Sigismondo Boldoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stampa d'epoca raffigurante Sigismondo Bodoni

Sigismondo Boldoni (Bellano, 5 luglio 1597Pavia, 3 luglio 1630) è stato uno scrittore e poeta italiano.

Le sue lettere del 1629 descrivono l'invasione dei Lanzichenecchi nelle zone del Lago di Como e la conseguente peste e da esse trasse ispirazione e fonti storiche Manzoni per il suo romanzo del 1827 I Promessi Sposi.[1]

Ipotizzò come Élisée Reclus[2][3][4], che la Villa Commedia di Plinio si trovasse su di una roccia in riva al lago di Lierna sul lago di Como.[5]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Larius, Padova, 1617

L'opera scritta in latino tra il 1613 e il 1615 è una descrizione della geografia del lago di Como ed è stato modellato sugli scritti di Paolo Giovio del 1559 Descriptio Larii Lacus (descrizione del Lago di Como). Fu pubblicato per la prima volta a Padova nel 1617 con una dedica a Ercole Sfondrati, duca di Montemarciano a cui Boldoni attribuì il merito di avergli dato l'idea del libro. La famiglia Sfondrati, che possedeva anche il feudo di Lierna e di Bellagio sul Lago di Como, dove possedeva una grande villa. Il libro di Boldoni ebbe un notevole successo e fu ripubblicato varie volte tra il 1617 e il 1776. Era considerato notevole non solo per le sue accurate ricerche e dettagliate descrizioni della geografia e dei paesaggi della zona, ma anche per le descrizioni storiche e antropologiche degli insediamenti e città confinanti con il lago di Como. Larius è stato pubblicato in una traduzione annotata in italiano moderno da Franco Minonzio nel 2009 e ripubblicato nel 2014 con il titolo Larius: uno sguardo sul Lario di straordinaria modernità.

  • La caduta de' Longobardi, 1656, pubblicata postuma con note del fratello Giovanni Nicolò Boldoni

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Cermenati, Sigismondo Boldoni da Bellano, letterato, medico e filosofo del seicento, Ermanno Loescher & C., 1899, pp. 11–14; 30–53; 84–86.
  2. ^ Élisée Reclus, "L'Italia nella natura, nella storia, negli abitanti, nell'arte e nella vita", Società editrice libraria, 1982, p. 282 [1]
  3. ^ [2] Davide Bertolotti, "Il Raccoglitore ossia archivi di viaggi, di filosofia, d'istoria di poesia...", p. 2
  4. ^ Società Storica Comense, Raccolta Storica, p. 139, nota 1
  5. ^ Sigismondo Boldoni, "Lario", pag. 32

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68918993 · ISNI (EN0000 0000 6629 0582 · LCCN (ENno2015063683 · GND (DE100046525 · BNF (FRcb104942754 (data) · BAV ADV10006951