Christiane Amanpour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Christiane Amanpour

Christiane Amanpour (in Persiano کریستیان امانپور; Londra, 12 gennaio 1958) è una giornalista britannica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata a Londra da madre Britannica e padre Iraniano,e cresciuta a Teheran. Visse in una condizione privilegiata sotto il regime dello Scià di Persia. All'età di undici anni tornò in Inghilterra per frequentare la Holy Cross Convent School, prima, e la New Hall School, poi, un'esclusiva scuola cattolica per ragazze. Dopo la Rivoluzione Islamica del 1979 la sua famiglia dovette fuggire dall'Iran. Christiane si trasferì negli Stati Uniti per studiare giornalismo presso l'Università del Rhode Island dove si laureò nel 1983 con summa cum laude.

Dopo il diploma ha lavorato a Providence (Rhode Island) per la WJAR, un'affiliata della NBC. Nel 1983 è stata assunta dalla CNN. Nel 1989 venne inviata a Francoforte, in Germania, da dove seguì le rivoluzioni democratiche che si diffondevano all'epoca nell'Europa Orientale. Fu tuttavia la sua copertura della Guerra del Golfo del 1990 che la rese famosa. Successivamente ha seguito la Guerra in Bosnia e numerose altre situazioni di conflitto.

Dal 1992 al luglio del 2010, è stata capo corrispondente internazionale della CNN; dal 1º agosto 2010 è passata all'emittente rivale di proprietà della Disney, la ABC, dove le è stata affidata la conduzione di un noto talk-show politico domenicale dal titolo "This Week".

Ha condotto interviste esclusive con leader mondiali quali Mohammad Khatami e Mahmoud Ahmadinejad. Dopo l'11 settembre fu la prima corrispondente a intervistare Tony Blair, Jacques Chirac e il presidente pakistano Pervez Musharraf. Fra gli altri la Clinton e Gadhafi.

La Amanpour è considerata uno dei più autorevoli corrispondenti internazionali della televisione americana. La sua disponibilità a lavorare in pericolose zone di guerra l'ha resa uno dei giornalisti sul campo più pagati al mondo. Parla fluentemente inglese, francese e farsi. Secondo la rivista Forbes è tra le 100 donne più influenti del mondo.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 61380446 LCCN: nr00002739