Terremoto dell'Irpinia del 1962

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terremoto dell'Irpinia del 1962
Apice vecchio - strada.jpg
Il vecchio centro di Apice, fatto evacuare durante il sisma
Data 21 agosto 1962
Ora 16:56
Magnitudo Richter 6,1
Distretto sismico Irpinia
Epicentro Sant'Arcangelo Trimonte
41°05′09.24″N 15°03′01.08″E / 41.0859°N 15.0503°E41.0859; 15.0503Coordinate: 41°05′09.24″N 15°03′01.08″E / 41.0859°N 15.0503°E41.0859; 15.0503
Nazioni colpite Italia Italia
Vittime 17
Mappa di localizzazione: Italia
Terremoto dell'Irpinia del 1962
Posizione dell'epicentro

Il terremoto dell'Irpinia del 1962 è stato un evento sismico che colpì l'Irpinia e parte del Sannio. L'epicentro fu localizzato nell'Appennino Campano presso Sant'Arcangelo Trimonte, quasi al confine fra Irpinia e Sannio; le principali scosse si verificarono il giorno 21 Agosto alle ore 16:56, 18:30 e 19:09.

Le scosse[modifica | modifica wikitesto]

La scossa principale fu avvertita alle 16:56 del 21 agosto 1962 ed ebbe un magnitudo Richter 6,1. Questa scossa provocò pochi danni ma servì a mettere in preallarme la popolazione. La scossa davvero distruttiva fu quella delle 18:30, che ebbe un magnitudo Richter 6,3 o 6,4. Una terza scossa fu registrata alle 19:09 che ebbe un magnitudo 4,9 o 5,0.

Danni e vittime[modifica | modifica wikitesto]

I danni che causò questo sisma furono notevoli, soprattutto nell'area compresa fra Ariano Irpino e i monti del Sannio. I centri più colpiti furono Sant'Arcangelo Trimonte, Melito Irpino, Casalbore, Molinara e Reino ove oltre la metà degli edifici risultò gravemente danneggiata con numerosi crolli parziali. Un altro grave effetto del terremoto fu rappresentato da frane e smottamenti diffusi tanto che i centri abitati di Apice e Melito Irpino furono addirittura evacuati in modo immediato, totale e definitivo: gli sfollati vennero allora alloggiati in tende o baracche su aree collinari poco distanti ove successivamente vennero fondati i nuovi centri abitati. I terremoti fecero in tutto 17 vittime e 16.000 senzatetto, mentre i comuni danneggiati furono 68.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]