Roberto Ubaldini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Ubaldini
cardinale di Santa Romana Chiesa
Guido Reni - Roberto Ubaldini - LACMA.jpg
Cardinalbishop.svg
Nato 5 giugno 1581
Nominato vescovo 1º ottobre 1607
Consacrato vescovo 3 febbraio 1608
Creato cardinale 2 dicembre 1615
Deceduto 22 aprile 1635

Roberto Ubaldini (Firenze, 5 giugno 1581Roma, 22 aprile 1635) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Eletto vescovo di Montepulciano e nominato nunzio apostolico in Francia nel 1607, fu creato cardinale presbitero con il titolo di San Matteo in Merulana da papa Paolo V nel concistoro del 2 dicembre 1615.

Fu prefetto della Sacra Congregazione del Concilio (1621-1623), legato pontificio a Bologna (1623-1627) e camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali (1628-1629).

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Montepulciano Successore BishopCoA PioM.svg
Sallustio Tarugi 1607 - 1622 Alessandro Della Stufa
Predecessore Nunzio apostolico in Francia Successore Emblem Holy See.svg
Maffeo Barberini 1616 - 1621 Guido Bentivoglio
Predecessore Cardinale presbitero di San Matteo in Merulana Successore CardinalCoA PioM.svg
Antonio Zapata y Cisneros 1617 Francesco Sforza
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Pudenziana Successore CardinalCoA PioM.svg
Bonifazio Caetani 1617 - 1621 Antonio Caetani
Predecessore Prefetto della Congregazione del Concilio Successore Coat of arms Holy See.svg
Orazio Lancellotti 1621 - 1623 Cosimo de Torres
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Bonifacio e Alessio Successore CardinalCoA PioM.svg
Metello Bichi 1621 - 1629 Gianfrancesco Guidi di Bagno
Predecessore Camerlengo del Sacro Collegio Successore CardinalCoA PioM.svg
Gaspar de Borja y Velasco 1628 - 1629 Tiberio Muti
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore CardinalCoA PioM.svg
Marcello Lante 1629 - 1635 Guido Bentivoglio
Controllo di autorità VIAF: (EN96852177 · ISNI: (EN0000 0001 1452 7602 · GND: (DE132898497 · BNF: (FRcb13323341n (data)