Robert J. Wilke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert J. Wilke nel 1963

Robert J. Wilke (Cincinnati, 18 maggio 1914Los Angeles, 28 marzo 1989) è stato un attore e stuntman statunitense.

Recitò in 200 film dal 1936 al 1981 e apparve in un centinaio di produzioni televisive dal 1951 al 1981, accreditato anche con i nomi Bob Wilke, Robert Wilke, Bob Wilkie e Robert Wilkie.[1] È noto soprattutto per i suoi ruoli di cattivi, principalmente nel western[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Robert J. Wilke (al centro) con Lee Van Cleef (a sinistra) e Sheb Wooley (a destra) in Mezzogiorno di fuoco (1952)

Robert J. Wilke nacque a Cincinnati, in Ohio, il 18 maggio 1914. Iniziò come stuntman nei primi anni 30 e la sua prima apparizione, non accreditata, avvenne con il film San Francisco (1936). Ben presto cominciò ad ottenere parti più o meno regolari, soprattutto nel ruolo dello scagnozzo o dell'antagonista e lasciò il segno, quando, insieme a Lee Van Cleef e Sheb Wooley, interpretò Jim Pierce, uno dei tre uomini in attesa alla stazione in Mezzogiorno di fuoco (1952). Continuò la sua carriera di attore specializzandosi nel genere western e interpretando nella maggior parte dei casi la parte del villain. Nel 1960 apparve nel breve ruolo dello sfrontato Wallace, l'uomo che perde la sfida al lancio del coltello con Britt (James Coburn) nel film I magnifici sette.

Al di fuori del western, Wilke apparve in film come Da qui all'eternità (1953) e soprattutto 20.000 leghe sotto i mari (1954), nel ruolo del primo ufficiale del Nautilus, destinato a rimanere ucciso nel combattimento corpo a corpo col protagonista Ned Land (interpretato da Kirk Douglas) in una memorabile sequenza: Wilke qui impersonò eccezionalmente un personaggio non propriamente malvagio, ma pur sempre orgoglioso e freddo (lo si vede concitato solo nella scena in cui egli avverte il capitano Nemo che un calamaro gigante si sta avvicinando al sottomarino).

Numerose furono le apparizioni di Wilke come guest star nelle serie televisive degli anni cinquanta e sessanta. Fu accreditato otto volte tra il 1951 e il 1953 per la serie western Le avventure di Rex Rider, cinque volte in Bonanza, quattro volte in Carovane verso il West e Death Valley Days e tre volte in Rawhide, Cisco Kid, Tombstone Territory e Daniel Boone. Nel 1965 interpretò il ruolo del personaggio regolare dello sceriffo Sam Corbett nella serie western La leggenda di Jesse James.

Morì di cancro, due mesi prima di compiere 75 anni, a Los Angeles, in California, il 28 marzo 1989, e fu cremato[3].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Internet Movie Database, op. cit.
  2. ^ Allmovie, op. cit.
  3. ^ Find a Grave, op. cit.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2070535 · LCCN: (ENno97027834