Utahraptor ostrommaysorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Utahraptor
Utahraptor skeleton NAMAL white background.jpg
Utahraptor ostrommaysorum
Intervallo geologico
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Famiglia † Dromaeosauridae
Sottofamiglia † Dromaeosaurinae
Genere Utahraptor
Kirkland, Gaston & Burge, 1993
Nomenclatura binomiale
† Utahraptor ostrommaysorum
Kirkland, Gaston & Burge, 1993

Utahraptor (il cui nome significa "predatore dello Utah"[1]) è un genere estinto di dinosauro teropode dromeosauride vissuto nel Cretaceo inferiore, circa 126 milioni di anni fa (Barremiano-Aptiano), nello Utah, Stati Uniti. Il genere contiene una singola specie, U. ostrommaysorum, specie che rappresenta il membro più grande della famiglia dei dromaeosauridae.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni di Utahraptor, a confronto con un uomo
Scheletro di Utahraptor
Ricostruzione museale di Utahraptor

L'olotipo di Utahraptor è piuttosto frammentario, ed è costituito da frammenti di cranio, una tibia, artigli e alcune vertebre caudali. Questi pochi elementi che l'animale poteva raggiungere circa il doppio della lunghezza di un Deinonychus.[1] Come la maggior parte dei dromaeosauridi, lo Utahraptor possedeva un grande artiglio a falce su ciascun secondo dito del piede. In un esemplare, l'artiglio a falce è lungo 22 centimetri (8,7 pollici), ma è possibile che in vita raggiungesse anche i 24 centimetri (9,4 pollici).

L'esemplare più grande di Utahraptor ha una lunghezza stimata fino a 7 metri (22,9 piedi) per un peso di circa 500 kg, comparabile in dimensioni ad un orso polare.[1][3] Tuttavia la scoperta di Kirkland del 2001, indica che l'esemplare potrebbe essere stato molto più pesante di quanto precedentemente stimato.[4]

Si pensa che i parenti più stretti dello Utahraptor siano il piccolo Dromaeosaurus e il gigante mongolo Achillobator.[1][5]

Sebbene non siano mai state ritrovate piume associate ad esemplari di Utahraptor, vi sono forti evidenze filogenetiche che suggeriscono che tutti i dromaeosauridi le possedessero. Questa prova deriva dal tracciamento filogenetico delle linee evolutive, che consente ai paleontologi di dedurre caratteristiche che esistono in una clade basandosi sull'esistenza di quella caratteristica in una forma più basale. Il genere Microraptor è uno dei più antichi dromaeosauridi noti ed è filogeneticamente più primitivo di Utahraptor.[6] Siccome sia Microraptor sia altri dromaeosauridi, primitivi e evoluti, possedevano piume, è ragionevole supporre che questo tratto fosse presente in tutti i dromaeosauridae. È improbabile che le piume nei dromeosauri possano essersi evolute una seconda volta, quindi, supponendo che qualsiasi dromaeosauride, come Utahraptor, fosse privo di piume, avremmo bisogno di prove positive che dimostrino che questi animali ne erano privi.[7] Tuttavia, non vi ancora stata prova che suggerisca che le piume siano state perse in specie di dromaeosauri più grandi e più evolute.[8]

In uno studio del 2001 condotto da Bruce Rothschild e da altri paleontologi, due esemplari composti da piede riferiti a Utahraptor sono stati esaminati in cerca di segni di frattura da stress, ma in nessuno dei due esemplari sono stati ritrovati tali segni.[9]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Si pensa che i parenti più stretti dello Utahraptor siano il piccolo Dromaeosaurus e il gigante mongolo Achillobator.[1][5]

Di seguito è riportato un cladogramma, secondo le ricerche di Senter et al. (2012):[10]

Eudromaeosauria

Bambiraptor


Velociraptorinae

Adasaurus


Tsaagan


Velociraptor




Dromaeosaurinae

Deinonychus


Achillobator


Dromaeosaurus


Utahraptor


Yurgovuchia






Storia della scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Questo dinosauro è il più grande membro finora conosciuto della famiglia dei dromeosauridi, che include altri dinosauri famosi quali il Deinonychus ed il Velociraptor; difatti, da muso a coda, poteva raggiungere una lunghezza variabile dai 6 ai 7 m. I resti dell'Utahraptor, provenienti dal Barremiano (circa 125 milioni di anni fa) della formazione di Cedar Mountain, furono descritti nel 1993 da James Kirkland, Robert Gaston e Donald Burge. Casualmente, poco tempo prima Steven Spielberg produsse Jurassic Park, nel quale uno dei dinosauri principali, pur venendo nominato come Velociraptor, era straordinariamente simile alla nuova specie scoperta e al Deinonychus. La specie tipo di questo animale, U. ostrommaysorum, è stata chiamata così in onore del paleontologo americano John Ostrom e di Chris Mays, della Dinamation International.

Paleobiologia[modifica | modifica wikitesto]

L'artiglio a falce di Utahraptor e la ricostruzione museale di zampa posteriore di Utahraptor

Come tutti i dromeosauridi, lo Utahraptor possedeva un gigantesco artiglio sul secondo dito del piede, che nel suo caso poteva raggiungere i 23 centimetri di lunghezza. L'animale probabilmente afferrava le sue prede con gli arti anteriori e le colpiva con quelli posteriori. Recenti test adottati su artigli simili, ma più piccoli, del Velociraptor, indicano che questo tipo di artigli probabilmente era usato per pugnalare, piuttosto che per squarciare. Lungo fino a sei metri e pesante circa 700 chilogrammi, lo Utahraptor era sicuramente un predatore eccellente. Si pensa che mute di questi animali avrebbero potuto cacciare e abbattere addirittura i grandi sauropodi come il Cedarosaurus o addirittura i "carri armati viventi" come il Gastonia, anche se è forse impossibile sapere se effettivamente lo Utahraptor vivesse in branchi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e J.I. Kirkland, D. Burge e Gaston, R., A large dromaeosaur [Theropoda] from the Lower Cretaceous of Utah, in Hunteria, vol. 2, nº 10, 1993, pp. 1–16.
  2. ^ Kirkland, J.I. and Madsen, S.K. (2007). "The Lower Cretaceous Cedar Mountain Formation, eastern Utah: the view up an always interesting learning curve." Fieldtrip Guidebook, Geological Society of America, Rocky Mountain Section. 1-108 p.
  3. ^ Holtz, Thomas R. Jr. (2008) Dinosaurs: The Most Complete, Up-to-Date Encyclopedia for Dinosaur Lovers of All Ages Supplementary Information
  4. ^ Brian Switek, Ancient fossils reveal a sticky dinosaur death trap, su Washington Post, 28 settembre 2016. URL consultato il 15 aprile 2017.
  5. ^ a b Alan H. Turner, Pol, D., Clarke, J.A., Erickson, G.M. e Norell, M., A basal dromaeosaurid and size evolution preceding avian flight, in Science, vol. 317, nº 5843, 2007, pp. 1378–1381, DOI:10.1126/science.1144066, PMID 17823350.
  6. ^ X. Xu, Z. Zhou, X. Wang, X. Kuang, F. Zhang e X. Du, Four-winged dinosaurs from China, in Nature, vol. 421, nº 6921, 2003, pp. 335–340, DOI:10.1038/nature01342, PMID 12540892.
  7. ^ R. Prum e A.H. Brush, The evolutionary origin and diversification of feathers, in The Quarterly Review of Biology, vol. 77, nº 3, 2002, pp. 261–295, DOI:10.1086/341993, PMID 12365352.
  8. ^ AH Turner, PJ Makovicky e MA Norell, Feather quill knobs in the dinosaur Velociraptor, in Science, vol. 317, nº 5845, 2007, pp. 1721, DOI:10.1126/science.1145076, PMID 17885130.
  9. ^ Rothschild, B., Tanke, D. H., and Ford, T. L., 2001, Theropod stress fractures and tendon avulsions as a clue to activity: In: Mesozoic Vertebrate Life, edited by Tanke, D. H., and Carpenter, K., Indiana University Press, p. 331-336.
  10. ^ P. Senter, J.I. Kirkland, D. D. Deblieux, S. Madsen e N. Toth, New Dromaeosaurids (Dinosauria: Theropoda) from the Lower Cretaceous of Utah, and the Evolution of the Dromaeosaurid Tail, in Dodson, Peter (a cura di), PLoS ONE, vol. 7, nº 5, 2012, pp. e36790, DOI:10.1371/journal.pone.0036790, PMC 3352940, PMID 22615813.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Dinosauri Portale Dinosauri: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di dinosauri