École spéciale militaire de Saint-Cyr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
École spéciale militaire de Saint-Cyr
Scuola speciale militare di Saint-Cyr
ESM St Cyr cadets DSC03272.JPG
Cadetti di Saint-Cyr in parata
Descrizione generale
Attiva 1º maggio 1802 - oggi
Nazione Francia
Tipo Accademia militare
Ruolo formazione ufficiali dell'esercito
Sede Saint-Cyr-l'École
Motto «Ils s'instruisent pour vaincre», ossia «Studiano per vincere».
Colori rosso,bianco e blu

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L'École spéciale militaire de Saint-Cyr (ESM, "Scuola speciale militare di Saint-Cyr") è la principale accademia militare francese, e forma i quadri dell'Armée de Terre. È spesso per brevità indicata come Saint-Cyr. Il suo motto è «Ils s'instruisent pour vaincre», ossia «Studiano per vincere».

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sede di Saint-Cyr-l'École

Istituita da Napoleone Bonaparte con legge del 1º maggio 1802, era inizialmente ubicata a Fontainebleau, fu poi trasferita a Saint-Cyr-l'École nel 1806, negli edifici della Maison royale de Saint-Louis fondata da Madame de Maintenon nel 1686. A partire dal 1818 i corsi furono regolari e a cadenza annuale.

Nel 1940, dopo l'armistizio con la Germania nazista, le scuole di Saint-Cyr e Saint-Maixent (fanteria), furono trasferite ad Aix-en-Provence, in zona libera. Nel novembre 1942, dopo che anche questa venne occupata, le due scuole furono sciolte dai tedeschi. Alcuni cadetti riuscirono a lasciare la Francia passando per la Spagna e raggiunsero la Scuola militare di Cherchell-Médiouna, in Algeria. Parallelamente, dopo il 1940, in Gran Bretagna, Charles de Gaulle fondò la "Scuola militare dei cadetti della Francia Libera". Nel 1944 la scuola di Cherchell divenne "Scuola militare interarmi" (EMIA), incaricata di formare tutti gli ufficiali dell'esercito, a mettere in pratica l'idea dell'"amalgama" del generale de Lattre de Tassigny.

Nel 1945, l'ESM fu trasferita a Coëtquidan, presso Guer, dato che gli edifici di Saint-Cyr-l'École erano stati resi inutilizzabili dai bombardamenti alleati del luglio e agosto 1944. Nel 1947, l'EMIA divenne "Scuola speciale militare interarmi", concessione al vecchio nome di Saint-Cyr. Dal 1961, la formazione degli ufficiali di reclutamento diretto e dei sottufficiali anziani è separata. L'ESM riprese il suo ruolo al fianco della nuova EMIA. Nel 1977 venne istituita ancora una nuova scuola nella sede nelle vicinanze di Guer, la "Scuola militare dei corpi tecnici ed amministrativi" (EMCTA).

Alunni famosi[modifica | modifica wikitesto]

Cursus[modifica | modifica wikitesto]

La formazione verte su quattro materie principali:

  • formazione al comando (FEXA : Formation à l'EXercice de l'Autorité)
  • formazione accademica
  • formazione militare, fra cui un brevetto di paracadutismo presso la scuola paracadutisti di Pau, corsi di commando (al forte di Penthièvre presso Quiberon e a Mont-Louis, presso il centro nazionale di addestramento commando) e corsi di combattimento in ambiente montano (a Barcelonnette, sulle Alpi, o al centro nazionale di combattimento in montagna di Briançon) o in ambiente equatoriale (nella Guiana francese).
  • formazione sportiva

I corsi durano sei semestri, e si concludono con il conseguimento del diploma dell'ESM, e, per le materie scientifiche, col diploma di ingegnere.

Tutti i cadetti di un'annata sono raggruppati in un battaglione; il primo anno le reclute fanno parte del 3º battaglione, l'anno successivo del 2º battaglione, infine del 1º battaglione di Francia, col grado di sottotenente.

Al termine del corso i cadetti ricevono il grado di tenente, sono definiti in una graduatoria, e, secondo l'ordine di questa, scelgono un'arma (con compiti operativi nell'Armée de Terre o nella gendarmeria) per la quale frequentano un anno nell'apposita scuola di applicazione:

Dopo l'anno nella scuola di applicazione i neo-ufficiali ricevono la loro destinazione operativa.

I corsi[modifica | modifica wikitesto]

Ogni corso triennale (promotion) è dedicato ad un militare insigne che ha frequentato la scuola o ad eventi, luoghi o personaggi importanti per la storia di Francia. Solamente in due casi un corso è stato intitolato ad un contemporaneo: a Jean-Baptiste Marchand (1898-1900) e al maresciallo Pétain (1940-1942).

  • N°193 2006-2009 Chef de battaillon Pierre Segrétain
  • N°192 2005-2008 Capitano Beaumont
  • N°191 2004-2007 Tenente Brunbrouck
  • N°190 2003-2006 Generale Simon
  • N°189 2002-2005 Generale de Galbert
  • N°188 2001-2004 Generale Vanbremeersch
  • N°187 2000-2003 Generale Béthouart
  • N°186 1999-2002 Del bicentenario di Saint-Cyr
  • N°185 1998-2001 Maggiore Raffali
  • N°184 1997-2000 Della Francia combattente
  • N°183 1996-1999 Generale Lalande
  • N°182 1995-1998 Colonnello Cazeilles
  • N°181 1994-1997 Comandante Morin
  • N°180 1993-1996 Maresciallo Lannes
  • N°179 1992-1995 Capitano Stéphane saint-cyr.html
  • N°178 1991-1994 Maggiore de Cointet
  • N°177 1990-1993 Generale Guillaume
  • N°176 1989-1992 Capitano Hamacek
  • N°175 1988-1991 Generale Delestraint
  • N°174 1987-1990 Tenente Tom Morel [1]
  • N°173 1986-1989 Generale Calliès
  • N°172 1985-1988 Cadetti della Francia libera
  • N°171 1984-1987 Generale Monclar
  • N°170 1983-1986 Tenente colonnello Gaucher
  • N°169 1982-1985 Generale de Monsabert
  • N°168 1981-1983 Grande Armée
  • N°167 1980-1982 Montcalm
  • N°166 1979-1981 Generale Lasalle
  • N°165 1978-1980 Generale Rollet
  • N°164 1977-1979 Maresciallo Davout
  • N°163 1976-1978 Capitano de Cathelineau
  • N°162 1975-1977 Capitano Guillemot
  • N°161 1974-1976 Tenente Darthenay
  • N°160 1973-1975 Maresciallo Turenne
  • N°159 1972-1974 Di Linarès
  • N°158 1971-1973 Capitano Danjou
  • N°157 1970-1972 Generale de Gaulle
  • N°156 1969-1971 Generale Gilles
  • N°155 1968-1970 Memoria di Napoleone
  • N°154 1967-1969 Brunet de Sairigné
  • N°153 1966-1968 Maresciallo Juin
  • N°152 1965-1967 Tenente colonnello Emile Driant
  • N°151 1964-1966 Corsica e Provenza
  • N°150 1963-1965 Giuramento del '14
  • N°149 1962-1964 Centenario della Camerone
  • N°148 1961-1963 Bir Hakeim
  • N°147 1960-1962 Vercors
  • N°146 1959-1961 Colonnello Jean-Pierre
  • N°145 1958-1960 Maresciallo Bugeaud
  • N°144 1957-1959 Terra d'Africa
  • N°143 1956-1958 Generale Laperrine
  • N°142 1955-1957 Franchet d'Esperey
  • N°141 1954-1956 Tenente colonnello Amilakvari
  • N°140 1953-1955 Caduti di Dien-Bien-Phu
  • N°139 1952-1954 Unione francese
  • N°138 1951-1953 Maresciallo de Lattre
  • N°137 1950-1952 Estremo Oriente
  • N°136 1949-1951 Garigliano
  • N°135 1948-1950 Generale Frère
  • N°134 1947-1949 Reno e Danubio
  • N°133 1946-1948 Generale Leclerc
  • N°132 1945-1947 Nouveau Bahut ("Nuova scuola")
  • N°131 1944 Roma e Strasburgo
  • N°130 1943 Guardia alla bandiera
  • N°129 giu. 1944
  • N°129 dic. 1943 Corsica e Savoia
  • N°129 giu. 1943 Fezzan-Tunisia
  • N°129 dic. 1942 Battaglia di Bir Hakeim
  • N°129 giu. 1942 Della Liberazione
  • N°129 1942 Croce di Provenza
  • N°128 1941-1942 Charles de Foucauld
  • N°127 1940-1942 Maresciallo Pétain
  • N°126 1939-1940 Dell'amicizia franco-britannica
  • N°125 1938-1939 Di una Francia più grande
  • N°124 1937-1939 Marna e Verdun
  • N°123 1936-1938 Del milite ignoto
  • N°122 1935-1937 Maresciallo Lyautey
  • N°121 1934-1936 Del re Alessandro I
  • N°120 1933-1935 Del re Alberto I
  • N°119 1932-1934 Di Bournazel
  • N°118 1931-1933 Tafilalet
  • N°117 1930-1932 Joffre
  • N°116 1929-1931 Mangin
  • N°115 1928-1930 Maresciallo Foch
  • N°114 1927-1929 Maresciallo Galliéni
  • N°113 1926-1928 Sottotenente Pol Lapeyre
  • N°112 1925-1927 Del Marocco e Siria
  • N°111 1924-1926 Del Rif
  • N°110 1923-1925 Del cavalier Baiardo
  • N°109 1922-1924 Di Metz e Strasburgo
  • N°108 1921-1923 Della rimembranza
  • N°107 1920-1922 Devise du Drapeau
  • N°106 1920-1921 Della fine della Grande Guerra
  • N°105 1919-1921 Della difesa del Reno
  • N°104 1919-1920 Della Croce di guerra
  • N°103 1918-1920 Della vittoria
  • N°102 1917-1918 Di Sainte Odile e La Fayette
  • N°101
  • N°100 1916-1917 Della bandiera e dell'amicizia americana
  • N°99 1914 Della grande riscossa
  • N°98 1913-1914 Della croce della bandiera
  • N°97 1912-1914 Della battaglia di Montmirail
  • N°96 1911-1914 Di Maria Luisa
  • N°95 1910-1913 Della Moscova
  • N°94 1909-1912 Di Fes
  • N°93 1908-1911 Di Mauritania
  • N°92 1907-1910 Del Marocco
  • N°91 1906-1909 Del Centenario
  • N°90 1905-1907 L'ultimo della Vieux Bahut ("Vecchia scuola")
  • N°89 1904-1906 Del centenario di Austerlitz
  • N°88 1903-1905 Di La Tour d'Auvergne
  • N°87 1902-1904 Del Sud-Oranese
  • N°86 1901-1903 Del centenario della Legion d'Onore
  • N°85 1900-1902 Del Ciad
  • N°84 1899-1901 Di In Salah
  • N°83 1898-1900 Marchand
  • N°82 1897-1899 Di Bourbakie
  • N°81 1896-1898 La prima delle Grandi manovre
  • N°80 1895-1897 Di Tananarive
  • N°79 1894-1896 Di Alessandro III
  • N°78 1893-1895 Di Giovanna d'Arco
  • N°77 1892-1894 Del Siam
  • N°76 1891-1893 Del Sudan
  • N°75 1890-1892 Di Kronstadt
  • N°74 1889-1891 Del Dahomey
  • N°73 1888-1890 Del Grande trionfo
  • N°72 1887-1889 Di Timbuktu
  • N°71 1886-1888 Di Châlons
  • N°70 1885-1887 Dell'Annam
  • N°69 1884-1886 Della battaglia di Foutchéou
  • N°68 1883-1885 Del Madagascar
  • N°67 1882-1884 Dei Pavillons Noirs
  • N°66 1881-1883 D'Egitto
  • N°65 1880-1882 Dei Kroumir
  • N°64 1879-1881 Della bandiera
  • N°63 1878-1880 Degli Zulu
  • N°62 1877-1879 Di Novi-Bazar
  • N°61 1876-1878 Di Plewna
  • N°60 1875-1877 L'ultimo di Wagram
  • N°59 1874-1876 La Grande Promotion
  • N°58 1873-1875 Dell'arciduca Alberto
  • N°57 1872-1874 Dello Scià
  • N°56 1872-1873 Dell'Alsazia-Lorena
  • N°55 1870-1872 Della riscossa
  • N°54 1869-1871 Del 14 agosto 1870
  • N°53 1868-1870 Di Suez
  • N°52 1867-1869 Di Mentana
  • N°51 1866-1868 Del Sultano
  • N°50 1865-1867 Di Venezia
  • N°49 1864-1866 D'Oajaca
  • N°48 1863-1865 Di Danimarca
  • N°47 1862-1864 Di Puebla
  • N°46 1861-1863 Del Messico
  • N°45 1860-1862 Del Celeste impero
  • N°44 1859-1861 Di Nizza e Savoia
  • N°43 1858-1860 Di Solferino
  • N°42 1857-1859 Dell'Indostan
  • N°41 1856-1858 Di Djurjurah
  • N°40 1857-1858 Del principe imperiale
  • N°39 1855-1856 Di Sebastopoli
  • N°38 1854-1856 Di Crimea
  • N°37 1853-1855 Di Turchia
  • N°36 1852-1854 Dell'Impero
  • N°35 1851-1853 Dell'aquila
  • N°34 1850-1852 Di Kabilia
  • N°33 1849-1851 Di Zaatcha
  • N°32 1848-1850 D'Ungheria
  • N°31 1847-1849 Della Repubblica
  • N°30 1846-1848 D'Italia
  • N°29 1845-1847 D'Ibrahim
  • N°28 1844-1846 Di Djemmah
  • N°27 1843-1845 D'Isly
  • N°26 1842-1844 Tremblement
  • N°25 1841-1843 D'Oriente
  • N°24 1841-1843 Della necessità
  • N°23 1840-1842 Delle ceneri
  • N°22 1839-1841 Di Mazagran
  • N°21 1838-1840 Dell'anno quaranta
  • N°20 1837-1839 Di Costantino
  • N°19 1836-1838 Dell'obelisco
  • N°18 1835-1837 Della cometa
  • N°17 1834-1836
  • N°16 1833-1835
  • N°15 1832-1834
  • N°14 1831-1833
  • N°13 1830-1832 Del firmamento
  • N°12 1829-1831
  • N°11 1828-1830
  • N°10 1827-1829
  • N°9 1826-1828
  • N°8 1825-1827
  • N°7 1824-1826
  • N°6 1823-1825
  • N°5 1822-1824
  • N°4 1821-1823
  • N°3 1820-1822
  • N°2 1819-1821
  • N°1 1818-1820

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra