Sandro Battisti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sandro Battisti (Roma, maggio 1965) è uno scrittore di fantascienza italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo esordio è del 1993 con il racconto Il gioco pubblicato da Stampa Alternativa.[1]

Tra i primi blogger attivi in Italia[2], noto in rete con lo pseudonimo di "Zoon"[3], nel 2004 è stato uno dei fondatori del movimento letterario connettivista[4]. A partire dal 2005 si è dedicato allo sviluppo di uno scenario comune a molti suoi lavori successivi, noto come "Impero Connettivo" (uno Stato modellato sull'esempio dell'Impero romano il cui il dominio si estende su spazio e tempo, governato da una stirpe di alieni semi-eterni), dapprima con racconti apparsi inizialmente su NeXT, la fanzine del movimento di cui ha assunto anche la direzione[5], e con il fumetto Florian[6], successivamente in più romanzi, tra cui spiccano: PtaxGhu6, scritto in collaborazione con Marco Milani (2010)[7], Olonomico (2012)[4] e L'impero restaurato (2015), con cui vince il Premio Urania (ex aequo con Bloodbusters di Francesco Verso)[8] e il Premio Vegetti 2017 (https://www.worldsf.it/?p=1296).

Suoi racconti sono stati pubblicati nelle antologie Noir no War (a cura di Alda Teodorani e Marco Milani), Supernova Express (a cura di Giovanni De Matteo e Marco Zolin), Frammenti di una rosa quantica (a cura di Lukha B. Kremo), Notturno alieno e Terra Promessa (entrambe a cura di Gian Filippo Pizzo), The origins (a cura di Marco Milani), NeXT-Stream (curato assieme a Lukha B. Kremo e Giovanni De Matteo), Hai trovato orgasmi nel collettore quantico? (curato assieme a Lukha B. Kremo) e in Nuove Eterotopie (curato assieme a Giovanni De Matteo); oppure in e-book (tra gli altri La mappa è una contrazione e Ancient name). Nel 2009 ha curato l'antologia di racconti connettivisti A.F.O. - Avanguardie Futuro Oscuro[9].

Ha pubblicato articoli e racconti anche sul sito Fantascienza.com e sulla rivista Futuro Europa. Con altri connettivisti ha scritto il cortometraggio La trentunesima ora, prendendovi parte come attore. Dal 2010 collabora con Kipple Officina Libraria come editor. Conduce sulla webradio radionation.it il programma radiofonico Tersicore.

Nel 2015 pubblica due raccolte di racconti, una dedicata all'universo dell'Impero Connettivo, I dispacci imperiali, e l'altra, dal titolo Nel paradigma olografico, riservata alle altre tematiche care all'autore.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Gioco, di Sandro Battisti – 1993, su Holonomikon, 25 dicembre 2013. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Silvio Sosio, Addio Cybergoth, benvenuto Hyperhouse, su Fantascienza.com, 3 maggio 2011. URL consultato il 22 maggio 2014.
  3. ^ Profilo bio-bibliografico di Zoon, su Next-Station.org.
  4. ^ a b Silvio Sosio, Olonomico: torna l'Impero connettivo di Sandro Battisti, su Fantascienza.com, 22 novembre 2012. URL consultato il 22 maggio 2014.
  5. ^ NeXT - Iterazione 12: Lo sguardo verso l’interno, su Fantascienza.com, 19 febbraio 2009. URL consultato il 22 maggio 2014.
  6. ^ Giovanni De Matteo, Florian, visioni dal Basso Impero, su Fantascienza.com, 28 settembre 2006. URL consultato il 22 maggio 2014.
  7. ^ Daniele Bonfanti, Recensione Raccolta Sci-Fi - Ptaxghu6, su La Tela Nera, 22 luglio 2010. URL consultato il 22 maggio 2014.
  8. ^ Il Blog di Urania » Risultati della ricerca » Premio Urania 2014
  9. ^ A.F.O. - Avanguardie Futuro Oscuro, su Fantascienza.com, 10 agosto 2009. URL consultato il 22 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]