Diocesi di Bragança-Miranda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Bragança-Miranda do Douro
Dioecesis Brigantiensis-Mirandensis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Braga
Vescovo José Manuel Garcia Cordeiro
Vescovi emeriti António José Rafael,
António Montes Moreira, O.F.M.
Sacerdoti 90 di cui 82 secolari e 8 regolari
1.660 battezzati per sacerdote
Religiosi 10 uomini, 104 donne
Diaconi 4 permanenti
Abitanti 151.900
Battezzati 149.400 (98,4% del totale)
Superficie 6.545 km² in Portogallo
Parrocchie 326 (4 vicariati)
Erezione 22 maggio 1545 (Miranda)
10 luglio 1770 (Bragança)
in plena unione dal 27 maggio 1996[1]
Rito romano
Cattedrale Santa Maria Regina
Concattedrali Santa Maria
Santi patroni San Benedetto da Norcia
Indirizzo Rua Nova da Senhora das Graças, 5300-210 Bragança, Portugal
Sito web diocesebm.pt
Dati dall'Annuario Pontificio 2013 * *
Chiesa cattolica in Portogallo

La diocesi di Bragança-Miranda (in latino: Dioecesis Brigantiensis-Mirandensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Braga. Nel 2012 contava 149.400 battezzati su 151.900 abitanti. È attualmente retta dal vescovo José Manuel Garcia Cordeiro.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Localizzazione del distretto di Braganza, corrispondente al territorio della diocesi.

La diocesi comprende il distretto di Braganza nel nord-est del Portogallo.

Sede vescovile è la città di Bragança, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora Regina. A Miranda do Douro sorge la concattedrale di Santa Maria.

Il territorio si estende su 6.545 km² ed è suddiviso in 326 parrocchie. Dal 16 giugno 2012 è stata rivista l'organizzazione territoriale della diocesi, con la riduzione delle arcipreture da 12 a 4:[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Concattedrale di Santa Maria a Miranda do Douro.
La chiesa del monastero benedettino di Castro de Avelãs, freguesia del comune di Braganza; è il più antico monastero presente nell'odierno territorio diocesano.
Lapide che riporta i nomi dei vescovi delle sedi unite.

La diocesi di Miranda fu eretta il 22 maggio 1545 con la bolla Pro excellenti Apostolicae Sedis di papa Paolo III, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Braga. La nuova diocesi era costituita da 338 freguesias divise in 5 arcipreture: Miranda do Douro, Bragança, Monforte, Mirandela e Lampaças.[3]

Nel 1552 fu dato avvio alla costruzione della cattedrale, che fu ultimata verso la fine del secolo; già nel 1566 il vescovo António Pinheiro aveva consacrato l'altare maggiore.

Il 4 agosto 1607 il vescovo Diogo de Sousa istituì il seminario diocesano, dedicato a san Giuseppe.

Il 17 novembre 1764 il vescovo Aleixo de Miranda Henriques, a causa della decadenza della città episcopale, chiese ed ottenne dal re Giuseppe I l'autorizzazione al trasferimento della sede vescovile a Bragança, traslazione che fu attuata l'anno successivo. Nel 1766 anche il seminario diocesano si trasferì a Bragança.

Il 10 luglio 1770 la diocesi di Miranda fu divisa in due con l'erezione di quella di Bragança, in forza del breve apostolico Pastoris aeterni di papa Clemente XIV; fu eretta a cattedrale l'antica chiesa gesuitica del Santo Nome di Gesù. La separazione durò tuttavia solo 10 anni. Infatti il 27 settembre 1780 le due diocesi furono unite con la bolla Romanus Pontifex di papa Pio VI e la sede della diocesi fu posta in Bragança.

Nel 1881 la diocesi si ampliò incorporando l'arcidiaconato di Moncorvo, che era appartenuto all'arcidiocesi di Braga. Il 20 aprile 1922 invece cedette l' arcipretura di Monforte a vantaggio dell'erezione della diocesi di Vila Real. Da questo momento il territorio diocesano venne a coincidere con quello del distretto civile.

Il 27 maggio 1996 è stata stabilita la plena unione delle due diocesi, con l'assunzione del nome attuale.

Nell'ottobre del 2001 è stata inaugurata la nuova cattedrale di Bragança, dedicata a Nostra Signora Regina.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Vescovi di Miranda[modifica | modifica sorgente]

  • Toribio López † (22 marzo 1545 - 1553 deceduto)
  • Rodrigo Lopes de Carvalho † (23 gennaio 1555 - 13 agosto 1559 deceduto)
  • Julião de Alva † (5 aprile 1560 - 1564 dimesso)
  • António Pinheiro † (21 giugno 1564 - 27 novembre 1579 nominato vescovo di Leiria)
  • Jerónimo de Menezes † (2 dicembre 1579 - 22 maggio 1592 nominato vescovo di Porto)
  • Manuel de Seabra † (12 maggio 1593 - 1595 deceduto)
  • Diogo de Sousa † (4 luglio 1597 - 1º marzo 1610 nominato arcivescovo di Évora)
  • José de Melo † (10 marzo 1610 - 18 luglio 1611 nominato arcivescovo di Évora)
  • Jerónimo Teixeira Cabral † (14 maggio 1612 - 1614 deceduto)
  • João da Gama † (18 maggio 1615 - 28 marzo 1617 deceduto)
  • Francisco Pereira, O.E.S.A. † (1º ottobre 1618 - 7 gennaio 1621 deceduto)
  • João de Valadares, O.E.S.A. † (30 agosto 1621 - 30 agosto 1627 nominato vescovo di Porto)
  • Jorge de Melo † (20 settembre 1627 - 9 giugno 1636 nominato vescovo di Coimbra)
    • Sede vacante (1636-1672)[4]
  • André Furtado de Mendonça † (12 dicembre 1672 - 21 luglio 1676 deceduto)
  • José de Lencastre, O.Carm. † (26 aprile 1677 - 2 giugno 1681 nominato vescovo di Leiria)
  • Lourenço de Castro, O.P. † (1º dicembre 1681 - 10 agosto 1684 deceduto)
  • António de Santa Maria † (9 aprile 1685 - 1º settembre 1688 deceduto)
  • Manuel de Moura Manuel † (6 giugno 1689 - 7 settembre 1699 deceduto)
  • João Franco de Oliveira † (18 aprile 1701 - 2 agosto 1715 deceduto)
  • João de Sousa Carvalho † (8 giugno 1716 - 15 agosto 1737 deceduto)
    • Sede vacante (1737-1740)
  • Diogo Marques Morato † (19 dicembre 1740 - 29 dicembre 1749 deceduto)
  • João da Cruz Salgado de Castilho, O.C.D. † (19 gennaio 1750 - 20 ottobre 1756 deceduto)
  • Aleixo de Miranda Henriques, O.P. † (13 marzo 1758 - 6 agosto 1770 nominato vescovo di Porto)
  • Manuel de Vasconcellos Pereira † (6 agosto 1770 - 8 marzo 1773 nominato vescovo di Lamego)
  • Miguel António Barreto de Meneses † (12 luglio 1773 - 8 agosto 1780 dimesso)

Vescovi di Bragança, poi di Bragança e Miranda[modifica | modifica sorgente]

  • Miguel António Barreto de Meneses † (6 agosto 1770 - 12 luglio 1773 nominato vescovo di Miranda)
  • Bernardo Pinto Ribeiro Seixas † (12 luglio 1773 - 9 settembre 1792 deceduto)
  • António Luís da Veiga Cabral e Câmara † (17 giugno 1793 - 13 giugno 1819 deceduto)
    • Sede vacante (1819-1824)
    • Luiz de Castro Pereira, C.S.I. † (21 aprile 1821 - 1º agosto 1822 deceduto) (vescovo eletto)[5]
  • José Maria de Santana e Noronha † (24 maggio 1824 - 24 dicembre 1829 deceduto)
    • Sede vacante (1829-1832)
  • José António da Silva Rebelo, C.M. † (2 luglio 1832 - 7 novembre 1846 deceduto)
    • Sede vacante (1846-1849)
  • Joaquim Pereira Ferraz, O.S.B. † (28 settembre 1849 - 10 marzo 1853 nominato vescovo di Leiria)
  • José Manuel de Lemos † (7 aprile 1854 - 18 settembre 1856 nominato vescovo di Viseu)
  • João d'Aguiar † (3 agosto 1857 - 2 maggio 1871 dimesso)
  • José Luis Alves Feijo, O.SS.T. † (5 maggio 1871 - 7 novembre 1874 deceduto)
  • José Maria da Silva Ferrão de Carvalho Martens † (16 febbraio 1875 - 9 agosto 1883 nominato vescovo di Portalegre)
  • Manuel Bernardo de Sousa Enes † (9 agosto 1883 - 30 luglio 1885 nominato vescovo di Portalegre)
  • José Alves de Mariz † (30 luglio 1885 - 25 agosto 1912 deceduto)
    • Sede vacante (1912-1915)
  • José Leite Lopes de Faria † (5 ottobre 1915 - 23 agosto 1927 deceduto)
  • Antonio Benedetto Martins Júnior † (20 giugno 1928 - 14 luglio 1932 dimesso)
  • Luís António de Almeida † (7 ottobre 1932 - 4 ottobre 1935 dimesso)
    • Sede vacante (1935-1938)
  • Abílio Augusto Vaz das Neves † (8 dicembre 1938 - 20 febbraio 1965 dimesso)
  • Manuel de Jesus Pereira † (20 febbraio 1965 - 11 settembre 1978 deceduto)
  • António José Rafael (26 febbraio 1979 - 27 maggio 1996 nominato vescovo di Bragança-Miranda)

Vescovi di Bragança-Miranda[modifica | modifica sorgente]

  • António José Rafael (27 maggio 1996 - 13 giugno 2001 ritirato)
  • António Montes Moreira, O.F.M. (13 giugno 2001 - 18 luglio 2011 ritirato)
  • José Manuel Garcia Cordeiro, dal 18 luglio 2011

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

La diocesi al termine dell'anno 2012 su una popolazione di 151.900 persone contava 149.400 battezzati, corrispondenti al 98,4% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 210.100 210.100 100,0 235 232 3 894 45 315
1959 231.500 232.000 99,8 248 245 3 933 3 97 315
1970 241.900 242.000 100,0 211 200 11 1.146 24 165 315
1980 208.500 209.500 99,5 174 171 3 1.198 7 107 315
1990 175.600 188.000 93,4 125 120 5 1.404 7 129 322
1999 155.600 157.716 98,7 126 119 7 1.234 4 9 127 324
2000 155.600 157.910 98,5 126 120 6 1.234 4 8 126 324
2001 155.600 157.910 98,5 123 117 6 1.265 4 8 132 324
2002 147.339 148.839 99,0 114 107 7 1.292 4 11 128 324
2003 147.339 148.839 99,0 112 104 8 1.315 4 11 122 324
2004 147.339 148.830 99,0 107 99 8 1.377 4 10 132 324
2006 147.300 148.839 99,0 109 101 8 1.351 4 13 128 326
2012 149.400 151.900 98,4 90 82 8 1.660 4 10 104 326

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dati cronologici riportati dall'Annuario Pontificio.
  2. ^ Decreto episcopale nº 13/2012 nel sito web della diocesi.
  3. ^ Dicionário de História Religiosa de Portugal, p. 254.
  4. ^ A causa delle difficoltà intercorse fra la Santa Sede ed il governo portoghese la diocesi rimase vacante per molti anni.
  5. ^ Morì in Brasile, dove si trovava, prima di partire per il Portogallo.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi