Silvia Costa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'altista cubana, vedi Silvia Costa (atleta).
Silvia Costa
Costa, Silvia-2550.jpg

Parlamento Europeo
Durata mandato VII, VIII legislatura

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX, X, XI
Gruppo
parlamentare
DC
Coalizione Pentapartito
Collegio Roma
Incarichi parlamentari
  • Presidente della Commissione Pari Opportunità
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PD (dal 2007)
Precedenti:
DC (fino al 1994)
PPI (1994-2002)
DL (2002-2007)
Titolo di studio Laurea In Lettere e Filosofia
Professione giornalista

Silvia Costa (Firenze, 12 giugno 1949) è una politica e giornalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in lettere moderne a Roma, Costa diventa giornalista professionista e collabora a diverse testate giornalistiche e a rubriche radiotelevisive della RAI, dal 1978 al 1985 è redattrice a Il Popolo.

Comincia il suo percorso politico con il movimento femminile nazionale della Democrazia Cristiana fino a diventarne uno dei principali esponenti, partecipando poi nel 1993 all'Assemblea nazionale fondativa del Partito Popolare Italiano. Quando il Partito Popolare confluisce nella nuova formazione politica «Democrazia è Libertà - La Margherita» nel 2001, entra a far parte della Direzione Nazionale. Entra a far parte poi del Partito Democratico al momento della sua creazione, avvenuta nel 2007 grazie all'unione dei Democratici di Sinistra con la Margherita.

Prima consigliere comunale di Roma dal 1976 al 1985, Costa viene eletta alla Camera dei deputati per la Democrazia Cristiana in tre legislature, dal 1983 al 1994. Attiva in varie commissioni, come quella degli interni, cultura e vigilanza RAI. Con il Governo Ciampi è sottosegretaria al Ministero dell'Università, Ricerca Scientifica e Tecnologica. Presiede per diversi anni fino al 2000 la Commissione Pari opportunità tra uomo e donna presso la presidenza del C onsiglio dei ministri.

Alle Elezioni regionali del 2005 viene candidata capolista per Uniti nell'Ulivo nel Lazio dove L'Unione vuole portare Piero Marrazzo alla presidenza della regione. Eletta con 23.909 preferenze, assume la carica di assessore regionale all'Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione.

Dal 1995 al 2005 Costa è consigliere del CNEL. È stata Presidente dell'Accademia di Belle Arti di Roma dal 1995 al marzo 2002. Socia dell'Unione Cattolica Stampa Italiana (UCSI) del Lazio.

Componente della Commissione Centrale di Beneficenza della Fondazione Cariplo (di cui è Commissaria dal novembre 2001), è anche Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Risorsa Donna. Cofondatrice di Telefono Azzurro nel 1987, fa anche parte del Comitato romano del movimento femminile della Croce Rossa italiana. Presidente del Comitato di gestione del Fondo speciale per i Centri di servizio del volontariato nella regione Lazio, su designazione della Fondazione Cariplo.

Già Presidente dell'Osservatorio Interuniversitario sugli studi di Genere (GIO), ricopre la carica di Consigliere di Amministrazione della Fondazione Donne in Musica. È stata inoltre Coordinatrice della Consulta Nazionale sullo Spettacolo, prima della DC, poi dei Popolari (Partito Popolare Italiano).

Eletta membro del Parlamento europeo per il Partito Democratico nel 2009 con 118.603 preferenze, Costa è stata eletta vicepresidente della Delegazione per le relazioni con l'Iraq del Parlamento europeo ed è componente delle Commissione Cultura e Istruzione e componente supplente della Commissione Diritti della Donna e Uguaglianza di Genere e della Commissione per le Libertà Civili, la Giustizia e gli Affari Interni.

Nel 2014 Costa si ricandida con il Partito Democratico nella circoscrizione Italia Centrale e viene riconfermata con 72.097 voti. Viene poi eletta presidente della Commissione cultura e istruzione. Membro della Conferenza dei Presidenti di Commissione, della Delegazione alla commissione parlamentare di stabilizzazione e di associazione (SAPC) UE-Albania, e membro sostituto della Commissione per l'occupazione e gli affari sociali è inoltre vice-presidente dell'inter-gruppo parlamentare sulla Povertà e dell'inter-gruppo Turismo culturale, Patrimonio culturale e Itinerari culturali europei ed è componente dell'intergruppo sui diritti dei minori.

Al Parlamento europeo Costa ha seduto dal 2009 nel gruppo dell'Alleanza dei Socialisti e Democratici Europei (S&D), pur mantenendo la tessera del Partito Democratico Europeo (membro del gruppo ALDE) fino al 2014. Dal 2014 è membro del Partito del Socialismo Europeo e del gruppo parlamentare S&D.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Silvia Costa, Sito elettorale Europee 2014. URL consultato il 26 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2014).
  • Silvia Costa, Sito personale. URL consultato il 7 gennaio 2016.
  • Silvia Costa, su Openpolis, Associazione Openpolis. Modifica su Wikidata
  • Silvia Costa, Parlamento Europeo. URL consultato il 20 ottobre 2010.