Certhia brachydactyla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rampichino
Boomkruiper1.jpg
Certhia brachydactyla
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Certhioidea
Famiglia Certhiidae
Genere Certhia
Specie C. brachydactyla
Nomenclatura binomiale
Certhia brachydactyla
Brehm, 1820

Il rampichino comune (Certhia brachydactyla Brehm, 1820) è un uccello della famiglia Certhiidae.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Simile al rampichino alpestre, è di taglia molto piccola, infatti è lungo 12,5 cm e pesa mediamente 10 grammi.[senza fonte]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Come il rampichino alpestre è un uccello insettivoro ed ha la stessa tecnica di caccia, quindi scalando i tronchi e descrivendo una spirale intorno ad essi, scova con il becco arcuato larve, ragni e uova, sotto la corteccia o sui muschi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Certhia brachydactyla

Nidifica tra i mesi di aprile e luglio, in una cavità degli alberi che frequenta per procurarsi il cibo.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Lo si trova in Eurasia (tranne che nella penisola scandinava) e nelle isole del Nord; al meridione può arrivare fino in Africa del nord.[senza fonte]
In Italia è visibile in tutte le regioni (tranne che in Sardegna), dove ci sono boschi e foreste tra i 1000 e i 2000 metri di altitudine, ma anche nei parchi cittadini.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Sono note le seguenti sottospecie:[2]

  • C. b. megarhynchos Brehm, 1831
  • C. b. brachydactyla Brehm, 1820
  • C. b. mauritanica Witherby, 1905
  • C. b. dorotheae Hartert, 1904
  • C. b. stresemanni Kummerlöwe & Niethammer, 1934
  • C. b. rossocaucasica Stepanyan, 2000

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Certhia brachydactyla in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Certhiidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'8 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli