Toxicity

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Toxicity
ArtistaSystem of a Down
Tipo albumStudio
Pubblicazione4 settembre 2001
Durata43:58
Dischi1
Tracce14
GenereAlternative metal[1]
Nu metal[2][3]
EtichettaAmerican
ProduttoreRick Rubin, Daron Malakian
Registrazione2000–2001, Cello Studios, Hollywood (California)
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[4]
(vendite: 20 000+)
Belgio Belgio[5]
(vendite: 25 000+)
Germania Germania[6]
(vendite: 150 000+)
Messico Messico[7]
(vendite: 100 000+)
Polonia Polonia[8]
(vendite: 10 000+)
Svizzera Svizzera[9]
(vendite: 20 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (3)[10]
(vendite: 210 000+)
Brasile Brasile[11]
(vendite: 125 000+)
Canada Canada (2)[12]
(vendite: 200 000+)
Europa Europa[13]
(vendite: 1 000 000+)
Italia Italia[14]
(vendite: 50 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[15]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito[16]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[17]
(vendite: 3 000 000+)
System of a Down - cronologia
Album precedente
(1998)
Album successivo
(2002)
Singoli
  1. Chop Suey!
    Pubblicato: 6 novembre 2001
  2. Toxicity
    Pubblicato: 11 marzo 2002
  3. Aerials
    Pubblicato: 6 agosto 2002
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[18] 5/5 stelle

Toxicity è il secondo album in studio del gruppo musicale statunitense System of a Down, pubblicato il 4 settembre 2001 dalla American Recordings.

L'album debuttò alla prima posizione negli Stati Uniti d'America, vendendo 220.000 copie;[19] al 2010 ha venduto circa 12 milioni di copie nel mondo.[20] Toxicity ricevette inoltre una nutrita schiera di recensioni positive da parte della critica specializzata[1][2][3] e riscosse anche un ottimo successo di pubblico.[1]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album espande il lavoro di impegno politico e ricerca musicale iniziato con l'album precedente, mantenendo i riff estremi e i ritmi particolari, ma aggiungendo anche un senso di melodia in alcuni pezzi, facendoli risultare un po' più accessibili ad un pubblico più vasto.[1][2] È distinguibile anche una forte componente di world music.[2] Il brano ATWA è un riferimento all'omonimo movimento fondato dal criminale Charles Manson e ad alcuni omicidi da lui commessi.[21]

Nell'album inoltre è presente una traccia fantasma conosciuta come Arto, curata dal musicista armeno Arto Tunçboyacıyan, dove il gruppo interpreta con sonorità puramente tribali un inno della chiesa armena intitolato "Der Voghormya" ("Dio abbi pietà").

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Serj Tankian, musiche di Daron Malakian, eccetto dove indicato.

  1. Prison Song – 3:21 (testo: Serj Tankian, Daron Malakian)
  2. Needles – 3:13 (Serj Tankian, Daron Malakian)
  3. Deer Dance – 2:54 (testo: Serj Tankian, Daron Malakian)
  4. Jet Pilot – 2:06 (musica: Shavo Odadjian, Daron Malakian)
  5. X – 1:58
  6. Chop Suey! – 3:30 (testo: Serj Tankian, Daron Malakian)
  7. Bounce – 1:54 (musica: Shavo Odadjian, Daron Malakian)
  8. Johnny – 2:08 (musica: Serj Tankian)traccia bonus nell'edizione giapponese
  9. Forest – 4:00
  10. ATWA – 2:56 (testo: Serj Tankian, Daron Malakian)
  11. Science – 2:42
  12. Shimmy – 1:50 (musica: Serj Tankian)
  13. Toxicity – 3:38 (musica: Shavo Odadjian, Daron Malakian)
  14. Psycho – 3:45 (testo: Serj Tankian, Daron Malakian)
  15. Aerials – 6:11 (testo: Serj Tankian, Daron Malakian)contiene la traccia fantasma Arto
DVD bonus nell'edizione speciale
  1. Behind the Scenes/Making of the Record
Toxicity (Limited Edition with Bonus DVD)
  1. Toxicity (Video) – 3:52 (testo: Serj Tankian – musica: Shavo Odadjian, Daron Malakian)
  2. Prison Song (Live) – 3:04 (testo: Serj Tankian, Daron Malakian – musica: Daron Malakian)
  3. Chop Suey! (Live) – 3:13 (testo: Serj Tankian, Daron Malakian – musica: Daron Malakian)
  4. Bounce (Live) – 1:56 (testo: Serj Tankian – musica: Shavo Odadjian, Daron Malakian)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2001/02) Posizione
massima
Australia[22] 6
Austria[22] 16
Belgio (Fiandre)[22] 8
Belgio (Vallonia)[22] 25
Canada[23] 1
Danimarca[22] 31
Finlandia[22] 8
Francia[22] 23
Germania[22] 23
Italia[22] 23
Nuova Zelanda[22] 7
Paesi Bassi[22] 17
Regno Unito[24] 13
Stati Uniti[25] 1
Svezia[22] 47
Svizzera[22] 31

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Toxicity, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 14 marzo 2013.
  2. ^ a b c d Tommaso Iannini, Nu metal, Giunti Editore, 2003, p. 86, ISBN 88-09-03051-6.
  3. ^ a b R. Bertoncelli, C. Thellung, Ventiquattromila dischi. Guida a tutti i dischi degli artisti e gruppi più importanti, Baldini Castoldi Dalai, 2006, p. 1175, ISBN 978-88-6018-151-0 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2012).
  4. ^ (EN) Goud & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 10 luglio 2015.
  5. ^ (NL) Goud en Platina – 2003, Ultratop. URL consultato il 10 luglio 2015.
  6. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 10 luglio 2015.
  7. ^ (ES) Certificaciones, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 27 maggio 2018. Digitare "Toxicity" in "Título".
  8. ^ (PL) Przyznane w 2017 roku, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  9. ^ (EN) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 10 luglio 2015.
  10. ^ (EN) Accreditations - 2009 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 10 luglio 2015.
  11. ^ (PT) Certificados, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 10 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2010).
  12. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 10 luglio 2015.
  13. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards – 2004, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 10 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).
  14. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 26 aprile 2017.
  15. ^ (EN) Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  16. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 10 luglio 2015. Digitare "Toxicity" in "Search BRIT Certification" e premere Invio.
  17. ^ (EN) System of a Down, Toxicity – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 10 luglio 2015.
  18. ^ (EN) Eduardo Rivadavia, Toxicity, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  19. ^ System Of A Down Mezmerizes Music Fans Worldwide - re> LOS ANGELES, May 25 /PRNewswire/
  20. ^ (EN) The 50 Greatest Heavy Metal Albums Of All Time, MusicRadar, 28 aprile 2010. URL consultato il 13 gennaio 2017.
  21. ^ System of a Down su Ondarock.it
  22. ^ a b c d e f g h i j k l m (NL) System Of A Down - Toxicity, Ultratop. URL consultato l'8 agosto 2013.
  23. ^ (EN) System of a Down - Chart history (Billboard Canadian Albums), Billboard. URL consultato l'8 agosto 2013.
  24. ^ (EN) SYSTEM OF A DOWN - Albums, Official Charts Company. URL consultato l'8 agosto 2013.
  25. ^ (EN) System of a Down - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato l'8 agosto 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal