Voivodato della Grande Polonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Voivodato della Grande Polonia
voivodato
Województwo wielkopolskie
Voivodato della Grande Polonia – Stemma Voivodato della Grande Polonia – Bandiera
Localizzazione
Stato Polonia Polonia
Amministrazione
Capoluogo Poznań
Voivoda Piotr Florek (PO)
Data di istituzione 1999
Territorio
Coordinate
del capoluogo
52°17′34″N 16°44′08″E / 52.292778°N 16.735556°E52.292778; 16.735556 (Voivodato della Grande Polonia)Coordinate: 52°17′34″N 16°44′08″E / 52.292778°N 16.735556°E52.292778; 16.735556 (Voivodato della Grande Polonia)
Superficie 29 826,51 km²
Abitanti 3 414 185 (2010)
Densità 114,47 ab./km²
Distretti 4+31
Voivodati confinanti Bassa Slesia, Cuiavia-Pomerania, Łódź, Lubusz, Opole, Pomerania, Pomerania Occidentale
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
ISO 3166-2 PL-WP
Codice GUS 30
Targa P
Cartografia
Voivodato della Grande Polonia – Localizzazione
Sito istituzionale

Il voivodato della Grande Polonia (in polacco Województwo wielkopolskie) è uno dei 16 voivodati della Polonia. Il voivodato si trova nel centro-ovest del territorio polacco ed è stato creato con la riforma del 1999 dalla fusione dei precedenti voivodati di Poznań, Kalisz, Konin, Piła e Leszno. Comprende la regione intorno al capoluogo Poznań denominata Grande Polonia.

Con quasi 30.000 km² è, dopo quello della Masovia, il secondo voivodato della Polonia per estensione; con più di 3,3 milioni di abitanti, è anche uno dei più popolati[1].

La Grande Polonia viene vista come il nucleo originario della Polonia, come le antiche città della dinastia dei Piast Poznań e Gniezno. Il voivodato corrisponde alla precedente provincia prussiana della Posnania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il punto più alto del voivodato è il monte Kobyla Góra (284 m) tra le colline di Ostrzeszowski; la zona più bassa si trova nella valle del fiume Warta, alla foce del suo affluente Noteć (21 m), a nord-ovest della regione.

I terreni agricoli fertili rappresentano circa il 60% del suolo, mentre il restante 20% è terreno alluvionale umido situato in aree non boschive, per lo più urbane. Una superficie di 800.000 ettari è coperta da foreste, che costituiscono il 25,8% della superficie totale del voivodato. A nord e al centro della regione ci sono circa 800 laghi; il più grande è quello naturale di Powidzkie, nel distretto lacustre di Gniezno.

La regione di Wielkopolska si trova nel bacino del fiume Oder.

Il sale estratto dalla miniera di Kłodawa rappresenta il 20% della produzione nazionale. Altre risorse minerarie in abbondanza sono lignite, torba e gas naturale.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La regione di Wielkopolska è influenzata dalle masse d'aria oceaniche che mitigano il clima. Man mano che si procede da ovest a est, il clima diventa sempre più continentale. La temperatura media annua è leggermente più alta a sud e a ovest (8,2°C), mentre a nord scende a circa 7,6°C. Le precipitazioni medie annuali vanno da 500 a 550 mm.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative del voivodato
Il castello di Kórnik

Il voivodato della Grande Polonia è diviso in 31 distretti e 4 distretti urbani.

Distretti urbani[modifica | modifica wikitesto]

Altri distretti[modifica | modifica wikitesto]

Città[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio di Poznań
La cattedrale di Gniezno, sede del Primate di Polonia

Le uniche grandi città del voivodato sono la capitale Poznań e la più vecchia città della Polonia, Kalisz. Il numero di abitanti tra parentesi è del 2004.

Le principali città sono:

  1. Poznań (574.125)
  2. Kalisz (108.920)
  3. Konin (81.774)
  4. Piła (75.293)
  5. Ostrów Wielkopolski (73.278)
  6. Gniezno (70.141)
  7. Leszno (63.663)
  8. Śrem (30.396)
  9. Turek (29.713)
  10. Krotoszyn (29.293)
  11. Września (28.614)
  12. Swarzędz (28.739)
  13. Luboń (26.536)
  14. Jarocin (25.825)
  15. Kościan (24.613)
  16. Wągrowiec (24.463)
  17. Koło (23.515)
  18. Sroda Wielkopolska (21.100)
  19. Rawicz (20.850)

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto al PIL dell'UE espresso in potere d'acquisto, il voivodato ha raggiunto un indice di 55,1 (totale UE = 100). Il tasso di disoccupazione è sceso dal 17,2% del 2005 al 9,1 a dicembre del 2009.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

L'autostrada A2 a Koło

Stradali[modifica | modifica wikitesto]

Un traffico notevole proveniente dalla Russia e dagli altri Stati dell'ex URSS passa attraverso Poznań e Konin per raggiungere la Germania e gli altri Paesi dell'Europa occidentale. A sud passa la strada internazionale che parte da Danzica e giunge a Praga e nell'Europa meridionale attraversando Poznań. Una volta completata, l'autostrada A2 collegherà la Germania alla Bielorussia transitando per Poznań e Varsavia.

Ferroviari[modifica | modifica wikitesto]

I principali snodi ferroviari del voivodato sono Poznań, Piła e Ostrów Wielkopolski. PKP Intercity gestisce un gran numero di treni ad alta velocità che quotidianamente collegano Varsavia a Berlino passando per Poznań. Questa linea ferroviaria è stata la prima in Polonia ad utilizzare il sistema europeo dei TAV.

Aerei[modifica | modifica wikitesto]

Poznań è meta di numerosi turisti e viaggiatori internazionali anche grazie all'Aeroporto Ławica, uno dei più grandi e importanti della Polonia.

Aree protette[modifica | modifica wikitesto]

Il lago Góreckie nel parco nazionale Wielkopolska

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN141051088 · GND: (DE4596764-7
Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia