Arcidiocesi di Leopoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Leopoli
Archidioecesis Leopolitana Latinorum
Chiesa latina
Ukraine-Lviv-Latin Cathedral-6.jpg
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Diocesi suffraganee
Charkiv-Zaporižžja, Kam'janec'-Podil's'kyj, Kyïv-Žytomyr, Luc'k, Mukačeve, Odessa-Simferopol
Arcivescovo metropolita Mieczysław Mokrzycki
Ausiliari Leon Maly
Arcivescovi emeriti cardinale Marian Jaworski
Sacerdoti 140 di cui 95 secolari e 45 regolari
1.100 battezzati per sacerdote
Religiosi 80 uomini, 135 donne
Diaconi 1 permanenti
Abitanti 5.000.000
Battezzati 154.000 (3,1% del totale)
Superficie 68.000 km² in Ucraina
Parrocchie 271
Erezione 28 agosto 1412
Rito romano
Indirizzo Ploscha Katedralny 1, 79008 Lviv, Ukraina
Sito web www.rkc.lviv.ua
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Ucraina

L'arcidiocesi di Leopoli (in latino: Archidioecesis Leopolitana Latinorum) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2004 contava 154.000 battezzati su 5.000.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Mieczysław Mokrzycki.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende le oblast di Černivci, Ivano-Frankivs'k, Leopoli e Ternopil'.

Sede arcivescovile è la città di Leopoli, dove si trova la cattedrale dell'Assunzione di Maria Vergine.

Leopoli è il nome italiano della città che attualmente fa parte dell'Ucraina e che è nota anche con il nome ucraino Львів (L'viv), con il nome russo Львов (L'vov), con il nome polacco Lwów e con il nome tedesco Lemberg.

Il territorio è suddiviso in 271 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi di Leopoli fu eretta il 28 agosto 1412 con la bolla In eminenti specula dell'antipapa Giovanni XXIII, in seguito alla traslazione della sede arcivescovile di Halyč, che a sua volta era stata eretta verso il 1361 ed era stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana nel 1375.

Il 28 ottobre 1925 con la bolla Vixdum Poloniae unitas di papa Pio XI furono riorganizzate le circoscrizioni ecclesiastiche polacche di rito latino: l'arcidiocesi di Leopoli ebbe come suffraganee le diocesi di Przemyśl e di Luc'k.

Il 5 giugno 1930 l'arcidiocesi cedette il territorio della Bucovina rumena alla diocesi di Iaşi.

Papa Giovanni Paolo II ha visitato l'arcidiocesi nel giugno del 2001.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Vescovi di Halyč[modifica | modifica sorgente]

  • Krystyn z Ostrowa, O.F.M. † (1364 - 1371 deceduto)
  • Antoni † (1371 - 1375 dimesso)
  • Maciej z Egeru † (gennaio 1376 - 1380 deceduto)
  • Bernard, O.F.M. † (1385 - 1391 deceduto)
  • Jakub Strzemię, O.F.M. † (28 ottobre 1392 - 20 ottobre 1409 deceduto)
  • Mikołaj Trąba † (18 giugno 1410 - 30 aprile 1412 nominato arcivescovo di Gniezno)
  • Jan Rzeszowski † (26 agosto 1412 - 23 dicembre 1414 nominato arcivescovo di Leopoli)

Vescovi di Leopoli[modifica | modifica sorgente]

  • Konrad † (? - ? deceduto)
  • Jerzy Eberhardi, O.F.M. † (16 marzo 1390 - ? deceduto)
  • Herman Wytkind, O.P. † (7 gennaio 1401 - ?)
  • Jan Rzeszowski † (23 dicembre 1414 - 12 agosto 1436 deceduto)
  • Jan Odrowąż † (25 febbraio 1437 - settembre 1450 deceduto)
  • Grzegorz z Sanoka † (17 marzo 1451 - 29 gennaio 1477 deceduto)
  • Jan Strzelecki † (9 maggio 1481 - prima del 26 agosto 1493 deceduto)
  • Andrzej Boryszewski † (1493 succeduto[1] - 18 dicembre 1503 nominato arcivescovo di Gniezno)
  • Bernard Wilczek † (28 aprile 1505 - 1540 deceduto)
  • Piotr Starzechowski † (31 maggio 1540 - 1º aprile 1554 deceduto)
  • Feliks Ligęza † (7 gennaio 1555 - 26 gennaio 1560 deceduto)
  • Paweł Tarło † (15 gennaio 1561 - 21 maggio 1565 deceduto)
  • Stanisław Słomowski † (7 settembre 1565 - 22 settembre 1575 deceduto)
  • Jan Sieniński † (10 dicembre 1576 - 1582 deceduto)
  • Jan Dymitr Solikowski † (28 marzo 1583 - 27 giugno 1603 deceduto)
  • Jan Zamoyski, O.Cist. † (4 febbraio 1604 - 30 marzo 1614 deceduto)
  • Jan Andrzej Próchnicki † (24 novembre 1614 - 13 maggio 1633 deceduto)
  • Stanisław Grochowski † (19 dicembre 1633 - 1º marzo 1645 deceduto)
  • Mikołaj Krosnowski † (12 giugno 1645 - 26 settembre 1653 deceduto)
  • Jan Tarnowski † (6 luglio 1654 - 24 agosto 1669 deceduto)
  • Wojciech Koryciński † (30 giugno 1670 - 27 gennaio 1677 deceduto)
  • Konstanty Lipski † (17 marzo 1681 - 14 marzo 1698 deceduto)
  • Konstanty Józef Zieliński † (30 marzo 1700 - 17 febbraio 1709 deceduto)
  • Mikołaj Popławski † (21 luglio 1710 - 7 settembre 1711 deceduto)
  • Jan Skarbek † (30 gennaio 1713 - 2 dicembre 1733 deceduto)
  • Mikołaj Gerard Wyżycki † (6 maggio 1737 - 7 aprile 1757 deceduto)
    • Mikołaj Dembowski † (26 settembre 1757 - 17 novembre 1757 deceduto) (arcivescovo eletto)
  • Władysław Aleksander Łubieński † (13 marzo 1758 - 9 aprile 1759 nominato arcivescovo di Gniezno)
  • Wacław Hieronim Sierakowski † (21 luglio 1760 - 28 novembre 1780 deceduto)
  • Ferdynand Onufry Kicki † (28 novembre 1780 succeduto - 2 febbraio 1797 deceduto)
  • Kajetan Ignacy Kicki † (18 dicembre 1797 - 16 gennaio 1812 deceduto)
  • Andrzej Alojzy Ankwicz † (15 marzo 1815 - 30 settembre 1833 nominato arcivescovo di Praga)
  • Franz Xavier Luschin † (23 giugno 1834 - 9 gennaio 1835 nominato arcivescovo di Gorizia e Gradisca)
  • Franciszek Pisztek (Pišték) † (1º febbraio 1836 - 2 febbraio 1846 deceduto)
    • Wacław Wilhelm Wacławiczek (Václavíček) † (17 dicembre 1847 - marzo 1848 dimesso)[2] (arcivescovo eletto)
  • Łukasz Baraniecki † (28 settembre 1849 - 30 giugno 1858 deceduto)
  • Franciszek Ksawery Wierzchleyski † (23 marzo 1860 - 17 aprile 1884 deceduto)
  • Seweryn Morawski † (27 marzo 1885 - 2 maggio 1900 deceduto)
  • San Józef Bilczewski † (17 dicembre 1900 - 20 marzo 1923 deceduto)
  • Bolesław Twardowski † (3 agosto 1923 - 22 novembre 1945 deceduto)
  • Eugeniusz Baziak † (22 novembre 1945 succeduto - 15 giugno 1962 deceduto)
  • Marian Jaworski (16 gennaio 1991 - 21 ottobre 2008 ritirato)
  • Mieczysław Mokrzycki, dal 21 ottobre 2008

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 5.000.000 persone contava 154.000 battezzati, corrispondenti al 3,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 987.800  ?  ? 1.036 757 279 953 543 2.470 416
1970 77.732 78.209 99,4 73 68 5 1.064 5 60 27
1980 81.000 83.000 97,6 72 66 6 1.125 6 43 34
1990 77.283 77.648 99,5 72 72 1.073 38 39
1999 175.000 6.200.000 2,8 108 74 34 1.620 1 62 77 235
2000 173.000 6.000.000 2,9 107 72 35 1.616 1 68 90 239
2001 170.000 5.800.000 2,9 122 81 41 1.393 1 78 98 242
2002 160.000 5.600.000 2,9 126 82 44 1.269 1 68 102 253
2003 155.000 5.200.000 3,0 134 91 43 1.156 1 76 109 262
2004 154.000 5.000.000 3,1 140 95 45 1.100 1 80 135 271

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dal 23 maggio 1488 arcivescovo coadiutore. Il nome della sua sede titolare è sconosciuto. Cfr. Gams, p. 351 e Eubel, vol. 2, p. 176.
  2. ^ Morì il 18 settembre 1862 in Praga. Cfr. Eubel, vol. 8, p. 339.

Fonti[modifica | modifica sorgente]