Kaprosuchus saharicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Kaprosuchus
Stato di conservazione: Fossile
Kaprosuchus 2.jpg
Cranio di Kaprosuchus saharicus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Archosauromorpha
(clade) Archosauria
Superordine Crocodylomorpha
Famiglia Mahajangasuchidae
Genere Kaprosuchus
Specie K. saharicus

Il Kaprosuchus è un genere di arcosauro estinto, affine ai coccodrilli. L'animale è conosciuto per un unico cranio quasi completo ritrovato dalla Formazione Echkar risalente al Cretaceo superiore (circa 95 milioni di anni fa), in quello che oggi è l'attuale Niger. Il nome Kaprosuchus significa letteralmente "coccodrillo cinghiale", dal greco κάπρος, Kapros ("Cinghiale") e σοῦχος, souchos ("coccodrillo"), dovuto alla presenza degli enormi denti simili alle zanne di un cinghiale.[1] Nel 2008, l'animale fu soprannominato " BoarCroc " (ossia "coccodrillo cinghiale") da Paul Sereno e Hans Larsson, che per primi descrisse l'animale in una monografia pubblicata su ZooKeys ,nel 2009, insieme ad altri coccodrilloformi sahariani, come l' Anatosuchus e il Laganosuchus.[2] Come molte specie fossili, il genere Kaprosuchus comprende un'unica specie ossia K. saharicus.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Cranio in vista dorsale (sinistra) e ventrale (destra)

Il Kaprosuchus saharicus è noto solamente per un cranio quasi completo di 507 millimetri, la cui mandibola misurava 603 millimetri, mentre è stato stimato che l'intero animale doveva arrivare ai 6 metri di lunghezza circa.[3] Il cranio era corto e massiccio in cui alloggiavano tre paia di denti caniniformi simili a zanne, che spuntavano sia dalla mandibola sia dalla mascella. Questi enormi zanne si intersecavano perfettamente in apposite tacche nella mascella, quando la bocca era chiusa. Questo tipo di dentatura non stato ritrovato in alcun altro coccodrillo o coccodrillomorfo noto. Un'altra caratteristica insolita del Kaprosuchus è la presenza di due piccole protuberanze, simili a corna rugose formate dal prolungamento delle ossa parietale e squamoso, che si proiettavano posteriormente al cranio. Queste piccole protuberanze erano presenti anche nell'assai simile Mahajangasuchus.

Ricostruzione della testa di Kaprosuchus saharicus

In Kaprosuchus saharicus, le orbite (ossia i fori in cui alloggiano gli occhi) si aprono lateralmente e sono leggermente inclinati in avanti, piuttosto che verso l'alto. Il fatto che le orbite fossero rivolte in avanti suggeriscono l'ipotesi di una visione stereoscopica, cioè, una sovrapposizione nel campo visivo dell'animale.[3]

Le superficie delle premascellari era notevolmente rugosa e con bordi elevati, e suggerisce che l'animale in vita fosse dotato di uno scudo di cheratina sulla punta del muso. La sutura tra le due premascelle era liscia, e ciò conferiva alle rugosità appaiate delle premascelle l'aspetto di un paio di baffi, in visione frontale.[1]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione di Kaprosuchus saharicus

Il Kaprosuchus è un membro della famiglia dei Mahajangasuchidae, di cui fa parte l'affine Mahajangasuchus insignis dal Madagascar del Cretaceo superiore; difatti le due specie condividevano alcune caratteristiche insolite, come le due insolite protuberanze ossee sul retro del capo.[1]

La famiglia dei Mahajangasuchidae ,di cui fa parte il Kaprosuchus, comprendeva , oltre al già citato Mahajangasuchus del Madagascar, anche l' Uberabasuchus del Sud America. Questi animali non erano veri coccodrilli, benché fossero piuttosto simili alle forme attuali, ma erano comunque forme molto specializzate del grande gruppo dei crocodilomorfi.



Stile di vita[modifica | modifica wikitesto]

Dieta[modifica | modifica wikitesto]

Cranio di profilo

Si pensa che il caprosuco fosse un predatore quasi esclusivamente terrestre, a causa di alcune caratteristiche come la visione binoculare. I coccodrilli attuali possiedono orbite posizionate lateralmente e dorsalmente, un adattamento per la predazione acquatica: la testa è posizionata sott'acqua e gli occhi rimangono sopra la superficie. I denti, inoltre, possedevano margini taglienti ed erano relativamente diritti, ed è probabile che le mascelle fossero in grado di aprirsi piuttosto velocemente; le ossa della mascella, infine, erano rinforzate ed erano protette dallo scudo cheratinoso sulla punta del muso. Altri animali simili a coccodrilli che vivevano nello stesso ambiente includono il piccolo Anatosuchus e il grande Laganosuchus, dalle specializzazioni completamente diverse fra loro.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il kaprosuco appare nella serie televisiva britannica di fantascienza Primeval, sia nella quarta che nella quinta stagione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c P. C. Sereno e Larsson, H. C. E., Cretaceous crocodyliforms from the Sahara in ZooKeys, vol. 28, nº 2009, 2009, pp. 1–143, DOI:10.3897/zookeys.28.325.
  2. ^ Associated Press (November 19, 2009). 3 new ancient crocodile species fossils found. Yahoo News.
  3. ^ a b National Geographic. November 2009. p. 140-141

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sereno, P. C.; and Larsson, H. C. E. (2009). "Cretaceous crocodyliforms from the Sahara". ZooKeys 28 (2009): 1–143.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]