The Spirit Squad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Spirit Squad)
La Spirit Squad

The Spirit Squad era una stable heel della World Wrestling Entertainment (WWE) militante nel roster di Raw . Essa era composta da Kenny, Johnny, Mitch, Nicky, e Mikey, i quali interpretavano la gimmick di una squadra maschile di cheerleading.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i membri della Spirit Squad provengono dalla Ohio Valley Wrestling, ma adotteranno le gimmick attuali solo nella WWE. Il loro debutto avviene il 23 gennaio 2006 durante RAW, quando nel corso di un match per la qualificazione alla Royal Rumble tra Jonathan Coachman e Jerry Lawler, distraggono quest’ultimo permettendo a Coach di vincere per roll-up. Nelle settimane successive si ritaglieranno uno spazio sempre più grande durante gli show, diventando sempre più odiati, raggiungendo il culmine alla Royal Rumble, dove i cinque introducono il pay per view con uno dei loro canti.

Aiutanti di Vince McMahon[modifica | modifica wikitesto]

La Spirit Squad interviene poi nella faida tra Vince McMahon e Shawn Michaels, assunti dal proprietario della WWE per attaccare Michaels e per esibirsi in canti contro di lui. La Spirit Squad affronta HBK anche in match ufficiali per due volte: prima un 4 on 1 Handicap Match vinto da Micheals per squalifica, poi un altro 4 on 1 Handicap Match, stavolta in una gabbia, dove a trionfare è la Spirit Squad. Il gruppo di cheerleader attacca Micheals anche durante il match fra HBK e Vince McMahon di Wrestlemania 22 ma senza successo.

Nell’edizione del 3 aprile 2006 di RAW a Chicago, Kenny e Mikey battono Big Show e Kane diventando i nuovi World Tag Team Champions. Grazie alla già citata "decisione esecutiva" i titoli appartengono effettivamente all'intera Spirit Squad. Nel re-match, in cui a rappresentare la Spirit Squad sono invece Nicky e Johnny, la Spirit Squad trionfa di nuovo, stavolta per squalifica. Il 17 aprile tutti e cinque membri della Spirit Squad battono in un handicap match Rob Van Dam.

A Backlash la Spirit Squad interviene nel match fra Shawn Michaels e God vs Vince McMahon e Shane McMahon, lanciando HBK contro un tavolo. Nell'edizione subito successiva a Backlash, i cinque membri della Spirit Squad vengono nominati "General Manager" per una sera. Venne poi offerta la possibilità al leader Kenny di poter conquistare il WWE Championship contro John Cena in un match speciale arbitrato inizialmente da Triple H e poi da Shawn Michaels i quali, ovviamente, fecero in modo che Cena vincesse, mantenendo il titolo. Vince McMahon riprende quindi il controllo di Raw, annunciando subito un ennesimo Handicap Match fra la Spirit Squad (in questo caso tutti e 5 membri) e Shawn Micheals durante l’edizione di Raw del 22 maggio. Il match finisce in No-Contest, con Triple H che attacca i membri della Spirit Squad. Vince annuncia un nuovo match per il Raw del 29 maggio, mettendo contro Triple H e Kenny. Anche questa volta la vendetta va a vuoto, con Kenny che viene sconfitto da Triple H.

Nella puntata di RAW del 5 giugno, l'intera stable fa il suo intervento nel match tra Triple H e Big Show. I ragazzi si scagliano contro Big Show, decretando automaticamente la vittoria del gigante per squalifica. Il gruppo ebbe poi modo di difendere i propri titoli nei match contro Jim Duggan e Eugene, Charlie Haas e Viscera e Snitsky e Val Venis. Vennero anche costretti ad affrontare il Sgt. Slaughter vestiti con costumi femminili da cheerleader; quando sembrava che Mikey (l'avversario scelto per il match) avesse la vittoria in pugno fu distratto da Triple H e Shawn Michaels e sconfitto da Slaughter con un roll up. Il quintetto perse anche contro i debuttanti Cryme Tyme e contro gli Highlanders (con cui ebbero una breve faida) ma difese il titolo ad Unforgiven 2006 contro questi ultimi. Il gruppo cominciò a dare i primi segni di cedimento quando vennero sconfitti nuovamente dai Cryme Tyme: in particolare Kenny attaccò Mikey e da quest'evento cominciarono i primi contrasti. La stable perse poi il titolo di coppia durante Cyber Sunday 2006, quando vennero sconfitti da Ric Flair e Roddy Piper (che era stato scelto dai fan che dovevano scegliere tra lui, Dusty Rhodes e il Sgt. Slaughter). Il quintetto venne nuovamente sconfitto, a Survivor Series 2006, in un elimination match contro Ric Flair, Sgt. Slaughter, Dusty Rhodes, Ron Simmons e Arn Anderson. Il loro ultimo match fu un tag team 5 vs 3 contro Ric Flair e la DX dove vennero sconfitti; successivamente, il 4 dicembre, Johnny annunciò lo scioglimento della stable su Myspace.

Scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

A tutt'oggi, solo Nicky (che combatte con il nome di Dolph Ziggler) combatte ancora in WWE. Gli altri:

  • Kenny Dykstra combatte in varie federazioni indipendenti. È inoltre l'unico (eccetto Ziggler) ad essere ritornato in WWE anche dopo lo scioglimento della Spirit Squad. Ha infatti combattuto nel roster di SmackDown! nel 2008.
  • Mikey combatte con il ring name di Mike Mondo in OVW.
  • Mitch è passato alle Arti Marziali Miste (MMA) dove combatte con il suo vero nome, Nick Mitchell.
  • Di Johnny non abbiamo più notizie, si sa solo che ha combattuto qualche dark match per la OVW a inizio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling