Rosa Maria Di Giorgi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosa Maria Di Giorgi
Rosa Maria Di Giorgi daticamera 2018.jpg

Vicepresidente vicario del Senato della Repubblica
Durata mandato 22 febbraio 2017 –
22 marzo 2018
Presidente Pietro Grasso

Segretario del Senato della Repubblica
Durata mandato 21 marzo 2013 –
21 febbraio 2017
Presidente Pietro Grasso

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Circoscrizione Toscana
Collegio 2 (Firenze-Scandicci)
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Circoscrizione Toscana
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
DL (2002-2007)
Titolo di studio Laurea in Lettere e Filosofia
Professione Primo ricercatore al Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

Rosa Maria Di Giorgi (Reggio Calabria, 11 agosto 1955) è una politica italiana, ex vicepresidente vicaria del Senato della Repubblica, dapprima senatrice e attualmente deputata.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in lettere e filosofia, prima ricercatrice al Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) presso l’Istituto di Teoria e Tecniche dell’Informazione Giuridica (ITTIG) di Firenze, è stata componente del Comitato Scientifico Nazionale del Dipartimento ICT (Information and Communication Technology) del CNR e coordinatrice della Rete Telematica Regionale Toscana (RTRT).

Ha svolto il ruolo di capogabinetto con il sindaco di Firenze Mario Primicerio dal 1997 al 1999, e di assessora alla Cultura con il Sindaco Leonardo Domenici dal 1999 al 2000.

Eletta nel Consiglio Comunale di Firenze nella consiliatura 2004-2009, ha ricoperto l'incarico di vicepresidente del Consiglio, Capogruppo della Margherita e, successivamente, del Partito Democratico. Nuovamente eletta alle amministrative del 2009, è stata chiamata a far parte della giunta del sindaco Matteo Renzi con delega all'Educazione, alla Legalità e ai Rapporti con il Consiglio Comunale.

A partire dal 2004 fino al 2009, su nomina del Consiglio Regionale della Toscana, ho assunto il ruolo di Presidente della Fondazione Orchestra della Toscana presso il Teatro Verdi di Firenze.

Il 30 dicembre 2012, con 7.710 preferenze ricevute in occasione delle primarie per i parlamentari del Partito Democratico, si è candidata nelle liste PD della Toscana per le elezioni politiche del 2013 al Senato della Repubblica.

Nel 2013 è eletta senatrice per il Partito Democratico e dal 21 marzo 2013 è anche eletta alla carica di segretaria del Senato della Repubblica per il PD nella XVII legislatura.

Il 22 febbraio 2017 è eletta Vicepresidente vicaria del Senato con 145 voti, andando così a sostituire in quell'incarico Valeria Fedeli.

Alle elezioni politiche del 2018 è eletta alla Camera dei Deputati, nel collegio uninominale di Firenze-Scandicci con 56.565 voti (43%).[1][2]

Attività parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Nella legge Milleproroghe del 2020 ha presentato in emendamento, assieme a Rosa Maria Di Giorgio, che intende regolamentare gli affitti brevi. Secondo questo emendamento anche per affittare tre stanze, pur in immobili differenti, e per un totale inferiore agli 8 giorni servirà la partita IVA, in quanto la locazione verrebbe considerata attività d’impresa a tutti gli effetti.

Il suo lavoro in Parlamento si è orientato principalmente nei settori culturali e di sostegno alla ricerca scientifica. In particolare, è del 6 ottobre del 2016 l'approvazione del cosiddetto "DDL Cinema" che ha visto la senatrice Di Giorgi prima firmataria e relatrice di un provvedimento molto rilevante per il comparto, che ha come obiettivo il rilancio e lo sviluppo del settore cinematografico e audiovisivo[3].

Dal 2013, Rosa Maria Di Giorgi è componente delle commissioni “Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport” (VII), della Commissione parlamentare per la semplificazione" e della Commissione parlamentare d’inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]