Guglielmo I di Scozia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guglielmo I di Scozia
William the Lion portrait.jpg
Re di Scozia
In carica 9 dicembre 1165 –
4 dicembre 1214]
Predecessore Malcolm IV di Scozia
Successore Alessandro II di Scozia
Nascita Huntingdon, 1143 circa
Morte Stirling, 4 dicembre 1214
Luogo di sepoltura Abbazia di Abroath
Padre Enrico di Scozia
Madre Ada de Warenne
Coniuge Ermengarda de Beaumont
Figli Margaret di Scozia
Isabella di Scozia
Alessandro II di Scozia
Marjorie di Scozia
Religione cattolica

Uilliam I Mac Eanric, o in inglese William I MacEanric, detto anche "Guglielmo il Leone" o "Guglielmo il Rude" (1142 circa – Stirling, 4 dicembre 1214), fu re di Scozia dal 1165 al 1214. Era figlio di Enrico di Scozia e quindi nipote di Davide I. Il suo fu il secondo regno più lungo nella storia scozzese prima dell’unione con l’Inghilterra del 1707; quello di Giacomo VI fu il più lungo, dal 1567 al 1625 Guglielmo il Leone divenne re dopo la morte del fratello Malcolm IV il 9 dicembre 1165, fu incoronato il 24 dicembre 1165.

William the Lion.jpg

All’opposto del fratello, debole e profondamente religioso, Guglielmo era di costituzione possente. Il suo regno fu segnato dagli sfortunati tentativi di recuperare il controllo della Northumbria dagli inglesi.

Fondò l’Abbazia di Arbroath, dove sarà emanata la cosiddetta Dichiarazione di Arbroath che riconosceva la sovranità della Scozia.

Mentre era in vita non ebbe il soprannome di Leone, che peraltro non aveva alcuna connessione con il suo tenace carattere o con la sua prodezza militare. Il soprannome gli sarà dato a causa del suo stemma rappresentato da un leone rampante di colore rosso, con la coda biforcuta, su campo giallo.

Il Leone rampante racchiuso in una doppia cornice divenne la Royal standard of Scotland ossia il vessillo storicamente usato dai re di Scozia.

I monarchi britannici quando sono in Scozia onorano il Royal standard of Scotland a causa di un comune avo scozzese, che tuttavia non è Guglielmo il Leone ma Malcolm III noto come Canmore, Testa Grossa, marito della regina Santa Margherita e bisnonno di Enrico II d'Inghilterra.

Guglielmo ereditò nel 1152 il titolo di conte di Northumbria che tuttavia dovette cedere ad Enrico II nel 1157. Dopo essere diventato re Guglielmo tentò di recuperare la Northumbria e nel periodo 1173-1174 fu uno dei protagonisti chiave della rivolta contro Enrico II.

Durante una cavalcata, in aiuto della rivolta, caricò le truppe inglese gridando:

« Ora vedremo chi di noi è un buon cavaliere. »

Nella Battaglia di Alnwick, Guglielmo fu disarcionato e catturato dalle truppe inglesi, si arrese all'High Sheriff di Westmorland, Ranulf de Glanvill, fu portato in catene a Northampton e quindi in Normandia a Falaise; Enrico II inviò l’esercito in Scozia e l’occupò.

Guglielmo per potere recuperare il suo regno dovette riconoscere Enrico II come suo superiore feudale, pagare il costo dell’occupazione inglese della Scozia tassando gli scozzesi. Solo dopo avere sottoscritto il relativo trattato di Falaise gli fu consentito di ritornare in Scozia.

Il trattato di Falaise rimase in vigore per quindici anni alla fine dei quali il nuovo re d’Inghilterra Riccardo Cuor di Leone gli concesse di superarlo dietro il pagamento di 10.000 marchi d’argento, somma di cui Riccardo aveva bisogno per potere prendere parte alla III Crociata.

Secondo le condizioni del trattato Enrico II aveva il diritto di scegliere la moglie di Guglielmo, che così fu sposato con Ermengarda de Beaumont, nipote del re Enrico I d'Inghilterra a Woodstock Palace nel 1186; il Castello di Edimburgo fu la sua dote.

Dall’unione di Guglielmo e Ermengarda nacquero:

  1. Margaret (1193-1259), sposò Hubert de Burgh, I conte di Kent.
  2. Isabella (1195-1253), sposò Roger Bigod, IV conte Norfolk.
  3. Alessandro II di Scozia (1198-1249), regnò dal 1214 al 1249.
  4. Marjorie (1200-1244), sposò Gilberto Maresciallo, IV conte di Pembroke, figlio del leggendario Guglielmo il Maresciallo.

Guglielmo il Leone morì a Stirling nel 1214 e fu sepolto nell’abbazia di Abroath.

Suo figlio Alessandro gli successe come re.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo I di Scozia Padre:
Enrico di Scozia
Nonno paterno:
Davide I di Scozia
Bisnonno paterno:
Malcolm III di Scozia
Trisnonno paterno:
Duncan I di Scozia
Trisnonna paterna:
Suthen
Bisnonna paterna:
Margaret di Scozia
Trisnonno paterno:
Edoardo l'esiliato
Trisnonna paterna:
Agata di Kiev
Nonna paterna:
Maud di Northumbria
Bisnonno paterno:
Waltheof, conte di Northumbria
Trisnonno paterno:
Siward, conte di Northumbria
Trisnonna paterna:
Ælfflæd di Bernicia
Bisnonna paterna:
Judith di Lens
Trisnonno paterno:
Lambert, II conte di Lens
Trisnonna paterna:
Adelaide di Normandia
Madre:
Ada de Warenne
Nonno materno:
Guglielmo di Warenne, II conte di Surrey
Bisnonno materno:
Guglielmo I di Warenne
Trisnonno materno:
Rodulph, II conte di Warenne
Trisnonna materna:
Beatrice
Bisnonna materna:
Gundreda
Trisnonno materno:
 ?
Trisnonna materna:
 ?
Nonna materna:
Elisabetta di Vermandois
Bisnonno materno:
Ugo I di Vermandois
Trisnonno materno:
Enrico I di Francia
Trisnonna materna:
Anna di Kiev
Bisnonna materna:
Adelaide di Vermandois
Trisnonno materno:
Erberto IV di Vermandois
Trisnonna materna:
Adele di Valois


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ashley, Mike. Mammoth Book of British Kings & Queens, 1998.
  • Magnusson, Magnus. Scotland: Story of a Nation, 2001.
Predecessore Re di Scozia Successore Royal arms of Scotland.svg
Malcolm IV 1165–1214 Alessandro II