Voivodato della Varmia-Masuria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Voivodato della Varmia-Masuria
voivodato
Województwo warmińsko-mazurskie
Voivodato della Varmia-Masuria – Stemma Voivodato della Varmia-Masuria – Bandiera
Voivodato della Varmia-Masuria – Veduta
Sede del voivodato a Olsztyn
Localizzazione
Stato Polonia Polonia
Amministrazione
Capoluogo Olsztyn
Data di istituzione 1999
Territorio
Coordinate
del capoluogo
53°47′N 20°30′E / 53.783333°N 20.5°E53.783333; 20.5 (Voivodato della Varmia-Masuria)Coordinate: 53°47′N 20°30′E / 53.783333°N 20.5°E53.783333; 20.5 (Voivodato della Varmia-Masuria)
Superficie 24 173,17 km²
Abitanti 1 426 155 (2008)
Densità 59 ab./km²
Distretti 2+19
Voivodati confinanti Cuiavia-Pomerania, Masovia, Podlachia, Pomerania, Oblast' di Kaliningrad (RU)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
ISO 3166-2 PL-WN
Codice GUS 28
Targa N
Cartografia
Voivodato della Varmia-Masuria – Localizzazione
Voivodato della Varmia-Masuria – Mappa
Suddivisione del voivodato in distretti
Sito istituzionale

Il voivodato della Varmia-Masuria (in polacco Województwo Warmińsko-Mazurskie) è uno dei 16 voivodati della Polonia. Il voivodato si trova nel nordest del territorio polacco ed è stato creato con la riforma del 1999 dai precedenti voivodati di Elbląg, Olsztyn e parte di quello di Suwałki (la parte restante si trova nell'attuale voivodato della Podlachia). La regione comprende la parte meridionale della provincia storica della Prussia orientale, la quale è stata divisa tra la Polonia e l'Unione Sovietica (oggi l'enclave russa di Kaliningrad) dopo la Seconda guerra mondiale. Il capoluogo è Olsztyn, che è anche la città più grande.
Il voivodato ha una superficie di 24.192 km² ed una popolazione di 1.427.091 (secondo i dati statistici del 2006). Il nome deriva da due regioni storiche: la Varmia e la Masuria.
A est confina con il voivodato della Podlachia, a sud con quello della Masovia, a sud-ovest con quello della Pomerania e a nord con l'oblast' di Kaliningrad (un'enclave della Russia). Dopo la sconfitta della Germania nazista, quasi tutti gli abitanti tedeschi del territorio furono espulsi a forza dal governo comunista polacco nominato dall'URSS; peraltro oggi una minoranza di lingua tedesca è ancora presente nella regione. Tra i voivodati quello della Varma-Masuria è quello che ha il maggior numero di abitanti di etnia ucraina reinsediati in Polonia in seguito all'Operazione Vistola[1].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Gran parte del suolo è composto da sabbia e ghiaia (materiali base per l'edilizia) nonché torba e argilla (materie prime per l'industria della ceramica). Circa il 30% della superficie è coperta da foreste.

Il voivodato si trova nella zona di transizione tra la fascia climatica a clima oceanico e quella a clima continentale. La temperatura media a gennaio è 3°C. La media annuale di precipitazioni è di 600 mm; si manifestano soprattutto nei mesi di luglio e agosto.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Rapportata con il PIL dell'Unione europea, espresso in potere d'acquisto, nel 2006 il voivodato ha raggiunto un indice di 39,5 (UE in totale = 100). Con il tasso del 20,2% a dicembre del 2009, il voivodato è quello con il più alto tasso di disoccupazione.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Piazza del mercato nel centro storico di Olsztyn

Il voivodato della Varmia-Masuria è composto da 19 distretti che sono:

Le città di Elbląg e Olsztyn sono invece fuori dall'amministrazione dei distretti e formano dei distretti urbani. Ogni distretto è a sua volta diviso in comuni[2] con le sue frazioni. Per esempio nel distretto di Szczytno ci sono i comuni di Szczytno, Dźwierzuty, Świętajno, Rozogi, Wielbark, Jedwabno e Pasym.

Aree protette[modifica | modifica wikitesto]

Il lago Seksty nel parco paesaggistico della Masuria

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN236561968 · LCCN: (ENn2001105284 · GND: (DE4596751-9
Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia