Costanza di Bretagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Costanza di Penthievre, duchessa di Bretagna (Bretagna, 12 giugno 1161Nantes, 5 settembre 1201), figlia di Conan IV di Bretagna e conte di Richmond (1138 - 20 febbraio 1171) e di Maud di Huntingdon (1145 - 1201).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Costanza di Bretagna nacque nel 1161 da Conan, IV duca di Bretagna e conte di Richmond e da Matilde di Huntingdon, una nobile scozzese. Da parte di padre Costanza era nipote di Maud FitzRoy figlia illegittima di Enrico I d'Inghilterra, mentre suo nonno materno era Enrico di Scozia, figlio di re Davide I di Scozia.

Nel 1171 suo padre Conan morì lasciando a Costanza, sua unica figlia, il titolo di duchessa di Bretagna, alla fine dell'epoca detta dell'anarchia.

La parentela con la famiglia reale suggerirono il suo matrimonio per ragioni diplomatiche, con Goffredo II di Bretagna, figlio di Enrico II d'Inghilterra e di Eleonora d'Aquitania. Insieme ebbero tre figli:

Nel 1186, a soli ventotto anni, il marito morì calpestato a morte da un cavallo durante una giostra, lasciando a Costanza il governo della Bretagna. Il 3 febbraio del 1188 sposò in seconde nozze un uomo di fiducia del re Ranulph de Blondeville, sebbene il marito continuasse a vivere in Inghilterra mentre Costanza rimase in Francia con i figli.

Nel 1191 re Riccardo d'Inghilterra, allora trentaquatrenne e privo di discendenza, nominò suo erede il giovane Arturo in un documento siglato con il re di Filippo II di Francia e Costanza nel 1194 abdicò lasciando la corona ducale al giovane Arturo.

Il marito nel 1196 la imprigionò in Inghilterra, ma fu costretto a liberarla nel 1198 per la reazione dei sudditi in Bretagna e del re Riccardo. Costanza chiese ed ottenne l'annullamento del proprio matrimonio con Ranulph e più tardi si sposò per la terza volta con Guy di Thouars (morto il 13 aprile 1213), un nobile francese. Questa scelta corrispondeva alla linea politica di alleanza con la Francia perseguita dalla duchessa, già avviata dal primo marito Goffredo e proseguita anche dai figli.

Quando nel 1199 morì il re Riccardo d'Inghilterra, Filippo II di Francia diede ad Arturo i contadi di Angiò, Maine e Poitou in cambio del giuramento di fedeltà in qualità di vassallo. La sua ascesa al trono venne dunque osteggiata dai nobili inglesi, che temevano la sudditanza dell'Inghilterra entro l'orbita francese: lo zio Giovanni d'Inghilterra si insediò al suo posto nell'aprile del 1199. Arturo, benché ancora minorenne, costituiva ai suoi occhi una minaccia e per questo lo fece catturare a Mirabeau, il ragazzo venne quindi portato a Rouen sotto la custodia di Guglielmo de Braose, IV signore di Bramber e lì sparì misteriosamente, probabilmente ucciso, nell'aprile del 1203 dopo un anno di detenzione. Anche un'altra figlia di Costanza, Eleonora, venne catturata e rinchiusa nel castello di Corfe, dove rimase fino alla morte avvenuta parecchi anni dopo.

Costanza morì dando alla luce nel 1201 due figlie gemelle all'età di quarant'anni:

La causa della sua morte è tuttavia discussa e secondo alcuni sarebbe invece morta di lebbra. Venne sepolta a Nantes.

Controllo di autorità VIAF: 268561486 LCCN: n99049069