Massimo Pietroselli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Massimo Pietroselli (Roma, 6 ottobre 1964) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in ingegneria elettronica, lavora per una società di telecomunicazioni. Appassionato di letteratura di genere, ha pubblicato vari racconti spaziando in diversi generi letterari.

Nel 1994 ha vinto il Premio Urania con il romanzo Miraggi di silicio, pubblicato nella collana omonima della Mondadori nell'ottobre del 1995. Nel 2004 ha vinto il premio Fantascienza.com con il romanzo L'undicesima frattonube, pubblicato dalla casa editrice Delos Books, organizzatrice del concorso.

L'anno successivo ha vinto il Premio Tedeschi e ha pubblicato il suo primo romanzo poliziesco all'interno della collana Il Giallo Mondadori, Il palazzo del diavolo, ambientato nella Roma del 1875. Nel 2007 Mondadori ha pubblicato il seguito di questo romanzo, nella collana Omnibus: La porta sulle tenebre. Nel numero 3016 del Giallo Mondadori (ottobre 2010) è apparsa la terza puntata della serie, L'affare Testa di Morto.

Nell'ottobre 2010 è uscito il V Romanzo di Roma, progetto coordinato da Valerio Massimo Manfredi, dal titolo L'aquila di sabbia e di ghiaccio, ambientato nell'impero di Marco Aurelio. Saturno il Nero è un romanzo giallo ambientato nella Parigi del 1913, dove il protagonista è il celebre e misterioso alchimista Fulcanelli, che si improvvisa investigatore per risolvere un caso di omicidio e di furto di un manoscritto alchemico. Nel settembre 2012 ha pubblicato per Newton Compton Alphabetum - La confraternita del saio nero, un thriller ambientato a Roma alla fine del 1599, poco prima dell'apertura dell'Anno Santo. Nel 2013 ha pubblicato, sempre per Newton Compton, La congiura di Praga, ambientato cinque anni dopo Alphabetum.

Al 2014 l'unico scrittore ad essersi aggiudicato entrambi i maggiori premi letterari indetti dalla casa editrice Mondadori, Premio Urania e Premio Tedeschi.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN49013922 · SBN: IT\ICCU\RAVV\093538