Alessandro Ypsilanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Alessandro Ypsilanti, ritratto da D. Tsokos

Alessandro Ypsilanti, in greco Αλέξανδρος Υψηλάντης, in rumeno Alexandru Ipsilanti, in russo Александр Ипсиланти (Costantinopoli, 1792Vienna, 1828), è stato un patriota greco fanariota[1], nipote di un omonimo nonno, principe di Moldavia e di Valacchia alla fine del XVIII secolo.

È considerato un eroe nazionale greco.

Storia di famiglia[modifica | modifica wikitesto]

(LA)

« Talis pater, talis flius »

(IT)

« Tale il padre, tale il figlio »

Suo padre, Constantine Ypsilanti, aveva preso parte a un complotto per liberare la Grecia dalla dominazione turca. La cospirazione fu scoperta e Costantino si rifugiò a Vienna. Il sultano gli concesse il suo perdono e lo nominò hospodar di Moldavia nel 1799. Deposto nel 1805 fuggì a San Pietroburgo.

Nel 1806 alla testa di 20 mila russi s'impadronì di Bucarest e si batté nuovamente per l'indipendenza greca. La successiva pace di Tilsit 1807 in base alla quale l'Impero russo rinunciava alla occupazione della Moldavia e della Valacchia accordandosi con Napoleone, ridusse a nulla le sue speranze di indipendenza dei greci. Ritornò in Russia dove morì nella città di Kiev.

Giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane Alessandro aveva accompagnato il padre a San Pietroburgo nel 1805. Iniziò colà la sua carriera militare nella Guardia Imperiale dove si distinse per il suo coraggio nel 1812 e 1813. Nella battaglia di Dresda perse un braccio. Fu promosso colonnello nel 1814 e divenne aiutante di campo dello zar Alessandro I, nel corso della guerra contro Napoleone. In virtù di questo grado militare partecipò al Congresso di Vienna. Nel 1817 fu nominato generale di una brigata di ussari.

Nel 1820 dopo il rifiuto del conte Giovanni Capodistria,[2] fu scelto dalla “Società degli Amici” (“Philiki Hetairia”) o Eteria,[3] società segreta patriottica greca, come capo militare.

Il 6 marzo 1821 insieme a numerosi altri ufficiali che avevano militato nell'esercito russo, annunciando che egli aveva il sostegno di una grande potenza, entrò in territorio ottomano per scatenare una rivolta nei Principati danubiani, che portasse all'indipendenza greca dall'Impero ottomano.

Conquistò la città di Iaşi lo stesso giorno dell'invasione ma, invece di continuare l'avanzata, si fermò permettendo che si compisse un massacro dei mercanti turchi. Non riuscì ad arrivare a Bucarest che era più o meno nelle mani del suo alleato valacco Tudor Vladimirescu. I cittadini valacchi, in realtà, avevano motivi di lagnarsi più dell'amministrazione greca fanariota, che il governo turco aveva loro assegnato, che dello stesso Impero ottomano.

Il voltafaccia della Russia[modifica | modifica wikitesto]

Sembrerebbe che il cancelliere austriaco Metternich avesse fatto redigere una falsa corrispondenza fra lo Ypsilanti e i liberali parigini al fine di screditarlo agli occhi dello zar.

Il 12 maggio 1821, la Santa Alleanza, contraria ad ogni turbamento dell'ordine internazionale stabilito al Congresso di Vienna, fece pubblicare un manifesto con il quale ricordava alle popolazioni che esse dovevano attendersi riforme e giustizia dai loro sovrani legittimi e non cercare di ottenerle con le armi. Si condannava in questo modo quanto stava accadendo in Italia ma anche in Moldavia.

Lo stesso zar Alessandro I di Russia, dichiarava che egli considerava la spedizione di Ypsilanti come «l'effetto dell'esaltazione che caratterizza l'epoca attuale, come il risultato della mancanza d'esperienza e della superficialità di un giovane.» Nel contempo Ypsilanti veniva radiato dai ruoli dell'esercito russo.

La Russia poi offriva all'Impero ottomano l'aiuto delle sue truppe per reprimere l'insurrezione della Moldavia e Valacchia.

Nel frattempo il sultano aveva ottenuto dal nuovo patriarca di Costantinopoli (il precedente era stato impiccato il 10 aprile) la scomunica di Ypsilanti.

Le truppe che egli era riuscito a raccogliere, considerate dai greci come il secondo "battaglione sacro" della loro storia, avevano incominciato a disertare in numero tale che la sconfitta era inevitabile. Ypsilanti fu definitivamente vinto a Drăgăşani il 19 giugno 1821.

La prigionia e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Egli allora negoziò con le autorità austriache il permesso ad attraversare il loro territorio per raggiungere la Russia. Metternich accettò ma non appena Ypsilanti fu sul suolo austriaco lo fece arrestare.

Trascorse sette anni in una fortezza militare e in una residenza sorvegliata. Alla fine del 1827 lo zar Nicola I ottenne dal governo austriaco la sua liberazione.

Ypsilanti si ritirò a Vienna dove morì il 31 gennaio 1828 a causa delle conseguenze non curate delle sue ferite e delle cattive condizioni nelle quali aveva passato gli ultimi sette anni della sua vita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erano chiamati fanarioti i greci, soprattutto commercianti, che abitavano un quartiere di Costantinopoli a loro riservato, il fanar. Dato il loro importante ruolo di mercanti, interpreti e mediatori politici, godevano della protezione del sultano che tollerava la loro professione della religione cristiana ortodossa, il cui culto del resto era riconosciuto a tutti i greci dietro pagamento di una tassa, detta jizia.
  2. ^ Il conte Giovanni Capodistria diplomatico e uomo politico greco, primo capo di stato della Grecia indipendente, ebbe sempre a cuore la causa dell'emancipazione ellenica dal giogo turco e dal 1814 ricoprì la carica di presidente dell'eteria dei Filomusi ("Amici delle Muse"). Nel 1818 declinò invece l'offerta della presidenza della Filikí Etería, la Società degli Amici, non approvandone le modalità di azione (e tanto meno le imprese del successivo leader Alessandro Ypsilanti), avendo invece fiducia nell'intervento dello zar Alessandro in favore dei greci. Quando invece la Russia si schierò contro gli insorti ellenici (1822), Capodistria rassegnò le sue dimissioni dalla pubblica amministrazione russa e si ritirò a Losanna e Ginevra, da dove sostenne attivamente la causa dell'indipendenza greca (anche facendo istruire giovani greci a sue spese).
  3. ^ L'eteria, dal greco ἑταῖρος, "hetaîros" (compagno), era, nella polis dell'antica Grecia, un'associazione di aristocratici con in comune interessi politici. Una società segreta di questo nome col fine della indipendenza greca dai turchi era stata fondata a Vienna nel 1780 dal greco Costantino Rhigas. Dissoltasi dopo la morte del suo fondatore nel 1798, si ricostituì ad Odessa nel 1814. Fu definitivamente sciolta nel 1818 dopo il fallito tentativo di Alessandro Ypsilanti di fare insorgere la Moldavia contro i turchi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Britannica Concise Encyclopedia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 32796591