Zalando

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zalando
Logo
StatoGermania Germania
Forma societariaSocietà europea
Borse valoriBorsa di Francoforte: ZAL
ISINDE000ZAL1111
Fondazione2008
Fondata daRobert Gentz e David Schneider
Sede principaleBerlino
Persone chiaveRobert Gentz (Co-CEO)
David Schneider (Co-CEO)
Rubin Ritter (Co-CEO)
Jim Freeman (CTO)
David Schröder (CFO)
Settorecommercio via internet
Prodottimoda, calzature
Fatturato6,483 miliardi di [1] (2019)
Utile netto99,7 milioni di (2019)
Dipendenti13.763 (2019)
Sito webwww.zalando.de/
Nazioni in cui opera

Zalando SE (precedentemente Zalando GmbH) è una società europea di commercio elettronico con sede a Berlino,[2][3] in Germania, specializzata nella vendita online di scarpe, vestiti e altri accessori. Creata nel 2008, offre il suo servizio di rivendita in 17 stati in Europa. La società ha sede a Berlino, in Germania ed è un'azienda di diritto europeo.

La società è quotata dal 2014 alla Borsa di Francoforte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Zalando IT Center (Dock 1), Phoenix-See, Dortmund

Zalando è stata creata in Germania nel 2008 inizialmente con il nome di Ifansho da Robert Gentz e David Schneider. Inizialmente la società era guidata dalla Rocket Internet GmbH. Ispirata al modello statunitense per la vendita di scarpe online, Zalando inizialmente si occupa della vendita di calzatura ma espanderà presto la propria offerta.

Nel 2009, Zalando inizia ad offrire il proprio servizio in Austria e l'anno che segue essa lancia la propria offerta commerciale nei Paesi Bassi ed in Francia. Nel 2011 comincia la sua attività in Italia, oltre che in Svizzera e in Regno Unito. Nel 2012 espande ancor più il proprio mercato in Svezia, Danimarca, Finlandia, Belgio, Spagna e Polonia. Nel 2013, tramite Zalando.be, si espande anche in Lussemburgo[4]. Nel 2015 Zalando apre un centro logistico in Italia, il primo fuori dalla Germania [5], a Stradella in Provincia di Pavia, in collaborazione con l'azienda di logistica Fiege[6].

Nel Marzo 2017, Zalando acquisice, per una cifra non nota, l'azienda di scarpe da basket tedesca Kickz. Al momento dell'acquisizione, Kickz possedeva 15 negozi in Germania[7].

Nel 2018, Zalando apre una sezione di cosmetici in Germania, Polonia e Austria. Ha inoltre aperto un negozio sperimentale a Berlino, in Germania, specializzato in cosmetici[8]. I profitti del settore cosmetico dell'azienda sono cresciuti molto rapidamente nel corso degli anni successivi, arrivando a triplicare tra il 2019 e il 2020[9].

Sempre nel 2018, Zalando ha espanso la propria collaborazione con i negozi fisici in Germania[10] e allargato la propria offerta anche a Irlanda e Repubblica Ceca[11].

A inizio 2020 Zalando apre un secondo hub in Italia, a Nogarole Rocca, in Provincia di Verona[12][13][14]. Nel corso dello stesso anno, l'hub è diventato il centro di una controversia sindacale riguardo alla tipologia dei contratti utilizzata, che ha coinvolto anche l'allora Ministro del Lavoro e le Politiche Sociali, Nunzia Catalfo[15]. La controversia si è poi risolta, con soddisfazione delle parti coinvolte, con la stabilizzazione di numerosi contratti precari[16].

Nell'Ottobre 2020, si è formato per la prima all'interno dell'azienda un works council con 31 membri eletti, che si è riunito per la prima volta l'11 Novembre 2020[17].

A Dicembre 2020, Rubin Ritter, uno degli amministratori delegati dell'azienda ha annunciato che avrebbe lasciato il proprio ruolo nel 2021, due anni prima della scadenza del suo contratto, per permettere alla moglie di perseguire i propri obiettivi di carriera[18].

Fatturato[modifica | modifica wikitesto]

Il fatturato per il 2010 varia tra € 101,2 milioni e 159 milioni di euro secondo diverse fonti. Un giro d'affari di oltre 200 milioni di euro è stato registrato per i primi sei mesi del 2011. Per il 2012 il fatturato ha toccato 1 miliardo di euro.[3] Nel 2017 era di 6.53 miliardi di [19]

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Data: ottobre 2020

Paesi dove è diffuso[modifica | modifica wikitesto]

[2][4]

Paese Diffuso dal
Germania 2008
Austria 2009
Francia 2010
Paesi Bassi 2010
Svizzera 2011
Italia 2011
Regno Unito 2011
Belgio 2012
Spagna 2012
Polonia 2012
Svezia 2012
Danimarca 2012
Finlandia 2012
Norvegia 2012
Lussemburgo 2013
Irlanda 2018
Repubblica Ceca 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Consolidated Statement of Comprehensive Income 2019, su corporate.zalando.com.
  2. ^ a b Chi siamo | Zalando.it, su www.zalando.it. URL consultato il 10 agosto 2015.
  3. ^ a b Persone e numeri | Zalando.it, su www.zalando.it. URL consultato il 10 agosto 2015.
  4. ^ a b Breve storia di Zalando | Zalando.it, su www.zalando.it. URL consultato il 10 agosto 2015.
  5. ^ Ludovico Fontana, Zalando apre in Italia, cento assunzioni e un centro logistico, in Corriere Innovazione, 25 novembre 2015.
  6. ^ (EN) Zalando: Zalando dà il via alle operazioni nel magazzino satellite italiano | Zalando Corporate, su corporate.zalando.com. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  7. ^ (EN) Emma Thomasson, Zalando buys streetwear retailer Kickz, outlook dents shares, in Reuters, 1º marzo 2017. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  8. ^ (EN) Grace Bowden2017-10-18T16:24:00+01:00, Zalando profits fall as it launches beauty offer, su Retail Week. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  9. ^ (EN) FashionNetwork com WW, Zalando makes big loss, but GMV rises on key category and beauty strength, su FashionNetwork.com. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  10. ^ (EN) Zalando expands collaboration with German retailers, su RetailDetail, 16 febbraio 2018. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  11. ^ (EN) Zalando: Zalando to Launch in Ireland and Czech Republic | Zalando Corporate, su corporate.zalando.com. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  12. ^ Zalando, debutta l'hub di Nogarole Rocca. 1000 assunzioni in vista, su CorCom, 21 gennaio 2020. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  13. ^ Zalando attiva l'hub di Nogarole Rocca e lo affida a Fiege che assume, su Il Giornale delle Logistica, 23 gennaio 2020. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  14. ^ Zalando a Nogarole Rocca: «La nostra logistica al femminile è attenta al welfare», su Gazzetta di Mantova, 4 febbraio 2020. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  15. ^ «Precarietà e pessime condizioni di lavoro» alla Zalando di Nogarole Rocca, su VeronaSera. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  16. ^ Redazione2, Accordo tra Sindacato e Zalando per la stabilizzazione dei lavoratori, su VERONA IN - Giornale, magazine, news, cronaca, opinioni - Smart Edizioni, 19 ottobre 2020. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  17. ^ (EN) http://www.ewcdb.eu/body/1316, su ewcdb.eu. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  18. ^ Sherisse Pham, CNN Business, Zalando co-CEO Rubin Ritter quits so his wife can pursue her career, su CNN. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  19. ^ Umsatz von Zalando in den Jahren 2009 bis 2017 (in Millionen Euro, su de.statista.com, 2017. URL consultato il 18 settembre 2018.
  20. ^ a b c d e f (EN) Shareholder Structure, su corporate.zalando.com. URL consultato il 13 ottobre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305438073 · GND (DE1045168939 · WorldCat Identities (ENviaf-305438073