Voivodato della Piccola Polonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Voivodato della Piccola Polonia
voivodato
Województwo małopolskie
Voivodato della Piccola Polonia – Stemma Voivodato della Piccola Polonia – Bandiera
Localizzazione
StatoPolonia Polonia
Amministrazione
CapoluogoCracovia
VoivodaStanisław Kracik (PO)
Territorio
Coordinate
del capoluogo
50°03′41″N 19°56′18″E / 50.061389°N 19.938333°E50.061389; 19.938333 (Voivodato della Piccola Polonia)Coordinate: 50°03′41″N 19°56′18″E / 50.061389°N 19.938333°E50.061389; 19.938333 (Voivodato della Piccola Polonia)
Superficie15 182,87 km²
Abitanti3 298 270 (2009)
Densità217,24 ab./km²
Distretti3+19
Voivodati confinantiPrecarpazia, Santacroce, Slesia, Prešov (SK), Žilina (SK)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2PL-MA
Codice GUS12
TargaK
Cartografia
Voivodato della Piccola Polonia – Localizzazione
Sito istituzionale

Il voivodato della Piccola Polonia (in polacco Województwo małopolskie) è uno dei 16 voivodati della Polonia. Il voivodato si trova nel sud del territorio polacco ed è stato creato con la riforma del 1999. Il territorio confina a ovest con il voivodato della Slesia, a nord con il voivodato della Santacroce, a est con quello della Precarpazia. A sud il voivodato confina con la Slovacchia, con la quale condivide una parte della catena montuosa dei Carpazi, i monti Tatra. Il capoluogo del voivodato è Cracovia (Kraków).

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisione in distretti

Il voivodato della Piccola Polonia è diviso in 19 distretti e 3 città che costituiscono distretti urbani. A volte un distretto porta il loro nome, senza però comprenderli nella loro amministrazione[1].

Distretti urbani[modifica | modifica wikitesto]

Distretti[modifica | modifica wikitesto]

l voivodato è diviso in 19 distretti, a cui appartengono in totale 173 comuni.

Città più grandi[modifica | modifica wikitesto]

La piazza del Mercato a Cracovia

La capitale del voivodato Cracovia (Kraków) è con i suoi 750.000 abitanti la terza città più grande di tutta la Polonia e nettamente la più popolosa della Piccola Polonia.

  1. Cracovia (757.000)
  2. Tarnów (121.000)
  3. Nowy Sącz (82.000)
  4. Oświęcim (44.000)
  5. Chrzanow (43.000)
  1. Olkusz (40.000)
  2. Nowy Targ (34.000)
  3. Gorlice (30.000)
  4. Zakopane (30.000)
  5. Bochnia (29.373)

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Laminatoio a Nowa Huta

L'economia della regione comprende industrie ad alta tecnologia, banche, industrie chimiche, metallurgiche, alimentari e del tabacco. La città più industrializzata del voivodato è Cracovia. Qui opera la più grande impresa della regione: le Acciaierie Tadeusz Sendzimir a Nowa Huta, che impiega 17.500 dipendenti. Un altro grande complesso industriale si trova a ovest, nei pressi di Chrzanów (produzione di motori ferroviari) e Oświęcim (industrie chimiche). Il Parco Tecnologico di Cracovia è una zona economica speciale istituita all'interno del voivodato. Ci sono quasi 210.000 imprese registrate, soprattutto piccole e medie, di cui 234 appartengono al settore statale. Gli investimenti esteri, crescenti in tutta la regione, hanno raggiunto circa 18,3 miliardi di dollari alla fine del 2006.

Università[modifica | modifica wikitesto]

130.000 studenti frequentano 15 istituti di istruzione superiore a Cracovia. L'Università Jagellonica, la più grande della città (44.200 studenti) è stata fondata nel 1364 come Accademia di Cracovia. Vi si sono laureati Nicolò Copernico e Karol Wojtyła (papa Giovanni Paolo II). L'Università di Scienza e Tecnologia AGH (29.800 studenti) è considerata la migliore università tecnica in Polonia. Sono apprezzate anche l'Accademia di Economia, l'Università Pedagogica, l'Università di Tecnologia di Cracovia e l'Accademia Agricola. Meritano di essere menzionate l'Accademia delle Belle Arti, l'Università Statale del Teatro e l'Accademia della Musica. Nowy Sącz è diventato un importante centro educativo grazie alla sua scuola superiore di marketing e amministrazione, con un curriculum americano, fondata nel 1992. Ci sono anche due scuole superiori private a Tarnów.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il voivodato ha diverse aree turistiche e ricreative. Oltre ai parchi nazionali (vedi paragrafo successivo) e alle riserve naturali, sono da segnalare Zakopane, la più famosa località invernale polacca, i monti Tatra, Pieniny e Beschidi. La miniera di sale a Wieliczka, la città di Kalwaria Zebrzydowska (meta di pellegrinaggi) ed il centro storico di Cracovia sono classificati dall'UNESCO tra i siti più preziosi del patrimonio mondiale. A Wadowice, luogo di nascita di papa Giovanni Paolo II, si trova un museo dedicato all'infanzia del papa. La zona di Oświęcim, con gli ex campi di concentramento nazisti di Auschwitz e Birkenau, è visitata ogni anno da un milione di persone.

Aree protette[modifica | modifica wikitesto]

Il parco nazionale Babia Góra
Il lago Czarny Staw negli Alti Tatra

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN135201595 · LCCN: (ENno2001063597 · GND: (DE4596738-6
Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia