Brandon Spikes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brandon Spikes
Brandon Spikes.JPG
Spikes nel 2014.
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 116 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Linebacker
Squadra Stemma Buffalo Bills Buffalo Bills
Carriera
Giovanili
2006 - 2009 Stemma Florida Gators Florida Gators
Squadre di club
2010-2013 Stemma New England Patriots N.E. Patriots
2014- Stemma Buffalo Bills Buffalo Bills
Statistiche aggiornate al 2 aprile 2014

Brandon Spikes (Shelby, 3 settembre 1987) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di linebacker per i Buffalo Bills della National Football League (NFL). Fu scelto nel corso del secondo giro (62° assoluto) del Draft NFL 2010 dai New England Patriots. Al college ha giocato a football alla Università della Florida vincendo due campionati NCAA e venendo premiato come All-American.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

New England Patriots[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

Spikes fu scelto dai New England Patriots nel corso del secondo giro del Draft 2010[1]. Divenne rapidamente l'inside linebacker titolare della difesa dei Patriots, accanto a Jerod Mayo. Contro i Baltimore Ravens nella settimana 6, Spikes mise a segno ben 16 tackle nella vittoria della sua squadra ai supplementari. Il primo intercetto in carriera lo fece registrare nella vittoria della 13 sui New York Jets nel Monday Night Football. Il 10 dicembre 2010, prima della gara della settimana 14 contro i Chicago Bears, Spikes fu sospeso per quattro gare (tutto il resto della stagione regolare 2010) per la violazione della politica della NFL sull'abuso di sostante vietate, trovando tale sostanza nel farmaco che il giocatore utilizza per curare la propria sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Quello stesso giorno, Spikes pubblicò il seguente comunicato:

« "Sono stato contattato dalla NFL e informato che sarò sospeso per quattro gare per il ritrovamento di una sostanza illegale durante un test antidoping. Tale sostanza è un farmaco che avrei far dovuto controllare prima di assumere. Non è stato per migliorare le prestazioni, né è una droga illegale. L'integrità del gioco è molto importante per me. Comprendo le regole della lega e mi scuso coi miei compagni di squadra, i tifosi e l'organizzazione dei Patriots per questo errore. »

La sua stagione da rookie terminò con 61 tackle, un intercetto e tre passaggio deviati in 12 presenze, di cui otto come titolare.

2011[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2011, Spikes disputò otto partite nella stagione regolare, di cui sei come titolare, facendo registrare 47 tackle e un passaggio deviato. Partì come titolare anche nel Super Bowl XLVI, in cui i Patriots furono sconfitti dai New York Giants.

2012[modifica | modifica wikitesto]

Nella settimana 7 contro i New York Jets, Spikes mise a segno il suo primo sack in carriera[2]. Il 16 novembre fu multato di 25.000 dollari per un colpo illegale nella settimana 10 contro i Buffalo Bills. La stagione di Spikes si concluse con i nuovi primati in carriera per tackle (92), sack (1) e fumble forzati (5), in 15 presenze, tutte come titolare tranne una.

Buffalo Bills[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 marzo 2014, Spikes firmò coi Buffalo Bills un contratto annuale del valore di 3,25 milioni di dollari[3].

Vittorie e premi[modifica | modifica wikitesto]

New England Patriots: 2011
  • Campionati NCAA: 2
Florida Gators: 2006, 2008

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 51
Partite da titolare 39
Tackle 286
Sack 1,0
Intercetti 2
Fumble forzati 5

Statistiche aggiornate alla stagione 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2010 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 23 settembre 2012.
  2. ^ (EN) Game Center: New Jersey 26 New England 29, NFL.com, 21 ottobre 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  3. ^ (EN) Brandon Spikes agrees to one-year contract with Bills, NFL.com, 14 marzo 2014. URL consultato il 15 marzo 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]