Samantha Zandomenichi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Samantha Zandomenichi
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Venezia
Carriera
Giovanili
200?-2008 Bianco e Nero.svg Barcon Primavera
Squadre di club1
2008-2009Bianco e Nero.svg Barcon12 (3)
2011-2012Venezia 198421 (3)
2012-2014Tavagnacco21 (5)
2014-2015Pordenone15 (1)
2015-2016Vittorio Veneto9 (0)
2016San Zaccaria3 (0)
2016-2017Udinese18 (3)
2017Imolese10 (5)
2017-2018Marcon15 (6)
2018-Venezia19 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 settembre 2019

Samantha Zandomenichi (25 dicembre 1993) è una calciatrice italiana, attaccante del Venezia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Samantha Zandomenichi cresce calcisticamente nel Barcon, società calcistica con sede nell'omonima frazione del comune di Vedelago, con la quale nella stagione 2007-2008 disputa il Campionato Primavera regionale.

Inserita nella rosa della prima squadra durante la stagione di 2008-2009, riesce durante la sua prima stagione in Serie B, l'allora terzo livello del campionato italiano di calcio femminile a scendere in campo 12 volte su 26 partite e segnando 3 gol. Benché giunto quarto nel Girone B la società non riesce ad iscriversi nella Serie B e nella stagione successiva è costretta a ricominciare dalla Serie C.[1]

Nell'estate 2011 trova un accordo con il Venezia 1984 che le offre l'opportunità di debuttare in Serie A. Con le veneziane affronta una difficile stagione che la vedrà riagguantare la massima serie con lo spareggio vinto sulla Lazio per l'ultimo posto valido a fine campionato. Tuttavia la società fallisce e lascia la giocatrice svincolata.

Riesce comunque a firmare con il Tavagnacco che stava cercando nuove atlete per rafforzare il reparto offensivo.

Con le friulane contribuisce a raggiungere il primo massimo risultato nella stagione di 2012-2013, conquistando il secondo posto dietro alla Torres ed aggiudicandosi così il diritto a partecipare alla UEFA Women's Champions League. La stagione è coronata anche dalla conquista della prima Coppa Italia (2012-2013), successo ottenuto anche l'anno successivo (2013-2014).

Fa il suo esordio internazionale il 9 ottobre 2013, incontrando le danesi del Fortuna Hjørring nella partita di andata valida per i sedicesimi di finale dalla stagione 2013-2014, incontro vinto dal Tavagnacco per 3 a 2.[2]

Nell'estate 2014 decide di lasciare la società per trasferirsi al Graphistudio Pordenone.[3] Con le neroverdi rimane la sola stagione 2014-2015, dove con una sola rete siglata su 15 presenze non riesce ad impedire la retrocessione della squadra.[4]

Durante il calciomercato estivo 2015 trova un accordo con la neopromossa Permac Vittorio Veneto che le permette di rimanere a giocare in Serie A.

Dopo aver disputato la prima parte della stagione 2016-2017 con la maglia del San Zaccaria in Serie A, all'apertura della sessione invernale del campionato lascia le romagnole per trasferirsi all'Udinese in Serie B[5]. Ha iniziato la stagione 2017-2018 tra le file dell'Imolese in Serie B, per poi trasferirsi al Marcon nel dicembre 2017[6].

Rimane con la società anche dopo l'affiliazione con il Venezia, ripartendo, causa la riforma del campionato, dalla nuova Serie C.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Tavagnacco: 2012-2013, 2013-2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calendario Serie C 2009-2010 (PDF), su Comitato Regionale Veneto - Divisione calcio femminile. URL consultato il 10 settembre 2014.
  2. ^ UEFA, Samantha Zandomenichi.
  3. ^ Stefano Crocicchia, Due volti nuovi per la Graphistudio, su Messaggero Veneto, http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine, 3 agosto 2014. URL consultato il 10 settembre 2014.
  4. ^ Football.it.
  5. ^ Lara Barbieri e Samantha Zandomenichi salutano, su usdsanzaccaria.it, 4 dicembre 2016. URL consultato il 6 dicembre 2016.
  6. ^ Rinforzo di esperienza in casa Marcon, su fcfmarcon.it, 8 dicembre 2017. URL consultato il 13 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2017).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]