Wikipedia:Oracolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbreviazioni
WP:O

L'oracolo

Attenzione!!!

Hai già provato a fare una ricerca...?

 

Cos'è l'Oracolo?
  • Se ci sono informazioni che non riesci a localizzare sull'enciclopedia, o hai domande su contenuti che normalmente potresti trovare su un'enciclopedia ma non trovi su Wikipedia, prova a lasciare un messaggio qui.
  • Non c'è alcuna garanzia che le risposte che ti vengono fornite siano corrette, né che qualcuno ti risponda.
  • Alcune risposte potrebbero essere accompagnate da ironia e voglia di scherzare, che non vanno scambiate per intento apertamente derisorio: qui non morde nessuno.
  • Se in seguito trovi la risposta alla tua domanda qui o in altra sede, per favore aggiungi alle voci relative le informazioni mancanti, aiutando Wikipedia a crescere e diventare sempre più completa.
  • Le risposte alle tue domande vengono scritte in questa pagina, dove resteranno visibili per alcuni giorni; in seguito verranno spostate nell'Archivio dell'Oracolo.
  • Per favore, non lasciare il tuo indirizzo e-mail: Wikipedia è pubblicamente consultabile e rischi di ricevere posta indesiderata.
  • Firma sempre i tuoi messaggi con 4 tildi: ~~~~ (vedi anche Aiuto:Firma).


Mi trovo in un impasse "logico" sulle definizioni[modifica | modifica wikitesto]

Procedo con un esempio per rendere più facile la spiegazione: definiamo ad esempio <<colorare = azione di impregnare di inchiostro un supporto (es: foglio, tela...) in modo mirato.>> In questo modo il <<colorare>> è già intrinsecamente un'azione, però nel parlato si dice anche <<quell'individuo svolge l'azione di colorare>>. E qui mi sorge il dubbio perché sostituendo <<colorare>> con la definizione data si avrebbe <<quell'individuo svolge l'azione di [azione di impregnare di inchiostro un supporto]>> e a livello logico si compie un errore sebbene capiti frequentemente. Sarebbe per assurdo più coretto a livello logico dire: <<quell'individuo svolge colorare>> ovvero <<quell'individuo svolge [azione di impregnare di inchiostro un supporto]>>. Eppure non è così.
Vedo solo due modi per "uscirne":

  • Non trattare azione come parte assegnata alla "variabile" (esattamente come in programmazione) colorare, ma utilizzare azione come una sorta di rafforzativo del concetto espresso dal verbo, quindi quando vado ad assegnare il valore colorare lo associo a impregnare carta cioè: colorare = (azione) di impregnare carta.
  • Associo effettivamente inizialmente alla variabile colorare = azione di impregnare carta, ma quando dico: <<quel bambino svolge l'azione di colorare>> non rispetto il valore dato inizialmente e a colorare associo il concetto di impregnare carta.

Non so se mi sono spiegato ma.... voi che dite? A parte che sono pazzo :P, ma ogni tanto mi diverto a ragionare su queste cose :D --31.159.98.11 (msg) 20:15, 2 lug 2015 (CEST)

Secondo me devi cambiare dizionario. Leggi il mio...
Colorare - v.tr. impregnare di inchiostro un supporto (es: foglio, tela...) in modo mirato.
Stando al mio dizionario, tu potresti fare opera di sostituzione 1 a 1 tra il termine "colorare" e la sua definizione in qualunque frase. Esempio:
Quell'individuo svolge l'azione di colorare
oppure
Quell'individuo svolge l'azione di impregnare di inchiostro un supporto (es: foglio, tela...) in modo mirato.
Cosa ne pensi? :-) --Lepido (msg) 20:36, 2 lug 2015 (CEST)
La prima, anche se in senso stretto non è un rafforzativo: si tratta di una locuzione perifrastica "azione di/del colorare" che non fa altro che rendere esplicito l'uso sostantivato del verbo "(il) colorare". La tua definizione originale ti trae in inganno perché sottintende l'uso sostantivato del verbo, ovvero non definisce "colorare", bensì "il colorare", quindi nella tua sostituzione la variabile da rimpiazzare è l'intero blocco "azione di colorare", cui va assegnata la definizione di "(il) colorare" (abusando di terminologia matematica, si potrebbe dire che "(il) colorare" è la forma ridotta della più estesa locuzione "azione di colorare", cui devi ricondurre l'espressione prima di poter effettuare qualsivoglia altra sostituzione).
La frase "svolge (il) colorare" non ti piace solo perché effettivamente è, da un punto di vista stilistico, un obbrobrio... ma il fatto che nessuno sano di mente si esprimerebbe in quel modo non significa che sia semanticamente errata: è invece corretta, e vuol dire esattamente quel che vuoi. -- Rojelio (dimmi tutto) 20:52, 2 lug 2015 (CEST)
@Lepido: Si certo avevo letto anche io il tuo dizionario :P, effettivamente notavo che così funzionava ma non capivo il perché il mio non funzionasse. Grazie della risposta :)
@Rojelio: Hai centrato il punto, grazie ora ho compreso. Seguo spesso l'oracolo per curiosità e per le belle domande poste e mi stupisce sempre come tu riesca a spaziare in tutti gli ambiti, la mia prossima domanda è: come cavolo fai XD? --37.176.135.67 (msg) 23:36, 2 lug 2015 (CEST)
Molto gentile. :-) Una combinazione di eclettismo spinto, tendenza alla formalizzazione (deformazione da ingegnere, suppongo) e passione per l'insegnamento (benché non professionalmente).
Poi in questo caso particolare sei andato a toccare un argomento che mi è relativamente familiare: lavoro su motori di ricerca, e anche se non è mai stato il mio campo specifico conosco i rudimenti dell'elaborazione del linguaggio naturale, dove è estremamente comune "annotare" le parole con la loro funzione grammaticale proprio per eliminare l'ambiguità tra usi diversi della stessa parola. Ciò serve per i casi ovvi, tipo distinguere tra "tu coloriV" (verbo) e "i coloriS" (sostantivo), ma aiuta anche proprio per casi come quello che hai descritto: usando questa notazione avrei potuto scrivere che "colorareS = azione di impregnareV" e l'ambiguità viene eliminata, rendendo impossibile effettuare la sostituzione diretta di tale equivalenza all'interno della frase "svolge l'azione di colorareV" perché si tratta di un token diversi, uguali nella scrittura ma funzionalmente distinti. -- Rojelio (dimmi tutto) 12:22, 3 lug 2015 (CEST)
Anche io sono per l'eclettismo e la formalizzazione di ogni risposta per ogni piccolo dubbio, peccato che non riuscirei a ricordarmi così tante cose da avere risposta pronta... da qui l'ammirazione XD.
Molto interessante come argomento quello che hai sommariamente delineato :). Grazie. --37.176.46.234 (msg) 15:47, 3 lug 2015 (CEST)

Significato termine cue[modifica | modifica wikitesto]

Potrei gentilmente sapere il significato del termine cue in questo contesto (da en:Wikipedia). Grazie --62.134.129.74 (msg) 11:03, 3 lug 2015 (CEST)

"Indizio" o "imbeccata", in pratica qualcosa che sfrutti per capire qualcos'altro, ad esempio dedurre la diversa distanza di vari oggetti muovendo la testa e usando il loro diverso spostamento (parallasse) come "cue visivo" della profondità o usare il diverso riverbero di un suono sui padiglioni auricolari come "cue auditivo" della sua direzione di provenienza.
In giro per la rete trovo esempi di traduzione come "indizio sensoriale", "indizio visivo", però devo ammettere che non mi piace un granché: benché estremamente simili, c'è una sottile differenza (che avrei seria difficoltà ad esprimere) tra ciò che noi chiamiamo "indizio" (e in inglese clue) e cue, e in effetti noto che non è infrequente trovarlo intradotto ("cue visivo"). -- Rojelio (dimmi tutto) 12:36, 3 lug 2015 (CEST)
Più che indizio userei qualcosa tipo imbeccata, una traccia che poi va sviluppata. Nel caso specifico è come trovare il capo di un filo in una matassa: trovandolo si può iniziare a sbrogliarla. --Vito (msg) 12:43, 3 lug 2015 (CEST)

Altri fiori da identificare[modifica | modifica wikitesto]

Buongiorno a tutti! Ho un po' di altre foto di fiori più o meno ignoti che avrei bisogno di identificare:

  1. File:Arbusto fiore giallo.JPG
  2. File:Albero fiori rosa 01.JPG, File:Albero fiori rosa 02.JPG, File:Albero fiori rosa 03.JPG e File:Albero fiori rosa con bombo.JPG (riuscite anche a dirmi che bombo è?)
  3. File:Fiore viola con api 01.JPG, File:Fiore viola con api 02.JPG e File:Fiore viola con api 03.JPG (allium? E gli insetti sono apis mellifera, giusto?)
  4. File:Fiore di campo rosa 2.JPG
  5. File:Fiore alto blu 1.JPG, File:Fiore alto blu 2.JPG e File:Fiore alto blu 3.JPG
  6. File:Fiori bianco-rosa 1.JPG e File:Fiori bianco-rosa 2.JPG
  7. File:Margherita 01.JPG, File:Margherita 02.JPG e File:Margherita 03.JPG (non capisco che tipo di margherite sono)
  8. File:Malva 01.JPG e File:Malva 02.JPG (questa dovrebbe essere malva di qualche genere)

Grazie a chi vorrà cimentarsi :) --Syrio posso aiutare? 11:24, 4 lug 2015 (CEST)

L'albero dai fiori rosa (n. 2) potrebbe essere della famiglia degli alberi di Giuda? Le foglie del 3 mi fanno pensare ad un cardo. Un Echinops ritro? --Postcrosser (msg) 15:15, 4 lug 2015 (CEST)
Per la 2 i fiori sono quasi uguali, ma le foglie non sono quelle... il 3 invece potrebbe essere lui, sì, anche se da questa cartina in Trentino non risulta (forse qualche specie affine?). --Syrio posso aiutare? 15:35, 4 lug 2015 (CEST)
1: Hypericum sp., 2: Robinia, probabilmente R. hispida, il bombo non ho idea 3: Non è un Echinops ma probabilmente un Allium, non so di quale specie, le api sono in effetti api Apis mellifera 4: Ahimè non ho idea, forse una Dipsacaceae 5: Echium vulgare o E. plantagineum 6: Una Clematis ornamentale 7: Assomiglia molto alla comune pratolina (Bellis perennis) ma la certezza non c'è 8: Credo che sia la comune Malva sylvestris. Ciao ciao :)--l'etrusco (msg) 20:10, 4 lug 2015 (CEST)
Grazie mille, risolutivo come sempre! :D --Syrio posso aiutare? 12:32, 6 lug 2015 (CEST)

KBr[modifica | modifica wikitesto]

Ma è vero oppure è una leggenda metropolitana il fatto che a chi faceva servizio militare (come ad esempio la leva, detta anche naia) somministravano KBr (bromuro di potassio) per trasformare "Gongolo" in "Pisolo"? E se fosse vero, come facevano a farlo somministrare ai militari o alle leve? --79.16.134.153 (msg) 19:47, 5 lug 2015 (CEST)

Il bromuro di potassio effettivamente è un sale che ad opportune concentrazioni ha effetti sul sistema nervoso centrale, essenzialmente sedativi. In passato, infatti, veniva usato come antiepilettico. Di fatto non ti saprei dire se venisse somministrato "di routine" alle leve per sedare gli stimoli sessuali, personalmente lo trovo un tantino inverosimile, perchè è vero che ha attività sedativa, ma la sedazione è "generale", e dubito che fosse un effetto desiderato avere un esercito di "pisoli", in tutti i senti--Samuele Madini 23:55, 5 lug 2015 (CEST)
La costituzione vieta espressamente certe pratiche. Probabilmente la legenda nasce dal fatto che la stanchezza dovuta all'addestramento sopiva la libido.--Pierpao.lo (listening) 17:21, 7 lug 2015 (CEST)

madonna del passo[modifica | modifica wikitesto]

mi sapreste dire se il titolo mariano di madonna del passo è un sinonimo di un titolo più conosciuto o un titolo a se? e se ha una data per festeggiarlo?

--87.11.179.121 (msg) 13:24, 6 lug 2015 (CEST)

io chiederei a chi la festeggia. (ma credo ci sia più di un passaggio intitolato alla Madonna) -- .mau. ✉ 13:12, 14 lug 2015 (CEST)
quindi è uno di quei titoli mariani non univoci?--82.61.146.101 (msg) 15:32, 14 lug 2015 (CEST)

Crisi economica islandese[modifica | modifica wikitesto]

Gentili wikipediani, ho letto la voce in capitolo, ed ho fatto alcune ricerche in internet, ma non ci ho capito un tubo: Le tre principali banche sono fallite, il governo si è assorbito i loro debiti. I debiti erano troppi, l'economia è stata svalutata, compresa la corona. Misteriosamente è scoppiata una bolla immobiliare, quindi le case costavano un patrimonio. Potrei sapere, anche a grandi linee, cosa è successo e come si sono tirati fuori? Grazie in anticipo.

--62.134.129.74 (msg) 11:23, 7 lug 2015 (CEST)

Se ti interessa l'argomento ti consiglio di vedere Inside Job (film), che proprio all'inizio parla approfonditamente della questione islandese, tenendo ben presente che si tratta si di un documentario ma utilizza toni molto critici nei confronti della new economy.--StefBiondo 16:25, 7 lug 2015 (CEST)
Il succo è che, come hanno fatto altri in precedenza, non hanno pagato i debiti pubblici. --2.239.205.179 (msg) 18:51, 7 lug 2015 (CEST)
Totale falsità.
In pratica le banche islandesi avevano fatto fortissimi investimenti finanziari, indebitandosi all'estero.
La banca centrale islandese, tuttavia, stampava corone praticamente a richiesta, tuttavia la domanda restava alta e il cambio di conseguenza era alto: la massa del circolante però era spropositata rispetto all'effettiva dimensione dell'economia islandese.
Per reagire all'inflazione la banca centrale islandese alzo moltissimo i tassi, finendo però per attirare capitali esteri che inflazionarono ancora di più l'economia locale (quindi anche il mercato immobiliare).
In particolare una delle maggiori banche aveva una filiale in UK e Paesi bassi che attirava un sacco di capitali in valute forti ma operava come filiale della banca di diritto islandese. In altri termini gli utili erano in valuta inflazionata (la corona) i debiti in valute forti.
Lo Stato rifinanziò le banche con una cifra pari a circa il 30% dell'intero PIL nazionale.
Nel mentre il cambio alto con l'euro divenne completamente indifendibile e dopo oscillazioni abbastanza violente la corona più che dimezzò il suo valore, con gravi conseguenze sul mercato di beni e capitali ma dando il via alla risoluzione della crisi.
In pratica la svalutazione causò un cut-off reale del debito, che fu in parte coperto da altri governi. Alcune misure ridiedero fiducia ai mercati (richiesta d'ingresso nell'UE) e tagli alla spesa, il rifinanziamento fu ben negoziato e soprattutto i debito non fu scaricato sull'economia reale locale.
Infine diciamo che è più facile risolvere i problemi di un Paese con soli 300.000 abitanti!
--Vito (msg) 20:51, 9 lug 2015 (CEST)

Tre angoscie di Freud[modifica | modifica wikitesto]

Buongiorno. Ho sentito parlare di una troria di Freud, secondo il quale tra i tanti elementi che condizionano il comportamento umano ci sono le angoscie. Lui ne aveva rilevate tre principali: angoscia di solitudine, angoscia di morte e angoscia di castrazione. Su wikipedia non ho trovato nulla, dove posso trovare qualcosa a riguardo (google aiuta poco)

--79.11.150.215 (msg) 06:27, 8 lug 2015 (CEST)

Filtro lenticolare[modifica | modifica wikitesto]

Cos'è? --62.134.129.74 (msg) 15:16, 9 lug 2015 (CEST)

Un filtro a forma di lente. Pare essere usato, ad esempio, nella filtratura del vino e della birra: vari filtri vengono impilati ed racchiusi in un contenitore cilindrico attraverso cui viene fatto passare il liquido in pressione. -- Rojelio (dimmi tutto) 20:18, 9 lug 2015 (CEST)

bauer bicicletta sportiva da donna[modifica | modifica wikitesto]

cb La discussione proviene dalla pagina Wikipedia:VisualEditor/Commenti#bauer bicicletta sportiva da donna
– Il cambusiere --Fringio – α†Ω 17:23, 10 lug 2015 (CEST)

cerco la sua storia e l'anno di fabricazione

94.161.130.235 (msg) 17:14, 10 lug 2015 (CEST)

Giochi Europei 2015[modifica | modifica wikitesto]

A me sembra che i Giochi Europei svoltisi a Baku in giugno non abbiano suscitato un grande interesse: i media ne hanno parlato poco o niente, e le uniche notizie sulle gare io le ho lette sul Televideo Rai. --Mauro Tozzi (msg) 11:00, 13 lug 2015 (CEST)

E la domanda è...? -- Rojelio (dimmi tutto) 11:55, 13 lug 2015 (CEST)
Siete d'accordo con me su questo?--Mauro Tozzi (msg) 12:01, 13 lug 2015 (CEST)
Mmmm... tieni conto che l'Oracolo (e Wikipedia tutta) non è un forum. --Lepido (msg) 12:02, 13 lug 2015 (CEST)
Penso che i giochi abbiano avuto una certa risonanza, potrebbero avere un posto in qualche voce se è questo che ti interessa. Qui di seguito degli articoli di giornali che se ne sono occupati.
http://www.panorama.it/sport/altri-sport/giochi-europei-baku-calendario-guida-dirette-tv/
http://www.wired.it/attualita/politica/2015/06/10/baku-2015-giochi-olimpici-europei/
http://www.ilsecoloxix.it/p/sport/2015/06/28/ARzcB7wE-medaglie_europei_italia.shtml
http://www.repubblica.it/sport/vari/2015/06/25/news/giochi_europei_quattro_azzurri_in_finale_per_la_boxe-117672858/
--SebastianoPistore 24/07/2015
Io sono uno che segue assiduamente i Giochi (invernali ed estivi), ma francamente per me questa trovata dei Giochi "continentali" è una gran pagliacciata, infatti quando scoprì per caso quelli europei su Wiki pensavo fossero il frutto di un burlone perdigiorno (anche perché l'Azerbaigian è in Asia...). --Umberto NURS (msg) 18:57, 24 lug 2015 (CEST)
Perfettamente d'accordo. Secondo Wikipedia in inglese, l'evento è stato trasmesso da diversi membri della EBU. Non dalla RAI, però — forse anche per violazioni dei diritti umani? — e ciò ha probabilmente influito sull'opinione pubbica italofona. --Ricordisamoa 22:08, 24 lug 2015 (CEST)

Frontiera fra Slovenia e Croazia[modifica | modifica wikitesto]

Buondì! Io e un paio di amici siamo appena stati in Croazia e ci siamo stupiti per la presenza di una frontiera fra Slovenia e Croazia (al contrario del confine fra Italia e Slovenia, che era "libero"); essendo la Croazia entrata nell'UE, non dovrebbe essere stata rimossa? Per quale motivo c'è ancora? --Syrio posso aiutare? 12:13, 13 lug 2015 (CEST)

Credo che c'entri la faccenda dell'adesione all'area Shengen. La Slovenia è nell'area dal 2007-2008, la Croazia a quanto pare entrerà nel 2016 --Lepido (msg) 12:23, 13 lug 2015 (CEST)
Ah, capito, grazie :D --Syrio posso aiutare? 12:34, 13 lug 2015 (CEST)

Calcolo della superficie di un terreno[modifica | modifica wikitesto]

Osservando i dati sulla superficie delle riserve naturali su Wikipedia, mi e' venuto un dubbio, che forse potrebbe estendersi al calcolo delle superfici dei terreni in generale: come si calcola la superficie di tale terreno?
Piu' specificatamente, la superficie viene calcolata "semplicemente" come l'area racchiusa dalla curva che rappresenta i limiti del terreno vista come proiezione dall'alto, cioe' come integrale di una superficie bidimensionale o tiene conto anche dei cambi della pendenza del terreno, cioe' come un integrale di una superficie tridimensionale?

--Daniele Pugliesi (msg) 18:00, 14 lug 2015 (CEST)

Le misure di superficie riportate ufficialmente (per lo meno quelle catastali) sono cosiddette "superfici nominali" (SN), così come appaiono dalla loro proiezione sul piano orizzontale, e sono quindi sempre minori o uguali delle effettive superfici reali (SR) misurate seguendo la curvatura del terreno.
Se poi i dati riportati in quella specifica voce siano quelli nominali o reali lo ignoro (però spannometricamente punterei per le nominali). -- Rojelio (dimmi tutto) 18:10, 14 lug 2015 (CEST)
Grazie per la risposta. Anche se il dubbio in parte rimane, almeno adesso e' chiaro che i termini che si usano sono "superficie nominale" e "superficie reale". Dando un'occhiata veloce ai risultati su Google cercando tali termini sembra che i dubbi in tal senso sono ancora maggiori, a tal punto che al catasto spuntano ogni tanto cavolate a causa della confusione tra queste due definizioni. --Daniele Pugliesi (msg) 21:23, 14 lug 2015 (CEST)

Titolo di in film[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù (Una quindicina di anni fa forse?) mi ricordo di aver visto un film nel quale un seriale killer scioglieva in una base forte alcune persone e, alla fine, faceva la stessa fine cadendo in una specie di piscina piena di questa sostanza. Mi è tornato a mente ora a guardare una puntata simile di Breaking Bad... Qualcuno per caso sa di che film si tratti?

Grazie!


--80.180.208.168 (msg) 03:44, 16 lug 2015 (CEST)

Problema di titolazione redox[modifica | modifica wikitesto]

Qualche anima pia potrebbe darmi una mano col procedimento del seguente problema?:

5 ml di una soluzione 0,1 M di Ce4+ vengono aggiunti a 5 ml di una soluzione 0,3 M di Fe2+. Calcolare il potenziale di un elettrodo di platino immerso nella soluzione.

Il risultato è 0,753 Volt. Grazie --Samuele Madini 11:59, 22 lug 2015 (CEST)

Vado così a colpi di rimembranze. In pratica devi ragionare per step in base alla scala dei potenziali di riduzione. All'inizio è fe2+ < pt < ce4+, poi quando il ce passa a ce3+ si inverte rispetto al fe3+ formatosi, poi...non ho continuato ma il gioco è capire le concentrazioni finali e impostarci su l'equazione di Nernst. --Vito (msg) 12:28, 22 lug 2015 (CEST)

Film a episodi[modifica | modifica wikitesto]

Mi sapreste dire qual è il film a episodi con il maggior numero di episodi?

--95.234.182.110 (msg) 20:14, 16 lug 2015 (CEST)

Se consideri anche i documentari, direi che Life in a Day può avere buone possibilità. --Postcrosser (msg) 22:20, 16 lug 2015 (CEST)
Per i film di animazione segnalo Fantasia 2000 con 8 episodi. --Lepido (msg) 08:23, 17 lug 2015 (CEST)
Heimat 2 - Cronaca di una giovinezza (vedi Wikipedia:Oracolo/Archivio/Settembre - Ottobre 2013#cinema episodi). --Nungalpiriggal (msg) 08:37, 17 lug 2015 (CEST)
quello li potrà essere il più lungo film a episodi, ma non sono sicuro che sia quello con più episodi--87.7.180.94 (msg) 12:36, 17 lug 2015 (CEST)

aliquota unica[modifica | modifica wikitesto]

Sento in TV alcune proposte di passare dall'attuale stato delle tasse a un sistema con aliquota unica. cosa vuol dire? (ho sentito di aliquota al 20%, ma ciò vuol dire che l'IVA, l'IRPEF, l'IMU, la TASI, la TARI avrebbero tutte un aliquota del 20%). vi avverto che in materia non sono preparato, però mi piacerebbe capire cosa hanno proposto. --79.11.151.238 (msg) 20:24, 19 lug 2015 (CEST)

Dubito si intenda un'unica aliquota per tasse diverse, anche perché credo avrebbe ben poco senso; ad esempio l'IMU è calcolata in funzione della cosiddetta "rendita catastale" degli immobili di proprietà (avviso: anch'io non sono un esperto e qui e là semplifico orrendamente), i cui valori sono sensibilmente diversi da quelli, ad esempio, del reddito lordo annuale di un nucleo familiare (alla base dell'IRPEF), e applicare la medesima aliquota ad entrambi sarebbe... beh, per lo meno discutibile. :-)
Nella fattispecie suppongo tu ti riferisca all'idea di un'aliquota unica per l'IRPEF, anche nota come flat tax, in contrapposizione all'attuale sistema che prevede un'aliquota progressiva. Ti consiglio di leggere quest'ultima voce dell'enciclopedia, per maggiori dettagli, ma in estrema sintesi in un sistema progressivo il reddito lordo annuale viene suddiviso in "fascie", o "scaglioni", ciascuno soggetto ad una diversa aliquota di tassazione, "progressivamente crescente" (da cui il nome): facendo un esempio arbitrario (non corrisponde alle effettive aliquote in Italia, che non conosco e non sto a cercare perché irrilevante ai fini della comprensione del meccanismo di base), una persona con un reddito di 50.000€/anno potrebbe essere tassata come:
  • 10% per i primi 10.000€ -> 1000€
  • 25% fino a 30.000€ (ovvero per i 20.000 che vanno da 10.001 a 30.000, perché i primi 10.000 li abbiamo già considerati) -> 5.000€
  • 40% oltre i 30.000€ (ovvero per i 20.000 che vanno da 30.001 a 50.000) -> 8.000€
per un totale di 14.000€. Ne risulta che l'aliquota "media", o "effettiva", (in questo esempio il 28%, pari al rapporto 14.000/50.000) cresce all'aumentare del reddito: i redditi più bassi sono soggetti solo alle aliquote più basse, mentre i redditi più elevati ricadono sempre di più negli scaglioni con aliquote superiori alzando la pressione fiscale media.
Un sistema ad aliquota fissa, invece, consiste nel dire che il reddito viene tassato (per esempio) al 25% costante, sia che sia di 10.000€ sia che sia di 100.000€. In realtà la questione non sarebbe comunque così immediatamente semplice, perché sto totalmente ignorando il sistema delle detrazioni, ovvero le cifre che lo Stato consente di sottrarre dal reddito prima che, alla rimanenza, venga applicata l'aliquota di tassazione (fissa o progressiva che sia). Se, per esempio, una persona ha un reddito di 10.000€ e detrazioni per 4.000, il 25% dei rimanenti 6.000 sarebbe 1.500€ ovvero un'effettiva pressione fiscale del 15% rispetto il reddito lordo originale; le stesse detrazioni di 4.000€ applicate a un reddito di 100.000€ darebbero 100.000 - 4.000 = 96.000 * 25% = 24.000€, ovvero una pressione fiscale effettiva del 24%.
Stringi stringi (e di nuovo: sto semplificando ignobilmente) la "battaglia" tra i due sistemi si gioca essenzialmente sui redditi più alti: il sistema progressivo è visto con maggior favore da chi privilegia la visione della tassazione sul reddito come strumento sociale di ridistribuzione della ricchezza (maggior pressione sui redditi più alti e minore su quelli più bassi) mediata dallo Stato, mentre la flat tax rispecchia più da vicino l'idea, di stampo liberista, che i redditi più alti non debbano essere "afflitti" da una pressione fiscale più elevata nella convinzione che siano proprio tali redditi, opportunamente reinvestiti dai privati, a trainare e motivare l'economia generale dalla nazione e, in fin dei conti, ad incrementare la ricchezza generale. -- Rojelio (dimmi tutto) 23:11, 19 lug 2015 (CEST)

Impressionismo[modifica | modifica wikitesto]

Mi sapreste dire se la pittura Impressionista è divisa in periodi o sotto-movimenti?

--79.18.192.140 (msg) 10:24, 21 lug 2015 (CEST)

In parte il movimento dei Macchiaioli potrebbe essere considerato un sotto-movimento impressionista, perché ha premesse ed esiti diversi. Ebbe come conseguenza il Neo-Impressionismo o Post-Impressionismo di Seurat, che pure si differenziava nella metodologia e filosofia. A mio parere, più ci avviciniamo alla contemporaneità, più è difficile distinguere con chiarezza dove comincia o finisce un movimento, visto che le contaminazioni tra artisti sono innumerevoli e spesso non definibili. --Ghess-hu (msg) 09:56, 29 lug 2015 (CEST)

Soldatessa Melissa O'Nealy[modifica | modifica wikitesto]

Buondì! Ho trovato citata, in un libro di onomastica (questo, generalmente molto attendibile), una soldatessa statunitense di nome Melissa O'Nealy che, secondo il libro fu la prima donna soldato statunitense ad essere catturata dal nemico (durante la Guerra del Golfo); poi fu rimpatriata sana e salva. Non trovo però alcun riscontro online della sua storia, o anche solo della sua esistenza; qualcuno riesce ad aiutarmi? --Syrio posso aiutare? 13:35, 21 lug 2015 (CEST)

Ho trovato questi articoli d'epoca su La Repubblica: 1, 2 e 3. Si trova qualcosa anche nell'archivio dell'Unità. --79.44.26.32 (msg) 15:03, 21 lug 2015 (CEST)
Eh, lo supponevo. Grazie mille! :D --Syrio posso aiutare? 15:37, 21 lug 2015 (CEST)

Storia di Paperino[modifica | modifica wikitesto]

Caro Oracolo, so che può sembrare una stupidaggine, ma ti chiedo questa cosa che per me sarebbe importante (motivi personali, se proprio volete vi spiegherò).

Ricordo che anni fa ho letto una storia a fumetti dove Paperino andava (anzi.. veniva obbligato ad andare) con zio Paperone a ricercare dei particolari francobolli (se non ricordo male erano stampati al contrario) dall'alto valore. Dopo una serie di eventi, nei quali Paperino perdeva questi francobolli, la storia si concludeva con Paperino che lasciava zio Paperone nel deposito, ed attaccato alla sua zampa era rimasto uno ddi quei francobolli. La storia la ricordo approsimatamente, e non ricordo a che anno risale la storia (forse era sui classici), però chiedo se qualcuno mi aiuterebbe ad identificare la storia (almeno il titolo, se poi sapete anche il numero meglio). Grazie mille anticipatamente --79.41.172.208 (msg) 21:04, 22 lug 2015 (CEST)

Potrebbe essere Paperino e la missione filatelica, apparsa su I Classici e I Grandi Classici? --Ricordisamoa 06:09, 23 lug 2015 (CEST)

Crossover per cavo rca... Stessa teoria del post amplificato?[modifica | modifica wikitesto]

O sommo oracolo, eccomi ancora al tuo cospetto, col disperato bisogno di luce, nella tenebra della mia ignoranza...

Mi trovo a costruire un crossover per audio, che sia applicabile a qualsiasi cavo rca pre amplificatore, mi chiedevo se potessi costruirlo con gli stessi criteri che userei per un crossover post amplificazione... Ovvero se sia sufficiente utilizzare un condensatore per fare un passa alto, e una induttanza per il passa basso... E in tal caso come regolarmi per quanto riguarda le varie impedenze...

In commercio esistono già dei filtri passivi inline della harrison lab, chiamati fmod, che praticamente filtrano il segnale prima della amplificatore scimmiottando l'effetto di un crossover attivo, l'ideale sarebbe sapere come sono fatti per cercare di farne di simili con tagli di frequenza che in commercio non trovo...

Ringrazio anticipatamente per la collaborazione

Cordiali saluti --95.237.132.211 (msg) 01:50, 23 lug 2015 (CEST)

La risposta è: 42.--79.21.202.244 (msg) 14:31, 23 lug 2015 (CEST)

Titolo film italiano[modifica | modifica wikitesto]

Onnisciente Oracolo, a te mi appello!

Sto cercando il titolo di un film italiano, girato diciamo negli anni '60-'70, ambientato nell'Est milanese (Gorgonzola mi pare fosse uno dei paesi presenti), che narra le vicende di due coppie di sposi mal assortite che finiranno per innamorarsi l'uno con la moglie dell'altro e viceversa.

Ho un ricordo dei protagonisti che si recano al lavoro in fabbrica in bicicletta, attraversando un fiume su un barcone (forse il traghetto di Leonardo a Imbersago? Però saremmo molto lontani da Gorgonzola...).

Inoltre le zone dove si svolge il film nel finale sono vittima di una violentissima alluvione (dell'Adda?).

Qualcuno riesce a darmi una mano? Non riesco a trovare nulla! Grazie grazie grazie!


--79.16.146.51 (msg) 20:51, 23 lug 2015 (CEST)

Uscita HDMI dal contatto ballerino[modifica | modifica wikitesto]

Gentile Oracolo, ho un problema sull'uscita HDMI del mio mediaplayer, qualsiasi cavo HDMI che ho inserito nell'uscita ha un contatto lasco (capita anche con altri cavi hdmi, quindi il cavo non è difettato ed il problema è sorto solo negli ultimi mesi), basta spostare il lettore di pochi centimetri, magari per pulirlo ogni tanto, che devo impegnarmi decine di minuti spostando il cavo di pochi mm sull'uscita a destra e sinistra, in alto e in basso, per riottenere il segnale a video. Come posso fare per aggiustarlo? Avevo pensato ad alzare di pochissimo i piccoli contatti interni tramite un ago o qualcosa del genere, oppure cercare di stringere l'anima metallica esterna, ho cercato di stringere il tutto tramite l'apposita piccola vite superiore all'uscita HDMI, ma senza esito. Prima di fare danni, cosa mi consigli?--79.27.114.94 (msg) 17:46, 24 lug 2015 (CEST)

Trasfusioni di sangue[modifica | modifica wikitesto]

Mi chiedevo: come mai le trasfusioni di sangue non danno rigetto come invece succede per gli altri organi? (A parità di gruppo sanguigno ovviamente) --37.176.107.116 (msg) 09:48, 25 lug 2015 (CEST)

Appunto perché c'è parità di gruppo sanguigno, e quindi l'organismo riconosce il sangue trasfuso come "self" (pare che in alcuni casi tuttavia anche per le trasfusioni di sangue esista il fenomeno del rigetto). C'è da dire inoltre che gli elementi cellulari del sangue trasfuso hanno una vita relativamente breve (qualche mese per gli eritrociti, che sono i più longevi), e ciò immagino comporti a scongiurare l'insorgenza del fenomeno del rigetto--Samuele Madini 14:32, 26 lug 2015 (CEST)
Inoltre i globuli rissi non hanno nucleo e quindi neanche un proprio codice genetico, diversamente da un organo trapiantato che è fatto di cellule. --93.49.120.59 (msg) 15:32, 26 lug 2015 (CEST)

Pianta da identificare[modifica | modifica wikitesto]

Sapete aiutarmi a identificare questa pianta? E' nata da sola (probabilmente con l'aiuto di qualche merlo) nell'aiuola di casa mia. Le fogliepiù grandi sono di circa 5 cm e in inverno cadono. Il mio primo pensiero è stato una vite, ma le foglie sono diverse. Foto 1 Foto 2 --Postcrosser (msg) 22:23, 25 lug 2015 (CEST)

Probabilmente ci hai parzialmente imbroccato, penso che sia una vite americana (ornamentale e dai frutti non commestibili) del genere Parthenocissus. Ottima pianta rampicante per coprire muri anche alti (tende un tantino ad allargarsi però), in autunno le foglie prendono un suggestivo solore rosso vermiglio.--l'etrusco (msg) 09:37, 26 lug 2015 (CEST)
Ti ringrazio della risposta. Avevo escluso il Parthenocissus perchè, a qualche metro di distanza, ne ho una pianta e ha le foglie totalmente diverse (divise in cinque spicchi ben distinti) ma vedo ora che in realtà ne esistono diverse specie con foglie diverse. Provo a cercare tra quelle. --Postcrosser (msg) 10:48, 29 lug 2015 (CEST)

House of lords e parlamento inglese[modifica | modifica wikitesto]

Caro Oracolo. Leggendo la pagina sulla House of Lords non ho capito una cosa: Ma come cavolo vengono nominati i membri. Ok, ci sono i membri ereditari, ma gli altri membri chi li nomina? Ogni quanti anni si rinnova? Perchè nella pagina si vedono i colori dei partiti politici? Sono eletti o nominati? In secono luogo, non ho capito se il parlamento inglese è bicamerale perfetto o imperfetto, e se quindi la house of lords deve dare la fiducia al governo. Potresti togliermi i dubbi, per favore?


--79.54.130.144 (msg) 22:40, 25 lug 2015 (CEST)

A parte i membri ereditari, gli altri sono nominati dal monarca su consiglio del Primo Ministro di un'apposita commissione, e sono nominati a vita. La Camera dei Lord non vota la fiducia, e per l'approvazione delle leggi è sufficiente il voto della Camera dei Comuni. --Cruccone (msg) 14:50, 29 lug 2015 (CEST)

Università italiane[modifica | modifica wikitesto]

Salve. Non ho capito come funziona il sistema universitario italiano, nel senso: una volta c'erano le facoltà, ma ora non ci sono più. La pagina di wikipedia non mi aiuta, e internet è un casino. Ho visto che ci sono dipartimenti e corsi e dottorati e magistrali e triennali e biennali, ma non ci capisco un tubo. Poi su internet vedo che si ragiona ancora in termine di facltà, che non ci son più.... insomma, come è gia chiaro non ci sto capendo niente, e il giorno in cui finirò le superiori e dovrò decidere cosa fare è in avvicinamento. Qualcuno potrebbe spiegarmi, anche a grandi linee, come è impostato il siustema universitario italiano e cosa sono le cose elencate prima (dipartimenti, corsi etc.) Grazie --95.237.158.203 (msg) 14:12, 30 lug 2015 (CEST)

Semplicemente i corsi ora afferiscono ai dipartimenti e non alle facoltà. Le facoltà avevano già da prima i dipartimenti, ora mancano le facoltà come struttura intermedia fra il dipartimento e l'università, ma dal punto di vista dello studente non cambia praticamente nulla. --Vito (msg) 15:40, 30 lug 2015 (CEST)

Fisica della corda[modifica | modifica wikitesto]

O sommo oracolo, io e un mio amico non ci troviamo d'accordo sulla risoluzione di un "esperimento mentale". Immaginiamo due scalatori che si stanno arrampicando su una parete rocciosa. Entrambi piantano il picchetto da cui si diparte la corda di sicurezza. Lo scalatore A ha una corda abbastanza corta, mentre B ha una corda assai più lunga. Entrambi, una volta superato, sulla parete rocciosa, il picchetto, inavvertitamente cadono.

Io credo che B sia più a rischio di rottura della corda: nella lunga caduta ad accelerazione costante di 9,8 m/s^2, consentita dalla lunghezza della corda, arriverà ad una notevole velocità. Quando la corda finisce la velocità si azzera, l'accelerazione è Vmax - 0 / tempo di arresto (immagino molto piccolo), la massa è nota, e quindi la forza sulla corda è F=m*a. Essendo Vmax più piccola per A, la forza esercitata sulla corda è minore e quindi non si strappa.

Secondo il mio amico invece l'accelerazione vale per entrambi 9,8 m/s^2 e quindi, a parità di massa dei due, la lunghezza è ininfluente per la forza esercitata sulla corda.

Sebbene il mio ragionamento mi sembra più logico e intuitivo, non riesco a capire perché il suo dovrebbe essere sbagliato.

Grazie!

--79.24.6.167 (msg) 15:18, 30 lug 2015 (CEST)

Ma il tempo di arresto non varia col variare della lunghezza della corda? L'accelerazione è ovviamente identica per entrambi: 9,8 m/s^2, ma è la s che col variare della lunghezza della corda varia anch'essa. Ho capito bene? --Lepido (msg) 15:54, 30 lug 2015 (CEST)
Se ho capito bene all'aumentare della lunghezza della la corda aumenta la lunghezza della caduta: in tal caso all'aumentare della lunghezza della caduta aumenta la velocità dello scalatore cadente e quindi anche la sua quantità di moto. Integrando (ambo i membri di dp=Fdt) la la forza nel tempo di frenata (che come giustamente si osserva è molto piccolo) si ha la forza subita dalla corda, che sarà un valore all'incirca simile alla quantità di moto stessa. Per sapere se la corda si rompe questa forza va confrontata con il massimo peso sopportabile dalla corda. --^musaz 16:20, 30 lug 2015 (CEST)
In sintesi quindi corda più lunga -> maggior quantità di moto -> maggior forza sulla corda. --Vito (msg) 16:24, 30 lug 2015 (CEST)

OK, quindi, da quello che dice musaz, la corda dello scalatore che ha quella più lunga subisce una forza maggiore, più vicina al punto di rottura, rispetto a quella dell'altro scalatore, giusto? --79.24.6.167 (msg) 16:29, 30 lug 2015 (CEST)

Sì, senza dubbio. --Vito (msg) 16:34, 30 lug 2015 (CEST)
(conflittuato)Il tuo amico ha torto: sarà anche vero che, ipotizzando che i due soggetti abbiano la stessa massa, per cadere impiegano la stessa forza (massa*accelerazione, ma alla fine bisogna considerare l'energia potenziale e l'impulso.
  • B cade per maggior spazio, quindi maggior tempo (t). Nel moto rettilineo accelerato la velocità finale vf = a * t + eventuale velocità iniziale. Quindi la Vf di B è palesemente più alta di quella di A. Se consideri che passano dalla Vf a 0 in un istante, quando sono caduti per la lunghezza della corda, ti rendi conto della quantità di forza che subisce la corda semplicemente considerando l'impulso (prodotto tra Newton e secondo, quindi per formula inversa F = I/t; L'impulso è la differenza di quantità di moto): se l'impulso è dato da I = massa * (0 - Vf), considerando il valore assoluto, la forza sarà F = m * |vf|/t. Se consideri che il tempo è minimo ti rendi conto che la corda di B subisce un impulso maggiore di quella di A
  • Se consideri che l'energia potenziale Ep = m * g * h (massa * accelerazione di gravità * altezza/lunghezza), ti rendi conto che la corda B, avendo altezza maggiore di quella di A, sarà soggetta ad energia potenziale molto più alta.
Spero di essermi spiegato bene. --Belumat (msg) 16:47, 30 lug 2015 (CEST)
E se vi dicessi che avete torto entrambi? XD Come spesso accade, la situazione è un pelino più complessa di quanto non sembri.
Nei nostri conti abbiamo assunto un tempo di arresto identico per entrambi, che sembra ragionevole ma in realtà non funziona. Le funi hanno un coefficiente di elasticità, e a parità di fune (e quindi di coefficiente) più sono lunghe più sono in grado di assorbire energia distribuendo il lavoro su uno spazio di allungamento maggiore. Assumere che il tempo d'arresto sia lo stesso per le due funi, di lunghezza diversa, corrisponde implicitamente ad assumere che la corda più lunga sia anche più rigida di quella più corta. È vero che, in tale scenario, la corda più lunga si spezzerebbe per prima... ma abbiamo perso di vista la causa: si spezza perché più rigida, non perché ha consentito una caduta più lunga. :-)
Se invece consideriamo l'elasticità della fune (il valore esatto qui non importa) e si evita quindi di assumere che il tempo d'arresto debba necessariamente essere identico per i due scalatori, si fa una scoperta non così immediatamente intuitiva, ovvero che l'altezza della caduta è praticamente ininfluente: se la fune è più lunga, il corpo raggiunge una velocità superiore, ma al momento dell'arresto c'è anche più corda a disposizione, che quindi si può allungare di più e per un tempo superiore, sino ad arrivare ad una tensione di picco sostanzialmente identica.
L'unica cosa che davvero conta, quindi, è quello che in gergo viene chiamato "fattore di caduta", ovvero il rapporto tra la distanza percorsa in caduta libera e la lunghezza della fune che dovrà accusare il colpo al momento dell'arresto. Il tuo esempio è definito esattamente in maniera tale da garantire che entrambi i rocciatori abbiano un fattore di caduta pari a 1, essendo per entrambi la distanza di caduta esattamente pari alla lunghezza della corda, e quindi in buona approssimazione le loro funi tenderanno o a resistere entrambe o a spezzarsi entrambe, essendo soggette alla medesima tensione massima durante l'arresto.
Trovi una spiegazione relativamente dettagliata ed interessante qua. -- Rojelio (dimmi tutto) 17:22, 30 lug 2015 (CEST)
Sì nella realtà la costante d'elasticità diventa un elemento critico ma loro si concentravano sulle accelerazioni. Comunque se si cade per più di un centinaio di metri iniziano ad avvicinarci alla velocità limite ^^ --Vito (msg) 17:29, 30 lug 2015 (CEST)
Ok abbiamo scoperto il segreto di Rojelio: prima si fa le domande da IP e poi si risponde loggato :-) Comunque, sicuramente l'allungamento della fune è proporzionale all'altezza di caduta, e questo rende più importanti altri fattori come il peso dell'alpinista, però non è stato specificato il materiale di cui è fatta la corda, e di quante cadute la corda ha già subìto! --^musaz 18:12, 30 lug 2015 (CEST)
Però Rojelio è un grande...! Propongo per lui una medaglia al "pensiero laterale" :-) --Lepido (msg) 19:35, 30 lug 2015 (CEST)