Daron Malakian and Scars on Broadway

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daron Malakian and Scars on Broadway
Scars on Broadway.jpg
Gli Scars on Broadway in concerto nel 2008
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereAlternative metal[1]
Periodo di attività musicale2006 – 2010
2012
2018 – in attività
Album pubblicati2
Studio2
Logo ufficiale
Sito ufficiale

I Daron Malakian and Scars on Broadway (inizialmente noti come Scars on Broadway) sono un gruppo musicale alternative metal statunitense, formatosi a Los Angeles nel 2006 per iniziativa di Daron Malakian, chitarrista e cantante dei System of a Down.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti (2005-2008)[modifica | modifica wikitesto]

L'8 dicembre 2005 Daron Malakian annunciò in un'intervista concessa alla rivista svedese Close-Up l'intenzione di iniziare una propria carriera da solista una volta conclusa la tournée dei System of a Down atti alla promozione degli album Mezmerize e Hypnotize, usciti entrambi nello stesso anno.[2] Secondo quando dichiarato nella medesima intervista, l'artista avrebbe potuto «pubblicare dieci nuovi album da solista domani», aggiungendo:[2]

«Ho tonnellate di materiale sparso in giro. Dopo questi album [Mezmerize e Hypnotize] credo che staccherò, per ragionare e far qualcosa per conto mio, proprio come Serj. E no, i System of a Down non si stanno sciogliendo. Stiamo facendo un po' come i KISS e pubblicare i propri dischi da solista o qualcosa di simile.»

Il 20 gennaio 2006, intervistato da Rolling Stone, Malakian ha annunciato il nome del progetto e che avrebbe composto nuovo materiale al termine degli impegni con i System of a Down, specificando di non aver ancora deciso se sarebbe stato un gruppo vero e proprio oppure un progetto solista che avrebbe coinvolto vari musicisti.[3] Il 16 agosto 2007 il chitarrista rivelò la partecipazione del batterista dei System of a Down John Dolmayan alle sessioni di registrazioni dell'album,[4] cominciate il 27 settembre dello stesso anno.[5]

Già nel 2003 Malakian registrò un demo intitolato Ghetto Blaster Rehearsals che doveva essere in teoria un'anticipazione del nuovo materiale dei Scars on Broadway. Tuttavia, in una lettera del 6 novembre 2007, il chitarrista spiegò che tali brani erano il frutto di una sperimentazione isolata e che non erano in alcun modo collegati con il gruppo.[6]

Scars on Broadway (2008-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 marzo 2008 gli Scars on Broadway lanciarono un concorso, sfidando i fan a diffondere il banner del countdown presente sul loro sito ufficiale presso i migliori siti web che riuscivano a trovare, e inviando degli screenshot. Il premio in palio era un piatto autografato dal duo.

Tale conto alla rovescia, con lo scadere fissato per le 15:00 del 28 marzo 2008, presentava in cima una frase in caratteri cubitali riportante «They say it's all about to end.» ("Dicono che tutto sta per finire"). Quando il countdown finì, il brano They Say venne reso disponibile sul sito.

Gli Scars on Broadway si esibirono per la prima volta dal vivo l'11 aprile 2008 presso il Whisky a Go Go di Los Angeles, California. Hanno inoltre confermato di suonare con i Metallica al KFMA Day 2008 a Tucson.[7] Il 22 gennaio 2008 gli Scars on Broadway annunciarono la propria partecipazione al Coachella Valley Music and Arts Festival il 26 aprile 2008. Il 17 maggio di quell'anno il gruppo ha preso parte alla sedicesima edizione del KROQ Weenie Roast insieme a gruppi quali Atreyu, Bad Religion, Flobots, Flogging Molly, Metallica, The Offspring, Pennywise, The Raconteurs, Rise Against e Seether. Altre date del tour furono annunciate il 30 maggio presso il sito ufficiale.

Il 2 maggio gli Scars on Broadway annunciarono sul proprio sito web che il loro album omonimo sarebbe stato pubblicato il 29 luglio 2008. Il singolo di lancio, They Say, uscì il 28 marzo su iTunes ed è stato accompagnato da un'anteprima del videoclip il 20 giugno attraverso il loro profilo Myspace. They Say inoltre venne inserita tra i brani scaricabili dal videogioco Rock Band (uscito il 29 luglio per Xbox 360 e due giorni dopo per PlayStation 3) e di Guitar Hero 5.

Il secondo singolo estratto dall'album fu World Long Gone, pubblicato il 5 settembre su Myspace. Il videoclip, diretto da Joel Schumacher, venne pubblicato in anteprima su Yahoo! Music l'8 settembre.

Verso la fine del 2008 Daron Malakian rivelò tramite il sito ufficiale la cancellazione del tour promozionale all'album, il quale avrebbe incluso anche un'apparizione al programma televisivo Jimmy Kimmel Live!, motivando che «il suo cuore non è in tournée».[8] Sebbene non ci furono conferme ufficiali, le interviste con il bassista Dominic Cifarelli e con Dolmayan sembravano confermare che la band era finita. Tuttavia nel maggio 2009 quando alla band è stato chiesto se avrebbero mai registrato o eseguito di nuovo, Dolmayan ha dichiarato: «È possibile, ma per ora lasciamo perdere». Il mese successivo, Perez annunciò tramite il suo profilo Myspace di essere in studio di registrazione insieme al chitarrista Dave Kushner dei Velvet Revolver. Da allora hanno pubblicato tre brani per il download gratuito attraverso il sito ufficiale di Franky Perez con lo pseudonimo di DKFXP, una combinazione delle iniziali di Franky e Kushner.

Nell'agosto 2009 gli Scars on Broadway (ad eccezione di Malakian) si recarono in Iraq per una visita OSU alle basi militari degli Stati Uniti d'America, esibendosi con una scaletta costituita da cover e da alcuni brani tratti dall'album;[9] al riguardo, Perez scrisse sul proprio profilo Twitter che «i brani degli Scars on Broadway hanno un suono incredibile ma non sono la stessa cosa senza Daron». Inoltre dichiarò che prima di lasciare Malakian aveva dato loro la sua benedizione.

Nel mese di ottobre, Perez comunicò su Twitter che lui e Dolmayan erano al lavoro con il bassista Scott Shriner dei Weezer e con Kushner. Egli dichiarò inoltre che era stato in studio con Malakian.

Il 31 ottobre 2009 gli Scars on Broadway si esibirono con il bassista dei System of a Down Shavo Odadjian in occasione della festa di Halloween al Roxy Theatre eseguendo tre brani: Suite-Pee (brano dei System of a Down presente nell'album omonimo), They Say e un brano inedito. Poco dopo, il loro fotografo Greg Waterman, attraverso il proprio account Myspace, rivelò che il gruppo si sarebbe esibito nuovamente. Il 13 aprile 2010 il gruppo annunciò una propria esibizione presso il The Troubadour di West Hollywood, avvenuta il 2 maggio e durante la quale fu suonato l'intero album (ad eccezione di Kill Each Other/Live Forever), l'inedito Talkin' Shit e la reinterpretazione di Forever My Queen dei Pentagram. Shavo Odadjian suonò la chitarra ritmica con loro nei brani Cute Machines e They Say.

Il 29 luglio 2010 uscì il singolo inedito Fucking, reso disponibile per il download digitale attraverso un sito appositamente creato. Per promuovere il singolo, il 20 agosto gli Scars on Broadway tennero un concerto all'Avalon e regalarono ai primi 500 fan il vinile del singolo.[10]

Cambio di formazione, tour (2012)[modifica | modifica wikitesto]

Il logo utilizzato durante i concerti del 2012

Nel febbraio 2012 il sito ufficiale venne rinnovato con una nuova grafica e con l'aggiunta di un'anteprima di un brano inedito intitolato Guns Are Loaded.[11] Pochi mesi più tardi John Dolmayan comunicò in un'intervista che non era più coinvolto nel gruppo, aggiungendo tuttavia che Daron Malakian stava lavorando al secondo album degli Scars on Broadway,[12] la cui uscita sarebbe dovuta avvenire nella primavera del 2013.[13]

Nel mese di agosto il sito venne aggiornato una seconda volta: le novità riguardano il logo rinnovato e un messaggio riportante che gli Scars on Broadway avrebbero intrapreso un concerto con i Deftones e che avrebbero pubblicato un EP, intitolato Fuck n Kill,[14] e un secondo album.[15]

Il 22 settembre 2012 il gruppo si esibì all'Epicenter Festival tenutosi ad Irvine (California) dove portarono al debutto quattro brani inediti: Sickening Wars, Dictator, Guns Are Loaded e Fuck n Kill. In questo concerto inoltre fece il suo debutto come ruolo di batterista Jules Pampena mentre risultò assente il chitarrista Franky Perez, il quale spiegò qualche giorno più tardi su Facebook di aver abbandonato la formazione.[16]

Ritorno, Dictator (2018-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo sei anni di pausa, il 16 aprile 2018 Malakian ha annunciato a sorpresa il ritorno del gruppo, da lui ribattezzato Daron Malakian and Scars on Broadway.[17] Riguardo a questa modifica e al fatto se i precedenti componenti della formazione fossero nuovamente coinvolti o meno nel gruppo, Malakian ha spiegato:[18]

«Nessuno è uscito. Quando ho fondato gli Scars [on Broadway], ho sempre detto che avrebbe compreso formazioni diverse di album in album. Dipende dal tipo di direzione che voglio prendere. Musicisti differenti lavorano per stili musicali differenti. Questo è in parte il motivo per cui ho aggiunto il mio nome davanti a quello del gruppo.»

Contemporaneamente all'annuncio, il frontman ha rivelato la pubblicazione per il 23 dello stesso mese del singolo Lives, accompagnato dal relativo videoclip diretto da Hayk Kharikyan e Mikael Sharafyan.[19] In tale data è stato annunciato il secondo album Dictator, previsto per il 20 luglio.[20] Intorno allo stesso periodo, Malakian ha confermato la presenza nell'album dell'adattamento strumentale del brano Gie mou di Stamatis Kokotas, già eseguita dal vivo nel 2010.[21]

Il 1º giugno è stato reso disponibile per l'ascolto l'omonimo brano Dictator e rivelata la copertina dell'album, disegnata dal padre Vartan Malakian.[22]

Stili ed influenze[modifica | modifica wikitesto]

Come nei primi tempi, Daron Malakian ha sempre etichettato il suo progetto come rock, in cui sarà presente «molto rock sperimentale, anche se ci saranno un po' di influenze heavy metal nello stile dei System of a Down». Riguardo alla direzione musicale dell'album omonimo, Malakian ha dichiarato:

«Probabilmente sarà qualcosa di elettronica unita a musica popolare armena e thrash metal, black metal, e influenze di doom metal. Quando la musica inizierà, sarà strutturata come sempre, proprio come lo è la musica dei System of a Down.»

In una successiva intervista, Malakian dichiarò che la musica sarebbe stata influenzata da importanti figure classic rock come David Bowie, Brian Eno, Neil Young e i Roxy Music. Inoltre aggiunse che ha cambiato modo di scrivere canzoni, dal metal sfinito dei System of a Down verso un lavoro più orecchiabile, ispirato dai sopracitati Young e Bowie. «non penso che siamo una band da mosh selvaggio», dice Malakian. «È dove mi sento più comodo come compositore in questo momento», ha detto, suggerendo allo stile rock e metal della band.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale
Turnisti
  • Orbel Babayan – chitarra, tastiera, cori (2018-presente)
  • Roman Lomtadze – batteria (2018-presente)
  • Niko Chantziantoniou – basso (2018-presente)
Ex componenti
Ex-turnisti

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Scars on Broadway, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  2. ^ a b (EN) SYSTEM OF A DOWN Guitarist: 'I Could Release Ten Solo Records Tomorrow', Blabbermouth.net, 8 dicembre 2005. URL consultato il 21 aprile 2018.
  3. ^ (EN) James Sullivan, System of a Down's Malakian to Open Scars, Rolling Stone, 20 gennaio 2006. URL consultato il 29 aprile 2018.
  4. ^ (EN) Daron Malakian, Hey everyone, Scars on Broadway, 16 agosto 2007. URL consultato il 22 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2007).
  5. ^ (EN) SYSTEM OF A DOWN Members Recording 18 Songs For SCARS ON BROADWAY Debut, Blabbermouth.net, 29 settembre 2007. URL consultato il 29 aprile 2018.
  6. ^ (EN) Daron Malakian, Lately, there have been songs leaked onto YouTube labeled as "Scars on Broadway demos"., Scars on Broadway, 6 novembre 2007. URL consultato il 22 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2008).
  7. ^ Scars On Broadway: KFMA Day
  8. ^ (EN) Scars On Broadway cancel US tour, New Musical Express, 10 ottobre 2008. URL consultato il 21 aprile 2018.
  9. ^ (EN) SCARS ON BROADWAY Members Touring Army Bases In Iraq, Blabbermouth.net, 24 agosto 2009. URL consultato il 23 aprile 2018.
  10. ^ (EN) Scars on Broadway, Free "Fucking" Vinyl in Hollywood, Interscope Records, 16 agosto 2010. URL consultato il 9 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2012).
  11. ^ (EN) Mary Ouellette, Scars on Broadway Tease New Song 'Guns Are Loaded', Loudwire, 26 febbraio 2012. URL consultato il 29 aprile 2018.
  12. ^ (EN) Interview with System Of A Down drummer John Dolmayan, su puregrainaudio.com, 16 agosto 2012. URL consultato il 16 agosto 2012.
  13. ^ (EN) 2013 Preview: The Most Anticipated Albums of the Year, Revolver, 4 gennaio 2013. URL consultato il 5 gennaio 2013.
  14. ^ http://i49.tinypic.com/drfe6v.png
  15. ^ (EN) Scars on Broadway: new EP and album coming soon (JPG), Scars on Broadway. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2012).
  16. ^ (EN) Franky Perez posts, Facebook, 23 settembre 2012. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2012).
    «Daron and I had some diferences that led to my leaving the band but ultimately with producing records and my own projects, it was time for me to move on.».
  17. ^ (EN) System Of A Down's Daron Malakian To Resurrect Scars On Broadway With New Album, su theprp.com, 16 aprile 2018. URL consultato il 21 aprile 2018.
  18. ^ (EN) System Of A Down's Daron Malakian To Release New Scars On Broadway Album, Kerrang!, 21 aprile 2018. URL consultato il 21 aprile 2018.
  19. ^ (EN) Chad Childers, Scars on Broadway Reveal 'Lives' Video, Plan for 'Dictator' Album, Loudwire, 23 aprile 2018. URL consultato il 23 aprile 2018.
  20. ^ (EN) System of a Down Guitarist Debuts New Scars on Broadway Song, Announces New Album, Revolver, 23 aprile 2018. URL consultato il 23 aprile 2018.
  21. ^ (EL) Daron Malakian στο Roxx: Η διασκευή στο «Γιε μου» του Κόκοτα στο νέο άλμπουμ των Scars on Broadway, Roxx, 25 aprile 2018. URL consultato il 29 aprile 2018.
  22. ^ (EN) Hear Daron Malakian and Scars on Broadway's Raging New Song "Dictator", Revolver, 1º giugno 2018. URL consultato il 2 giugno 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN125955362 · ISNI (EN0000 0001 2107 797X · BNF (FRcb158512691 (data)
Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal