Chimica degli alimenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La chimica degli alimenti o bromatologia è la branca della chimica che si occupa dello studio degli alimenti approfondendone gli aspetti relativi alla caratterizzazione quali-quantitativa, alle trasformazioni biochimiche a cui vanno incontro più o meno spontaneamente, ai metodi di condizionamento e conservazione degli alimenti.

Sviluppo storico[modifica | modifica sorgente]

Le radici della moderna chimica degli alimenti risalgono verso gli inizi del 1800, quando molti chimici famosi cominciarono a studiare i cibi e a isolarne i principali componenti. I primi pionieri furono Carl Wilhelm Scheele, che isolò l'acido malico dalle mele nel 1785, e Sir Humphry Davy che pubblicò nel 1813 il primo libro riguardante la chimica agraria e alimentare.[1]

La moderna chimica degli alimenti sta assumendo sempre maggiore attenzione rispetto alla problematica della contaminazione chimica e biologica, studiando nuove strategie analitiche e metodiche atte a contrastare o ridurre i rischi associati alle esposizioni contaminanti.

Campi di studio[modifica | modifica sorgente]

Gli argomenti oggetto di studio possono sinteticamente elencarsi nel seguente modo:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Elements of Agricultural Chemistry, in a Course of Lectures for the Board of Agriculture.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • P.Cappelli, V.Vannucchi, Chimica degli alimenti. Conservazione e trasformazioni, Zanichelli (terza ed., 2005)
  • P.Cabras, A.Martelli, Chimica degli alimenti, Piccin-Nuova Libraria (2004)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia