Crudelia De Mon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Cruella De Vil" rimanda qui. Se stai cercando il singolo, vedi Cruella De Vil (singolo).
« Anita, tesoro! »
(Crudelia De Mon)
Crudelia De Mon
Universo Disney
Nome orig. Cruella De Vil
Lingua orig. Inglese
Studio Walt Disney Studios
1ª app. La carica dei 101 (1961)
Interpretata da Glenn Close (film live-action)
Voci orig.
Voci italiane
Sesso Femmina
Parenti
  • Malevola De Mon (madre)
  • Ivy De Mon (nipote)
  • Cecil De Mon (cugino)
  • P.H. De Mon (cugino)

Crudelia De Mon (Cruella De Vil) è la principale antagonista nella novella "I cento e una dalmata" di Dodie Smith, nonché nel celeberrimo film Disney "La carica dei 101" tratto dal racconto. Nella storia e nelle successive Crudelia rapisce i cuccioli di dalmata per ottenerne la pelliccia.

Il suo nome deriva dal gioco di parole basato su crudele e demone, allusione enfatizzata dal nome della sua casa di campagna "Hell Hall" nella quale compare anche la parola "hell", ovvero inferno (difatti nel doppiaggio italiano viene chiamato dal Sergente Tibbs Antro dell'Inferno). Il suo nome nella versione originale è Cruella De Vil che gioca sempre sulla parola crudele (cruel) e sulla parola "devil", cioè diavolo. Non esistendo una parola simile a "devil" in italiano il nome inglese è stato modificato per poter mantenere l'evidente riferimento alla malvagità del personaggio già a partire dal nome.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Fisicamente nel cartone animato è una donna alta, truccatissima, dagli zigomi appuntiti, abbastanza scheletrica, dai gesti plateali e attorniata dal pesante fetore della sigaretta che fuma tramite un lungo bocchino rosso. Ha i capelli metà bianchi e metà neri, corti e lievemente cadenti a caschetto (divisi in due metà da una riga al centro da cui parte il ciuffo spettinato). Indossa una lunga pelliccia giallastra ornata di code di castoro (abbinata alla borsa fatta dello stesso materiale) e al di sotto indossa un lungo abito da cocktail nero scollato; il tutto completato da un paio di guanti lunghi fino al gomito rossi e da un paio di scarpe modello chanel rosse. Ha le unghie smaltate di rosso, appuntite e tanto lunghe da sembrare degli artigli (si notano nella scena in cui lei è a letto mentre legge il giornale, perché normalmente indossa i sopraccitati guanti rossi); porta un anello con una pietra verde al dito medio della mano destra.

Crudelia nel libro[modifica | modifica wikitesto]

Nel libro Crudelia è una donna alta e scura di carnagione. Indossa in genere una pelliccia bianca e candida ed è sposata con un pellicciaio basso di statura e apparentemente fragile.

Gaspare e Orazio[modifica | modifica wikitesto]

Gaspare (Jasper) e Orazio (Horace/Saul nel libro) sono due ladri vagabondi di Londra, ma poi al servizio di Crudelia per rapire ed uccidere i cuccioli dalmata. Il primo è un personaggio alto e magro, è quello che pensa dei due; il secondo è basso, grassottello e all'apparenza tonto. In realtà come in ogni coppia comica è Orazio che dice le cose giuste a cui Gaspare non dà mai peso, come quando i cuccioli si nascondono nel fiume ghiacciato per non lasciare impronte: Orazio lo ipotizza ma Gaspare è convinto che i cani non sono tanto furbi. Sono fratelli, col cognome Badun. Alla fine del secondo film, dopo essere stati in carcere per due volte, si pentiranno ed apriranno una boutique, lavorando onestamente, anche se nella serie televisiva sono manovrati da Crudelia. Nella saga live-action invece, dopo essere stati arrestati nel primo film, non tornano più, rimanendo in carcere con il loro "amico" Skortikon.

Apparizioni animate[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel lungometraggio Disney La carica dei 101 Crudelia è un'ereditiera ricca e sfaticata, con i soldi e la villa lasciati in eredità dal defunto padre. Viene introdotta come una vecchia compagna di scuola di Anita, interessata ad acquistare i cuccioli dalmata. Quando Rudy (Roger nella versione originale) rifiuta l'offerta, Crudelia organizza con Gaspare e Orazio il rapimento dei cuccioli per poterne fare una pelliccia, ma le cose le vanno male e i dalmata riescono a sfuggirle, infatti lei li insegue, ma la sua macchina esce di strada e va in un burrone, dove arriva la polizia per punirla.
  • Nel sequel La carica dei 101 II Crudelia De Mon, in libertà vigilata e senza dimora, è ancora ossessionata dalle macchie e commissiona a Lars, un artista mediocre, di dipingerle un quadro che rappresenti ciò che non ha mai avuto: macchie di dalmata. Ma il suo desiderio di vendetta è tale che rapisce di nuovo i cuccioli con l'aiuto di Orazio e Gaspare per fare del loro manto la tela del quadro di Lars. L'uomo si rifiuta di compiere questo crimine; Crudelia non ha quindi l'opportunità di farsi confezionare la pelliccia dei suoi sogni. Ancora una volta i dalmata si dimostrano più furbi e Crudelia, impazzita per le macchie, viene rinchiusa in un manicomio.
  • Crudelia è uno dei personaggi principali anche di La carica dei 101 - La serie dopo "La carica dei 101 II". Riveste un ruolo comico più che da antagonista, ma cerca comunque di impossessarsi della fattoria dove Rudy e Anita si sono trasferiti. Nel corso della serie compaiono anche alcuni parenti di Crudelia, come i cugini Cecil e P.H. De Mon, la madre Malevola De Mon e la nipote Ivy De Mon. In alcuni episodi compaiono anche Gaspare e Orazio. Ma nella serie Crudelia è dipendente dal manicomio, perciò viene sempre sconfitta e ritorna sempre lì, ancor più pazza di prima per i dalmata. Alla fine non uscirà più da lì.

Apparizioni a facce vere[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel remake "Live Action" del 1996 La Carica Dei 101 Crudelia De Mon (interpretata da Glenn Close) lavora invece ed è una ricca direttrice di un'azienda di moda vicino la cattedrale di St. Paul, vive in una villa di città (non in campagna come nel film animato) con il maggiordomo Alonzo e possiede una seconda casa nella campagna provinciale, usata come rifugio per Gaspare ed Orazio pagati da lei, che poi diventa casa di Rudy alla fine. In questo film è una regina della moda che rimane affascinata da un modello di una sua stilista Anita: un capo maculato ispirato al pelo dei suoi dalmata, che la ragazza non immaginava le intenzioni vere di Crudelia, la quale fa uccidere illegalmente gli animali a Skortikon, un criminale locale, così come ha fatto con la sua ultima creazione, la tigre siberiana. Come nell'originale lungometraggio Crudelia, Orazio, Gaspare e questa volta anche Skortikon, rubano 99 cuccioli, tra cui i 15 di Anita e Rudy (come Misurino), ma Crudelia viene scoperta e arrestata prima di poter realizzare il suo sogno. Subisce molti dispetti dagli animali, come quando verso la fine del film cade in una cisterna di melassa.
  • Nel 2000 esce La Carica Dei 102, sequel del film del 1996. Dopo tre anni, liberata per buona condotta, Crudelia ha seguito una terapia innovativa nello studio psichiatrico carcerario, che sembra averla cambiata da "Crudelia" nella dolce "Delia", che invece ama i cani. L'effetto della terapia però svanisce a causa del rintocco delle campane del Big Ben (sembra infatti che la particolare frequenza sonora abbia il potere di spezzare lo stato ipnotico in cui si trova lei e gli animali usati come cavie per lo stesso esperimento). Crudelia si allea con il pellicciaio senza scrupoli Jean-Pierre Le Pelt (Gérard Depardieu) per vendicarsi sui discendenti di quei cuccioli che l'avevano rovinata, come Nuvolina, figlia di Misurino, regalato a Cloe da Anita. Crudelia e Lepelt fuggono in Francia per poter creare una pelliccia con i 102 cuccioli rubati (Crudelia aveva voluto aggiungere al modello iniziale un cappuccio apposta per potersi vendicare sui figli di Misurino). Ma ancora una volta Crudelia De Mon viene sconfitta e arrestata di nuovo nel carcere di Parigi, ma non uscirà più e stavolta la sua cattiveria le costerà cara, infatti il tribunale inglese, come aveva detto prima se lei rifaceva reati, assegna tutti i suoi beni, la sua casa ed il lavoro ai canili municipali di Kevin e Cloe, lasciando Crudelia sul lastrico. Anche qui subisce molte trappole, infatti viene trasformata in una torta gigante.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella versione italiana della canzone Bad Days Ahead del film L'incantesimo del lago 3 la strega Zelda nomina Crudelia De Mon dicendo di essere molto più cattiva di quest'ultima.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IMCDb

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Disney Portale Disney: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Disney