgar Meza, Panama approves 29 MW of PV projects su pv magazine, 5 maggio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  78. ^ (EN) Panama approves two new solar power projects su PV Tech, 7 maggio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  79. ^ (EN) Panama’s First Solar Farm su Energy Matters, 17 febbraio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  80. ^ (EN) Here Are the Top 10 Solar Developers in Latin America su GreeTech Solar, 5 febbraio 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  81. ^ Brasile su Enel, 30 settembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  82. ^ Brasile su Enel Green Power, 14 maggio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  83. ^ Enel Gp: punta 200 mln dlr in Brasile su ANSA.it, 2 marzo 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  84. ^ Enel Green Power avvia lavori per due impianti fotovoltaici in Brasile su Romagna Noi, 20 febbraio 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  85. ^ Enel Green Power si aggiudica 114 Mw eolico in una gara in Brasile su Affari Italiani, 1 dicembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  86. ^ ENEL GREEN POWER: ENTRA IN ESERCIZIO NUOVO PARCO EOLICO IN BRASILE su Enel, 30 dicembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  87. ^ Cile su Enel Green Power, 31 dicembre 2013. URL consultato il 18 marzo 2015.
  88. ^ Enel Gp: Entra in esercizio l’impianto eolico Talinay Poniente in Cile su Il Velino, 11 marzo 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  89. ^ Cile su ANSA.it, 30 dicembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  90. ^ Enel Green Power avvia lavori per 2 impianti fotovoltaici in Cile su Il Ghirlandaio. URL consultato il 18 marzo 2015.
  91. ^ EOLICO: ENEL GREEN POWER INVESTE 140 MILIONI DI $ IN CILE su TrasfEco. URL consultato il 18 marzo 2015.
  92. ^ Enel Gp: tre nuovi impianti fotovoltaici in Cile su ADNKronos, 29 dicembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  93. ^ Luigi Grassia, L’Enel costruisce in Cile il più grande dei parchi eolici su La Stampa, 14 agosto 2013. URL consultato il 18 marzo 2015.
  94. ^ Rocco Cotroneo, Cile, le rinnovabili avanzano con la tecnologia italiana su Corriere.it, 27 novembre 2012. URL consultato il 18 marzo 2015.
  95. ^ (EN) Melowind su Enel Green Power. URL consultato il 18 marzo 2015.
  96. ^ ENEL GREEN POWER STARTS CONSTRUCTING ITS FIRST WIND FARM IN URUGUAY su Enel, 28 luglio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  97. ^ (EN) Enel Green Power is growing in Chile, Brazil, Uruguay, South Africa and Morocco, increasing its wind energy and solar power capacity su REVE, 2 ottobre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  98. ^ (EN) Enel Green Power Starts Building Its First Wind Farm in Uruguay su Bloomberg, 28 luglio 2014.
  99. ^ Uruguay: ENEL GP gives go-ahead for construction of wind farm su Ministero degli Esteri, 29 luglio 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  100. ^ Mauro Introzzi, Enel Green Power, nuovo contratto in Marocco? su Soldionline, 21 novembre 2012. URL consultato il 18 marzo 2015.
  101. ^ Starace (Enel): dividendo confermato, strategico l'accordo con la Cina su Milano Finanza, 5 novembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  102. ^ a b Enel Green Power punta sull’eolico in Marocco e l’idroelettrico in Sudafrica su e-gazette, 24 marzo 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  103. ^ Jan Dodd, Morocco receives bids for 850MW tender su Wind Power Monthly, 9 settembre 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  104. ^ Gruppo. URL consultato il 18 marzo 2015.
  105. ^ ENEL GREEN POWER: AL VIA I LAVORI PER TRE NUOVI IMPIANTI IN SUD AFRICA su Enel, 10 marzo 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  106. ^ Enel G.P.: avvia lavori per 3 nuovi impianti in Sud Africa su Milano Finanza, 10 marzo 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  107. ^ Edoardo Fagnani, Enel Green Power, tre nuovi impianti fotovoltaici in Sud Africa su Soldionline, 10 marzo 2015. URL consultato il 18 marzo 2015.
  108. ^ Luca Pagni, Enel Green Power punta sugli emergenti: ma la nuova frontiera "green" è l'Africa su Repubblica.it, 3 aprile 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.
  109. ^ Situazione al 06/06/2014, Consob.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]