Area 51 (videogioco 2005)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Area 51
Sviluppo Midway Studios Austin
Pubblicazione Midway Games
Data di pubblicazione 25 aprile 2005
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Fantascienza
Modalità di gioco giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows
Fascia di età BBFC: 15
ESRB: Mature (M)

Area 51 è un videogioco sviluppato nel 2005 dalla Midway Games per PlayStation 2, Xbox e Personal Computer. Il 29 settembre 2008 il gioco è stato distribuito come freeware, sponsorizzato dalla US Air Force.[1] Area 51 annovera, tra i doppiatori, Marilyn Manson e David Duchovny.

Nel 2007 è stato realizzato un sequel dal titolo BlackSite: Area 51 per Playstation 3, Xbox 360 e Microsoft Windows.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco inizia con un filmato introduttivo, in cui un misterioso personaggio, il dottor Cray, si reca in una stanza della base per liberare qualcosa di pericoloso e ignoto, dopo aver spiegato di non avere scelta e di dover interrompere un patto stipulato nel 1947. Il filmato prosegue riprendendo una squadra di soldati che, dopo essersi preparata per la missione, viene attaccata e brutalmente massacrata dalla creatura liberata dal dottore. I componenti vengono inoltre infettati dal mostruoso essere: un soldato infatti spalanca gli occhi, di uno strano colore verde, dopo essere stato martoriato. La HazMat Delta, non contattando più il comando, viene data per dispersa, e viene così inviata un'altra squadra specializzata, la HazMat Bravo. Il giocatore vestirà i panni di Ethan Cole, lo specialista del team, addetto al trattamento di materiale pericoloso. L'obiettivo della missione risulta inizialmente chiaro e fulmineo: irrompere nella zona calda, individuare ed eliminare la minaccia, ripulire e tornare in superficie, ma quella che sembrava una missione di routine si rivelerà ben presto un incubo senza uscita.

Personaggi principali e alleati[modifica | modifica wikitesto]

  • Ethan Cole: protagonista del gioco, è lo specialista della squadra HazMat Bravo, esperto in biologia e minacce virali. Come lui stesso afferma all'inizio dell'avventura, non crede nelle voci sull'Area 51.
  • Jack McCan: microbiologo della squadra e specialista in armi e scontri a fuoco, è caratterizzato dal suo amore per i libri. È il primo membro della squadra a perdere la vita a causa di una feroce ed improvvisa aggressione da parte di uno scienziato contagiato dal mutageno, che cogliendolo di sorpresa gli morde ripetutamente la testa fino a staccarla via dal corpo.
  • Anthony Ramirez: capitano della HazMat Bravo ed esperto in esplosivi, controlla la squadra e ne coordina le azioni. È riuscito a conquistare i suoi compagni poiché missione dopo missione ha dimostrato di rispettarli. Decede in seguito all'attacco da parte della creatura Theta, che lo scaraventa contro un portellone blindato ferendolo a morte.
  • Mitch "Crispy" Chrisman: maresciallo capo, medico ed esperto in comunicazioni nella squadra Bravo, si fa notare per le sue battute pungenti anche nelle situazioni meno opportune. Viene contagiato dal mutageno dopo essere stato attaccato, insieme al capitano Ramirez, da Theta. Cole è costretto ad eliminarlo.
  • Maggiore Douglas Bridges: ufficiale del Dipartimento della Difesa che comanda le squadre speciali durante le operazioni di pronto intervento. Dopo la prima parte del gioco non comparirà più nella storia, in seguito alla perdita delle comunicazioni tra la superficie e i meandri della base.
  • Dr. Winston Cray: anziano scienziato dell'Air Force, è stato direttamente coinvolto nello schianto dell'UFO a Roswell nel 1947 e nei contatti con gli alieni denominati "Grigi". Rappresenta uno dei punti cardine della storia ed è intenzionato a fermare a tutti i costi la setta degli Illuminati e i loro folli piani.
  • Edgar: un Grigio di enormi dimensioni, imprigionato all'interno di un contenitore in vetro che lo mantiene in vita grazie a tecnologie meccaniche che allo stesso tempo prelevano il suo sangue per creare l'arma virale Theta. Si è alleato con il Dr. Cray per ostacolare i piani degli Illuminati e dei Grigi, che porterebbero inevitabilmente alla distruzione del pianeta Terra. Cole lo incontra nell'estrema profondità dell'Area 51.

Nemici[modifica | modifica wikitesto]

  • Scienziati mutanti: scienziati esposti al virus mutageno, che ha causato una grave psicosi e ha rinforzato il loro sistema scheletrico e muscolare. Costituiscono la principale minaccia nella prima parte del gioco.
  • Forze di sicurezza mutanti: soldati addetti alla sicurezza contagiati dall'epidemia virale. Nonostante il virus li abbia portati ad uno stato animalesco, riescono ad utilizzare le armi da fuoco (sono spesso muniti di fucile d'assalto).
  • Saltatori: infetti allo stadio finale del virus. Questi mutanti hanno perso qualsiasi sembianza umana, risultando più simili alla creatura biologica Theta, e per muoversi ricorrono a tutti e quattro gli arti. Saltano, si arrampicano e si muovono velocemente.
  • Black Op: soldati clonati, risultato di esperimenti sulla fusione del DNA alieno e umano e sotto il comando degli Illuminati e dei Grigi. I leader di questi cloni (distinguibili per la corazza di colore rosso) possiedono tute potenziate e dotate di una speciale tecnologia che gli permette di diventare invisibili.
  • Gli Illuminati: organizzazione segreta ed elitaria che ha stretto un patto con una razza aliena nota come la razza dei grigi. L'obiettivo di questa organizzazione è di manovrare il mondo nell'ombra. Il rappresentante degli Illuminati è noto come Mr. White, uno scienziato corrotto in passato dalle ideologie del movimento e che collabora con i Grigi per ottenere la tecnologia con cui potrà rendere più potente l'organizzazione e con cui controllerà il mondo intero.
  • Theta: avanzatissima arma-creatura biologica concepita dai Grigi. Dotata di una potenza devastante, è equipaggiata con un'arma a impulsi elettrochimici (che si trova al posto del braccio destro) e riesce a comandare i saltatori.
  • I Grigi: misteriosa razza aliena. Non si fanno vedere e alcuni risiedono nelle profondità dell'Area 51, dove conducono esperimenti sugli umani e su speciali armi. Comunicano tra di loro telepaticamente e riescono a teletrasportarsi, quindi ucciderne uno risulta quasi impossibile.

Multiplayer[modifica | modifica wikitesto]

Area 51 presenta la possibilità di effettuare partite multigiocatore offline, a schermo condiviso, o online. La modalità di gioco è la classica deathmatch a squadre arcade, in cui i giocatori nello scontro possono raccogliere le armi e le munizioni (senza un numero limite di armi trasportabili) in giro per la mappa.

Adattamento cinematografico[modifica | modifica wikitesto]

La Paramount Pictures acquistò i diritti cinematografici del videogioco nel 2004 con l'intenzione di produrne una trasposizione per il grande schermo, incaricando Dean Georgaris della sceneggiatura[2][3]; il fumettista Grant Morrison fu incaricato di riscriverla nel marzo 2007[4]

Nel novembre 2009, viene annunciato che il regista israeloamericano Oren Peli è stato incaricato dalla Paramount di un nuovo progetto basato in parte sullo sfondo del videogioco. Trattato come un falso documentario, le riprese sono iniziate nell'ottobre 2009.[5][6][7][8]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Area 51 (film).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Area 51 - Sponsored by the US Air Force
  2. ^ Un film dal videogame Area 51, ScreenWeek, 04-04-2007. URL consultato il 20-12-2007.
  3. ^ (EN) Rebecca Murray, Area 51: The game diventa un film, About Inc., 31-08-2004. URL consultato il 14-11-2007.
  4. ^ (EN) Pamela McClintock e Dave McNary, Grant Morrison scrive Area 51, Variety, 04-03-2007. URL consultato il 14-11-2007.
  5. ^ (EN) 'Paranormal' Director Heads to 'Area 51', Bloody-Disgusting, 25-09-2009. URL consultato il 13-11-2009.
  6. ^ Da Paranormal Activity all'Area 51, Bad Taste, 11-10-2009. URL consultato il 31-10-2009.
  7. ^ La strana storia di Paranormal Activity, Bad Taste, 24-09-2009. URL consultato il 31-10-2009.
  8. ^ (EN) Oren Peli's 'Area 51' in Pre-Production, Imdb News, 29-09-2009. URL consultato il 31-10-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]