Svjatoslav Teofilovič Richter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Svjatoslav Teofilovič Richter nel 1966

Svjatoslav Teofilovič Richter (in russo: Святосла́в Теофи́лович Ри́хтер?; Žytomyr, 20 marzo 1915Mosca, 1º agosto 1997) è stato un pianista sovietico. Nato da genitori russi (il nonno paterno era di origine tedesca), Sviatoslav Richter è stato uno dei più importanti pianisti del XX secolo. Richter è celebre per la profondità delle sue interpretazioni, per la sua straordinaria tecnica virtuosistica e per il suo immenso repertorio[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Teofil Danilovich Richter (1872 - 1941), pianista, organista e compositore di origine tedesche, e di Anna Pavlovna Moskaleva (1893 - 1963), proveniente da una nobile famiglia di proprietari terrieri russi, Sviatoslav Richter ebbe come primo interesse artistico quello della pittura. Interesse questo che lo accompagnò per tutta la vita e che lo spinse a dipingere numerosi quadri. La passione per la musica iniziò solamente a partire dal 1920, ma a quel tempo Richter non ricevette nessuna educazione "ufficiale", formandosi curiosamente da autodidatta e imparando presto a suonare quello che più gli aggradava, soprattutto musica operistica (comprese le partiture per pianoforte dei drammi musicali di Wagner). All'età di 15 anni iniziò ad accompagnare al pianoforte cantanti lirici, dapprima al "Club dei marinai" di Odessa, poi nel locale Teatro dell'Opera. In un'intervista pubblicata all'inizio degli anni novanta, Richter raccontò che, durante la sua avventurosa adolescenza ad Odessa, fu molto più interessato alla direzione d'orchestra che al pianoforte e che la sua vera passione giovanile furono le opere liriche di Giuseppe Verdi, Richard Wagner e Giacomo Puccini piuttosto che i lavori pianistici dei grandi autori ottocenteschi, che poi sarebbero diventati una pietra miliare del suo repertorio. Oltre alla pittura e alla musica, gli altri interessi di Richter erano il teatro, il cinema e la letteratura.

Nel 1934, mentre lavorava ancora all'Opera di Odessa, Richter tenne il suo primo concerto in pubblico come pianista, tuttavia non iniziò formalmente lo studio del pianoforte per altri tre anni, quando si iscrisse al Conservatorio Čajkovskij di Mosca, che saltò l'esame di ammissione per il giovane prodigio. Studiò con Heinrich Neuhaus che aveva insegnato anche ad Emil Gilels e che indicava Richter come "lo studente geniale, il cui arrivo aveva atteso per tutta la vita". Nel 1940, mentre era ancora uno studente, suonò in prima mondiale la Sonata per pianoforte n. 6 di Sergej Prokof'ev, il compositore alle cui opere sarà in seguito invariabilmente associato. Divenne anche noto per aver saltato delle lezioni obbligatorie al conservatorio ed essere stato espulso per due volte durante il primo anno.

Nel 1943 Richter incontrò Nina Dorliak (1908 - 1998), una cantante d'opera (soprano). Nel 1945 Richter e Dorliak si sposarono e rimasero insieme sino alla morte del pianista. Nina Dorliak sopravvisse al marito solo qualche mese in più, spegnendosi il 18 maggio 1998.

Nel 1949 Richter vinse lo Stalin Prize e ciò lo portò a suonare in numerosi concerti in Russia, nell'Europa dell'Est e in Cina. Sempre nel 1949 suonò nella prima esecuzione assoluta privata nella Malyj Sal del Conservatorio Čajkovskij di Mosca della Sonata op. 119 in do maggiore di Sergej Sergeevič Prokof'ev con Mstislav Rostropovich.

L'Occidente iniziò a conoscere Richter e la sua fama grazie a delle registrazioni eseguite durante gli anni cinquanta. Non gli fu permesso di recarsi in tour negli Stati Uniti fino al 1960, ma quando ciò avvenne le sue tournée furono memorabili. Le grandi sale da concerto comunque non erano particolarmente amate da Richter, che preferiva un ambiente più intimo: in tarda età volle suonare quasi sempre in piccole sale, quasi oscurate, a volte con una sola piccola lampada che illuminava pianoforte e leggìo. Pur dotato di una memoria prodigiosa e di un infallibile orecchio assoluto, negli ultimi anni si vide costretto a suonare con lo spartito poiché, a causa dell'età, la percezione dei suoni gli si era alterata di quasi un tono e fidandosi solamente dell'orecchio avrebbe rischiato di suonare tasti sbagliati. Nel 1969 suonò nella prima esecuzione assoluta pubblica nella Malyj Sal Konservatorii del Conservatorio Čajkovskij di Mosca della Sonata op. 134 in sol maggiore di Dmitrii Dmitrievich Shostakovich con David Fyodorovich Oistrakh.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1982 esegue due quintetti di Dvorak con il Quartetto Borodin.

Colpito da un attacco cardiaco mentre stava preparando una tournée concertistica, morì a Mosca all'età di ottantadue anni. La sua tomba si trova nel Cimitero di Novodevičij di Mosca.

Tecnica pianistica[modifica | modifica wikitesto]

Dotato di una tecnica pianistica trascendente, che gli permetteva di affrontare con apparente facilità qualsiasi composizione, Richter era altrettanto celebre per le sue profonde capacità interpretative. Non a caso il suo leggendario maestro, Heinrich Neuhaus, ebbe modo di dire che Richter aveva la capacità di leggere a prima vista qualsiasi cosa (opere e sinfonie comprese) interpretarle immediatamente in modo perfetto[2]. Tali caratteristiche resero Richter celebre non solo tra il pubblico e tra i critici di tutto il mondo, ma anche tra altri pianisti suoi contemporanei: Arthur Rubinstein, Vladimir Horowitz, Emil Gilels, Glenn Gould e Arturo Benedetti Michelangeli espressero, in più di un'occasione, la loro incondizionata ammirazione per le straordinarie doti di Richter. Il suo repertorio era sconfinato e spaziava dal periodo barocco alla musica contemporanea. Tra le incisioni più famose, ci restano le sue registrazioni delle opere di Franz Schubert, Ludwig van Beethoven, Johann Sebastian Bach (il cui Clavicembalo ben temperato si dice che sia stato imparato a memoria di getto in un mese), Fryderyk Chopin, Franz Liszt, Aleksandr Nikolaevič Skrjabin, Sergej Prokof'ev, Sergej Rachmaninov e tanti altri. La critica lo ritiene uno dei più raffinati ed incisivi interpreti delle opere per pianoforte di Robert Schumann. Ha suonato per la prima esecuzione della Sonata N. 7 di Prokofiev, imparandola in soli quattro giorni prima di portarla in pubblico e Prokofiev ha dedicato a lui la sua Sonata N. 9. Oltre al repertorio solista, a Sviatoslav Richter piaceva anche la musica da camera, con musicisti come David Oistrakh, Benjamin Britten, Pierre Fournier e Mstislav Rostropovič. Il segreto della sua memoria (per molti anni suonò impegnativi programmi senza spartito ma in seguito abbandonò questa abitudine, che in tarda età stigmatizzò come un vezzo inutile), era semplicemente il risultato della straordinaria abnegazione con cui si applicava nello studio: si dice che studiasse in media 10-12 ore al giorno (anche se lui stesso smentì quest'affermazione, dicendo che non superava mai le tre ore). La forza e la padronanza dello strumento acquisite con questo impegno hanno fatto di Richter un punto di riferimento per i pianisti di nuova generazione (da Martha Argerich a Maurizio Pollini).

Repertorio[modifica | modifica wikitesto]

Il repertorio di Sviatoslav Richter era a tal punto sconfinato che, probabilmente, nessun altro pianista, sia tra quelli di ieri che tra quelli odierni, può vantarne uno altrettanto ricco, complesso e variegato. Richter, durante l'arco della sua leggendaria carriera, si cimentò con musica barocca, classica, romantica, del '900 (compresa quella dodecafonica). Tra i compositori affrontati abitualmente in concerto da Richter c'erano Bach, Handel, Haydn, Mozart, Beethoven, Schubert, Chopin, Dvorak, Liszt, Schumann, Brahms, Grieg, Debussy, Ravel, Mussorgsky, Scriabin, Prokofiev, Rachmaninov, Shostakovich, Hindemith. Tale immenso repertorio comprende musica per pianoforte solo, concerti per pianoforte e orchestra, musica cameristica e un ampio corpus di musica liederistica.

Giudizi critici[modifica | modifica wikitesto]

Sviatoslav Richter è considerato universalmente come uno dei più grandi pianisti di tutti i tempi. I critici musicali di oggi, come quelli coevi agli anni di attività del pianista russo, hanno sempre espresso opinioni entusiastiche sulle qualità e le capacità, sia tecniche che interpretative, di Richter.

  • Il critico Piero Rattalino sostiene che, insieme a Franz Liszt e Ferruccio Busoni, Sviatoslav Richter sia il "terzo uomo" ad avere segnato profondamente e in modo definitivo l'interpretazione al pianoforte[3].
  • Il pianista e critico Charles Rosen ha affermato che "Richter è il pianista più intelligente che io abbia mai conosciuto[4].
  • Il pianista canadese Glenn Gould, grande ammiratore dell'arte di Sviatoslav Richter, ebbe modo di assistere nel 1957 a un recital del pianista russo e, successivamente a quell'esperienza, disse che Richter era uno degli uomini con la più forte capacità comunicativa che il mondo musicale avesse mai espresso[5].
  • Il pianista Vladimir Horowitz sosteneva che, tra i pianisti russi, solo Sviatoslav Richter gli piaceva[6].
  • Il pianista russo Emil Gilels, durante la sua tournée negli Stati Uniti, agli ammiratori e ai critici che lo acclamavano come il più grande pianista vivente, rispondeva che dovevano attendere di sentire Richter[7]. A quest'ultimo, infatti, al momento della dichiarazione di Gilels, non era ancora stato permesso di suonare al di fuori dell'Unione Sovietica.
  • Il pianista Arthur Rubinstein rimase sbalordito dai concerti di Richter e affermò che il suo suono era di una bellezza prodigiosa e di non avere mai sentito prima un pianoforte suonare in quel modo[8]. Aggiungendo che Richter era un titano, con una grande intelligenza. Successivamente Rubinstein, che conobbe personalmente il pianista russo, disse che Richter era il miglior pianista tra noi[9].
  • Il pianista russo Vladimir Sofronitsky proclamò Richter un genio[10].
  • Il pianista e didatta Heinrich Neuhaus, maestro dello stesso Richter oltre che di Emil Giles e di Radu Lupu, sosteneva di non conoscere una mano migliore per suonare il pianoforte di quella di Sviatoslav Richter, dato che questa riusciva a prendere con naturalezza l'intervallo della dodicesima, specificando altresì che l'estensione tra le dita del suo allievo era enorme[11].
  • Il pianista russo Evgeny Kissin, in un'intervista, ha dichiarato che il virtuosismo di Sviatoslav Richter era trascendentale, ma mai fine a se stesso[12].
  • Il critico Luca Segalla ha scritto che Sviatoslav Richter è stato il pianista del XX secolo, come Liszt è stato quello del XIX[13].

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Bach: The Well-Tempered Clavier (part I - part II), 1992 BMG/RCA
  • Bach: The Well-Tempered Clavier (part I - selection),The Well-Tempered Clavier (part II - selection), French Suite BWV 813, 2009, BMC
  • Bach: English Suite n. 3 BWV 808, English Suite n. 4 BWV 809, English Suite n. 6 BWV 811, French Suite n. 2 BWV 813, French Suite n. 4 BWV 815a, French Suite n. 6 BWV 817, Toccata in D minor BWV 913, Toccata in G BWV 916, Fantasia in C minor BWV 906, Italian Concerto in F BWV 971, French Ouverture in B minor BWV 831, Duetto I in E minor BWV 802, Duetto II in F BWV 803, Duetto III in G BWV 804, Duetto IV in A minor BWV 805, 2005, Philips Classics
  • Bach: English Suite n. 3 BWV 808, Concerto for Piano and Orchestra BWV 1052, Concerto for Piano and Orchestra BWV 1061, 2003, Melodiya
  • Bach: Richter plays Bach, 2008 Stradivarius (Sonatas BWV 966, BWV 963, BWV 964, Capriccio BWV 993, Four duets BWV 802-805, Concerto italiano BWV 971, English Suites BWV 806, BWV 808, BWV 809, BWV 811, French Suites BWV 813, BWV 815, Toccata BWV 913, Fantasie BWV 906)
  • Bartok: Fifteen Hungarian Peasant Songs, 2009, BBC Music
  • Bartok: Three Burlesques, 2008, Decca
  • Beethoven: Andante favori WoO 57, 1998, Orfeo
  • Beethoven: Piano Sonata n. 27, Piano Sonata n. 28, Piano Sonata n. 29, 2012, Praga Digitals
  • Beethoven: Piano Sonata n. 23, Piano Sonata n. 17, Piano Sonata n. 18, 2012, Praga Digitals
  • Beethoven: Piano Sonata n. 31, Diabelli Variations, 2012, Praga Digitals
  • Beethoven: Piano Sonata n. 3, Piano Sonata n. 7, Piano Sonata n. 12, Piano Sonata n. 22, 2013, Praga Digitals
  • Beethoven: Piano Sonata n. 3, Piano Sonata n. 29, Bagatelles op. 126 n. 1, n. 4, n. 6, 2000, BBC Music
  • Beethoven: Piano Sonata n. 9, Piano Sonata n. 10, 2001, BBC Music
  • Beethoven: Piano Sonata n. 8, Piano Sonata n. 23, Bagatelles Op. 33 n. 3, 5, Bagatelles Op. 119 n. 2, 7, 9, Bagatelles Op. 126 n. 1, 4, 6, 2003, Melodiya
  • Beethoven: Piano Sonata n. 30, Piano Sonata n. 31, Piano Sonata n. 32, 2007, Parnassus Records
  • Beethoven: 6 Variations for Piano in F major Op. 34, 6 Variations in D major Op. 76, 15 Variations in E flat major on Prometheus theme Op. 35 "Eroica", 2005, Regis
  • Beethoven: Diabelli Variations Op. 120, 2002, Regis
  • Beethoven: The Cello Sonatas - Mstislav Rostropovich/Sviatoslav Richter, 1963 Philips
  • Beethoven: Triple Concerto/Brahms: Double Concerto - Herbert von Karajan/Berliner Philharmoniker/Cleveland Orchestra/David Oistrakh/Sviatoslav Richter/Mstislav Rostropovich/George Szell, 1970 EMI
  • Beethoven: Fantasy for piano, chorus and orchestra Op. 80 - Kurt Sanderling, 2004, Urania
  • Beethoven: Piano Concerto No. 1 & Piano Sonatas Nos. 22 & 23 - Boston Symphony Orchestra/Charles Münch/Sviatoslav Richter, BMG/RCA
  • Beethoven: Piano Sonata No. 17 'Tempest' - Schumann: Fantasy - Sviatoslav Richter, EMI
  • Borodin: Petite Suite (excerpts: Au couvent, Mazurka in C Major, Serenade), 2010, Parnassus Records
  • Brahms, Concerto No. 2 - Richter/Chicago Symphony Orchestra/Leinsdorf, 1960 RCA Red Seal/RCA Italiana – Miglior interpretazione solista di musica classica con orchestra (Grammy) 1961
  • Brahms: Piano Sonatas Nos. 1 & 2 - Sviatoslav Richter, 1961 Decca
  • Brahms: Piano Sonatas n. 1 & 2, Variations on a theme by Paganini Op. 35, 2006, Philips Classics
  • Brahms: Ballade in G minor Op. 118 n. 3, Intermezzo in E Flat minor Op. 118 n. 6, Intermezzo in C Op.119 n. 3
  • Brahms: Piano Concerto 2/Schumann: Sonata 2 - Lorin Maazel/Orchestre de Paris/Sviatoslav Richter, 1961 EMI/Warner
  • Chopin: Barcarolle op. 60, 2002, BBC Music
  • Chopin: Etude op. 10 n. 3, Etude op. 25 n. 5, Polonaise n. 1, 2008, Melodiya
  • Chopin: Etudes op. 10 (n. 4, 10, 11), Etudes op. 25 (n. 5, 8, 11, 12), Ballades op. 23, 38, 47, 52, Nocturnes, Polonaise n. 7, 2012 Praga Digitals
  • Chopin: Polonaise Fantasie, Waltz op. 34 n. 3, Waltz op. 70 n. 3, Mazurka op. 63 n. 3, Mazurka op. 67 n. 3, Mazurka op. 68 n. 3, Mazurka op. posthumous n. 2, Etude op. 25 n. 7, Scherzo n. 4 op. 54, Three Nocturnes op. 15, Nocturne op. 62 n. 2, Nocturne op. 72 . 1, Etude op. 10 n. 4, 2009, Melodiya
  • Chopin: Scherzo n. 1, Scherzo n. 2, Scherzo n. 3, Scherzo n. 4, 2016, Eurodisc / Sony
  • Chopin: Andante spianato and Grande Polonaise op. 22 - Kyrill Kondrashin/London Symphony Orchestra, 2000, BBC Music
  • Ciaikovsky: Grand Piano Sonata Op. 37(a), The Seasons Op. 37b (excerpts), 2016, Praga Digitals
  • Ciaikovsky Rachmaninov, Conc. pf. n. 1/Conc. pf. n. 2 - Richter/Wislocki/Karajan/WPO, Deutsche Grammophon
  • Ciaikovsky Rachmaninov, Conc. pf. n. 1/Prel. op. 23, 32 - Richter/Karajan/WPO, Deutsche Grammophon
  • Debussy: 10 Preludes from book 1, Preludes (book 2), L'Isle joyeuse; Cloches a travers les feuilles, 1999, BBC Music
  • Debussy: Suite bergamasque, Preludes book 1 n. 1, 3, 9, 11, Preludes book 2 n. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 2009, Melodiya
  • Debussy: Suite bergamasque, Estampes, 1998, Orfeo
  • Debussy: Preludes (book I - selection), Preludes (book II), Images (book I), Hommage a Haydn, Ariettes Oubliees n. 1, 5, 2009, BMC
  • Dvorak, Quint. pf. op. 5, 81 - Richter/Borodin Quartet, 1982 Philips
  • Dvorak: Piano Concerto - Schubert: "Wanderer" Fantasy - Carlos Kleiber/Sviatoslav Richter/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Warner Great Recordings of the Century
  • Franck: Prelude, chorale and fugue, 2008, Melodiya
  • Franck: Piano Quintet - Liszt: Harmonies Poétiques et Religieuses; Ave Maria - Sviatoslav Richter/Borodin Quartet/Borodin String Quartet, 1991 Philips
  • Gershwin: Concerto in F for Piano and Orchestra, 2010, Hanssler Classic
  • Grieg: Lyric Pieces (selection), 2009, BMC
  • Grieg & Schumann: Piano Concertos - Sviatoslav Richter, EMI
  • Handel: Suite n. 2, 3, 5, 8, 9, 12, 14, 16, 2005, EMI
  • Haydn: Piano Sonatas - Sviatoslav Richter, 1992, Decca
  • Hindemith: Suite "1922" Op. 26, 2008, Decca
  • Liadov: Etude and Canzonetta Op. 48, 2010, Parnassus Records
  • Liszt: Piano Sonata in B minor S178, 2002, BBC Music
  • Liszt: Piano Sonata in B minor S178, Etudes d'execution trascendante (I. Preludio, II. Study in A minor, III. Paysage, V. Feux folletts, VII. Eroica, VIII. Wilde Jagd, X. Study in F minor, XI. Harmonies du soir), Aux Cypres de la Villa d'Este, Hungarian Rhapsody n. 17, Valse Oubliee n. 3, 2014, Praga Digitals
  • Liszt: Scherzo and March S177, Mephisto Waltz n. 1 S514, Ave Maria S182, Pensee des Mort, Funerailles, Andante lacrimoso, Mephisto PolkaSS217, Nuages Gris S199/7, Valse Oubliees n. 2 S215, 2015, Praga Digitals
  • Liszt: Gnomenreigen, Liebestraume n. 2, 3, Valses Oubliees n. 1, 2, 3, Sonetto 123 del Petrarca, 2009, BMC
  • Liszt: Harmonies poetiques et religieuses (n. 4, Pensee des morts), Polonaise n. 2, Hungarian Rhapsody n. 17, Consolation n. 6, Scherzo and March, Nuages gris, 2006, Parnassus Records
  • Liszt: Annees de pelerinage (selection), 2008, Andromeda
  • Liszt: Concerto for Piano and Orchestra n. 1 S124, Concerto for Piano and Orchestra n. 2 S125, Hungarian Fantasia for Piano and Orchestra S123 - Kyrill Kondrashin/ London Symphony Orchestra, 2000, BBC Music
  • Liszt: The Piano Concertos; Beethoven: Piano Sonatas Nos. 10, 19, & 20 - Kyril Kondrashin/London Symphony Orchestra/Sviatoslav Richter, Philips
  • Mendelssohn: Lieder ohne worte Op. 19 n. 1, 2, 3, 5, 6, 2009, BMC
  • Mozart: Piano Sonatas - Sviatoslav Richter, 1993 Universal
  • Mozart: Piano Sonatas Nos. 4, 8 & 16 - Sviatoslav Richter, 1990, Philips
  • Mozart: Piano Concerto No. 20, K. 466; Beethoven: Piano Concerto No. 3 - Kurt Sanderling/Stanislaw Wislocki/Sviatoslav Richter/Warsaw Philharmonic Orchestra/Wiener Symphoniker, Deutsche Grammophon
  • Mozart: Piano Concerto K. 491, Piano Concerto K. 595 - Riccardo Muti/Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, 2018, Riccardo Muti Music
  • Mozart & Beethoven: Violin Sonatas - Oleg Kagan/Sviatoslav Richter, EMI/Warner
  • Mussorgsky: Pictures at an Exhibition, 2016, Praga Digitals
  • Prokofiev: Piano Sonata n. 7, 2009, BBC Music
  • Prokofiev: Piano Sonata n. 2, Legend, Visions Fugitives, Landscape, Valse from the opera "War and Peace", Piano Sonata n. 9, 2010, Melodiya
  • Prokofiev: Musical Friendship, 2017 Divox (Piano Sonata n. 6, Piano Sonata n. 9, Piano Pieces from the Ballet "Cinderella", Legende, Visions fugitives)
  • Prokofiev: Piano Concerto No. 5 & Piano Sonata No. 8 - Sviatoslav Richter/Warsaw National Philharmonic Orchestra/Witold Rowicki, 1997 Deutsche Grammophon
  • Rachmaninov: Etudes-tableaux Op. 33 n. 9, 5, 6, Etudes-tableaux Op. 39 n. 1, 2, 3, 4, 7, 9, Preludes Op. 23 n. 1, 2, 4, 5, 8, 7, Preludes Op. 32 n. 2, 1, 6, 7, 9, 10, 12, 2014, Praga Digitals
  • Ravel: Pavane puor une infante defunte, Gaspard de la nuit (n. 2: Le Gibet), Jeux d'eau, Valses nobles et sentimentales, Miroir (n. 4: Alborada del gracioso), 2004, ArchipelRecords
  • Ravel: Concerto for left hand - Riccardo Muti/Orchestra Comunale di Genova, 2015, Parnassus Records
  • Saint-Saens: Concerto for Piano and Orchestra n. 5 in F-Major Op. 103, 2010, Hanssler Classic
  • Schubert: Moments musicaux D780 n. 1, n. 3, n. 6, Piano Sonata D566, 2002, BBC Music
  • Schubert: Piano Sonata n. 21 D960, Piano Sonata n. 13 D664, Impromptu Op. 90 n. 4, 2012, Praga Digitals
  • Schubert: Piano Sonata n. 17 D850, Piano Sonata n. 16 D845, 2012, Praga Digitals
  • Schubert: Piano Sonata n. 9 D575, Piano Sonata n. 11 D625, Piano Sonata n. 14 D784, Piano Sonata n. 18 D894, Piano Sonata n. 19 D958, Allegretto for piano D915, 2018, Praga Digitals
  • Schubert: Winterreise, Piano Sonata in C, D. 840 - Peter Schreier/Sviatoslav Richter, 1985 Philips
  • Schubert: Lieder - Dietrich Fischer-Dieskau/Sviatoslav Richter, 1978 Deutsche Grammophon
  • Schubert: Trout Quintet and Fillers - Sviatoslav Richter, EMI/Warner
  • Schumann, Conc. pf./Waldszenen/Toccata - Richter/Rowicki/Wislocki, Deutsche Grammophon
  • Schumann: Fantasia in C Op. 17, March in G minor Op. 76 n. 2, Concert studies on Caprices by Paganini Op. 10 n. 4-6, Novellette in F Op. 21 n. 1, Blumenstuck Op. 19, Nachtstucke Op. 23, 2006, Philips Classics
  • Schumann: Fantasiestucke op. 12, Humoreske op. 20, Novelletten op. 21, 2003, Melodiya
  • Schumann: Theme and Variations on the name "Abegg" op. 1, Faschingsschwank aus Wien op. 26, 2001, BBC Music
  • Schumann: Fantasy in C, Faschingsschwank aus Wien, Papillons - Sviatoslav Richter, 1992 EMI/Warner
  • Schumann: Four Fugues Op. 72, 2006, Parnassus Records
  • Scriabin: Sviatoslav Richter plays Sciabin, 2017 Praga Digitals (selezione di studi, di preludi, di poemi, oltre alle sonate n. 2, 5, 6, 7, 9 e al Prometheus)
  • Shostakovich: 24 Preludes and Fugues op. 87, n. 3, 6, 7, 2, 18, 4, 2008, Supraphon Music
  • Strauss: Burleske in D minor - George Enescu/Philharmonic Orchestra, 2015, Parnassus Records
  • Szymanowski: Sonata n. 2 Op. 21, 2006, Parnassus Records
  • Szymanowski: Two pieces from "Masques" Op. 34 (Sheherazade, Tantris le bouffon)
  • Szymanowski: Two pieces from "Metopes" Op. 29 (L'Ile des sirenes, Calypso)
  • Weber: Piano Sonata n. 3 Op. 49, 2006, Andromeda
  • Webern: Variations Op. 27, 2008, Decca
  • Wolf: Mörike-Lieder - Dietrich Fischer-Dieskau/Sviatoslav Richter, 1975 Deutsche Grammophon
  • Richter, Pianist of the century - Le registrazioni DG complete, 1956/1962 Deutsche Grammophon
  • Richter, Solo recordings - Le registrazioni solistiche, 2014 Decca
  • Richter, Tutte le registrazioni Decca, Philips & Deutsche Grammophon - Edizione limitata - 2014 Decca
  • Sviatoslav Richter: The Sofia Recital 1958, Philips
  • Richter Plays Beethoven, Vol. 4 - 1993 Universal
  • Richter Plays Schubert, Vol. 5 - 1993 Universal
  • Richter Plays Haydn, Weber & Beethoven - 1994 Universal
  • Richter the Master - Bach & Chopin - 1993 Universal
  • The Very Best of Sviatoslav Richter, EMI/Warner
  • Richter, The Teldec Recordings - Borodin Quartet/Elisabeth Leonskaja/Orchestra di Padova e del Veneto/Sviatoslav Richter/Yuri Bashmet, 1995/1997 Teldec
  • Richter: In Memoriam - 1997 Deutsche Grammophon
  • Sviatoslav Richter Recital - 1994 Deutsche Grammophon
  • Britten at Aldeburgh: Piano Duets - Benjamin Britten/Sviatoslav Richter, BBC/Decca

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.classicfm.com/radio/shows-presenters/david-mellor/the-genius-of-sviatoslav-richter/
  2. ^ Heinrich Neuhaus, "L'arte del pianoforte", Sellerio editore Palermo, 2017, pag. 50, ISBN 88-389-3694-3
  3. ^ Piero Rattalino, Sviatoslav Richter il Visionario, Zecchini Editore, 2005, ISBN 88-87203-35-0.
  4. ^ Isacoff, Stuart., Storia naturale del pianoforte : lo strumento, la musica, i musicisti : da Mozart al jazz, e oltre, EDT, 2012, ISBN 9788860409195, OCLC 898607034. URL consultato il 25 agosto 2018.
  5. ^ Glenn Gould, "No, non sono un eccentrico", 1989, EDT, pagg. 117-118, ISBN 88-7063-050-1
  6. ^ http://www.cinquantamila.it/storyTellerArticolo.php?storyId=558d0efb327e4
  7. ^ Isacoff, Stuart., Storia naturale del pianoforte : lo strumento, la musica, i musicisti : da Mozart al jazz, e oltre, EDT, 2012, ISBN 9788860409195, OCLC 898607034. URL consultato il 26 agosto 2018.
  8. ^ Rubinstein su Richter, su sviatoslavrichter.blogspot.com. URL consultato il 26 agosto 2018.
  9. ^ (EN) Richter's genius still commanding tributes Tuned up: Two new collections are superior to last year's 21-CD salute to the pianist from Philips Records., in tribunedigital-baltimoresun. URL consultato il 26 agosto 2018.
  10. ^ Valadimir Sofronitsky (Piano) - Short Biography, su www.bach-cantatas.com. URL consultato il 28 agosto 2018.
  11. ^ Nejgauz, Genrih Gustavovič. e Voskobojnikov, Valerij., L'arte del pianoforte, Sellerio, 2017, ISBN 8838936943, OCLC 1045980131. URL consultato il 28 agosto 2018.
  12. ^ micheldvorsky, Evgeny Kissin on Virtuosity, 7 maggio 2009. URL consultato il 28 agosto 2018.
  13. ^ Luca Segalla, L'incandescenza di Sviatoslav Richter, in MUSICA, nº 259, settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Pagina in memoriam, su trovar.com. URL consultato il 21 agosto 2005 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2012).
  • Italian Blog, su sviatoslavrichter.blogspot.com.
Controllo di autoritàVIAF (EN110760369 · ISNI (EN0000 0001 1480 0293 · LCCN (ENn81085651 · GND (DE118600532 · BNF (FRcb12163923q (data) · NLA (EN35355859 · NDL (ENJA00621379 · WorldCat Identities (ENn81-085651