Rodrigo Santoro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rodrigo Santoro a New York per la prima di Che cosa aspettarsi quando si aspetta (2012)

Rodrigo Junqueira dos Reis Santoro (Petrópolis, 22 agosto 1975) è un attore brasiliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di padre italiano (Francesco Santoro, originario di Paola (Italia))[1][2][3][4] e madre brasiliana (Maria José Jorqueira Dos Reis), si fa le ossa in teatro fino a quando nel 1993 debutta in TV nella telenovela Olho no Olho; nel giro di pochi anni diventa uno dei volti più popolari delle produzioni TV brasiliane. Dopo aver preso parte ai film O Trapalhão e Luz Azul, viene scelto da Walter Salles per il film Disperato aprile e da Héctor Babenco Carandiru, dove interpreta un transessuale.

Nel 2003 ottiene un piccolo ruolo nel blockbuster Charlie's Angels - Più che mai e successivamente nella commedia sentimentale Love Actually - L'amore davvero. Nel 2004 è protagonista della campagna pubblicitaria di Chanel, in uno spot intenso diretto da Baz Luhrmann e al fianco di Nicole Kidman. Nel 2006 entra nel cast della terza stagione del telefilm Lost dove interpreta Paulo, uno dei sopravvissuti allo schianto del volo Oceanic 815. Nel 2007 viene scelto dal regista Zack Snyder per far parte del cast del kolossal 300, nel ruolo del re dei persiani, Serse.

Nel 2008 impersona un giovane Raúl Castro (fratello di Fidel e attuale presidente di Cuba) nel doppio film dedicato alla figura di Ernesto Che Guevara firmato Steven Soderbergh: Che - L'argentino e Che - Guerriglia. Nel 2014 reinterpreta il ruolo di Serse in 300 - L'alba di un impero, midquel del primo film della saga.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2012 è sentimentalmente legato alla cantante e attrice Melanie Fronckowiak.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN120234639 · ISNI: (EN0000 0001 1497 5982 · LCCN: (ENnr2002033597 · GND: (DE140973427 · BNF: (FRcb146204515 (data)