Sovrapposizione coerente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In meccanica quantistica, una sovrapposizione coerente o stato puro è lo stato di un sistema matematicamente corrispondente all'autostato di un operatore autoaggiunto.

In termini fisici significa che esiste, almeno in linea di principio, un'osservabile (corrispondente proprio a quell'operatore autoaggiunto) la cui misura sul sistema darebbe luogo ad esiti non aleatori — e in particolare darebbe come risultato certo l'autovalore corrispondente all'autostato dell'operatore autoaggiunto.

Più concretamente questo significa che in una sovrapposizione coerente, gli esiti stocastici di misure sul sistema non sono dovuti all'ignoranza dello sperimentatore sullo stato reale del sistema (probabilità epistemica), ma sono dovuti al fatto che si sta misurando un'osservabile non compatibile con quella della quale il sistema si trova in un autostato (probabilità non-epistemica).

La sovrapposizione coerente si contrappone alla cosiddetta miscela statistica, in cui la stocasticità degli esiti delle misure non può essere ricondotta unicamente ad effetti quantomeccanici ed è invece dovuta (anche) a ragioni banalmente epistemiche.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica