Talk show

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Talk-show)
bussola Disambiguazione – "Talk Show" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Talk Show (disambigua).

Il talk show (termine di lingua inglese che significa spettacolo di conversazione o programma di parole) è un genere di programmi televisivi di stampo giornalistico basato su interviste e dialoghi tra un giornalista o presentatore e uno o più intervistati o ospiti del programma, invitati a discorrere di qualsiasi argomento: la vita privata; le esperienze personali e sentimentali; politica; eventi di qualsiasi genere; ecc.. In particolare, un talk show con argomento prevalentemente politico è detto tribuna politica.

La finalità in genere è quella dell'intrattenimento, dove l'ospite rende pubblica, di fronte alle telecamere e agli spettatori, la propria concezione riguardo l'argomento.

Famosi talk show sono lo statunitense Late Show with David Letterman (famoso in italia come David Letterman Show) e gli italiani Maurizio Costanzo Show, di Maurizio Costanzo (promotore di questa forma di intrattenimento con Bontà loro) e Che tempo che fa condotto da Fabio Fazio.

Antesignano del talk show è stato anche il Tappeto Volante di Luciano Rispoli trasmesso dall'ex emittente televisiva monegasca Telemontecarlo inoltre può trattare argomenti di tipo politico o quotidiano.

Numerosi sono i talk show che vengono inseriti da quasi tutte le emittenti nel palinsesto giornaliero.

Fra i talk show a contenuto culturale, si segnala Le Storie - Diario italiano, trasmesso quotidianamente da Raitre intorno alle ore 13 e diretto da Corrado Augias.

Fra i talk show a rotocalco con servizi e ospiti, si segnala Tg l'una, quasi un rotocalco per la domenica trasmesso da Raiuno dal 1976 al 1993 la domenica alle ore 13.

In Italia, il talk show più longevo è stato il Maurizio Costanzo Show (1982 - 2009), seguito da Insieme (1994 - in corso).[1]

Talk show e violenza verbale[modifica | modifica wikitesto]

Numerose ricerche indicano che, con l'intento di catturare l'attenzione del pubblico, i produttori e gli autori dei talk show tendono a incentivare lo scontro verbale.[2][3] Una recente ricerca[4] tende a dimostrare che le risse verbali nei talk show attirano l'attenzione del pubblico ma producono una minore soddisfazione per il consumo televisivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista a Salvo La Rosa, Adnkronos. URL consultato il 1º luglio 2010.
  2. ^ Hutchby, 2001; Luginbühl, 2007
  3. ^ vedi anche Umberto Eco sull'Espresso http://espresso.repubblica.it/dettaglio/talk-show-solo-urla-e-finti-litigi/2209053/18
  4. ^ Stanca, Gui e Gallucci (2013)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hutchby, I. (2001). Confrontation as spectacle: The argumentative frame of the Ricki Lake show. In A. Tolson (Ed.), Television talk shows: Discourse, performance, spectacle (pp. 155–172). Mahwah, NJ: Erlbaum.
  • Luginbühl, M. (2007). Conversational violence in political TV debates: Forms and functions. Journal of Pragmatics, 39, 1371–1387.
  • Stanca L., Gui M., Gallucci M. (2013), Attracted but Unsatisfied: The Effects of Sensational Content on Television Consumption Choices, Journal of Media Economics, 26:2, 82-97 http://dx.doi.org/10.1080/08997764.2013.785552 .

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione