Riserva naturale Quarto Santa Chiara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale
Quarto Santa Chiara
Lupo Appenninico.jpg
Il lupo appenninico, specie animale tipica della riserva
Tipo di areaRiserva naturale statale
Codice WDPA31156
Codice EUAPEUAP0030
StatiItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
ProvinceChieti Chieti
ComuniPalena
Superficie a terra485 ha
Provvedimenti istitutiviD.M. 10/10/1982
Gestoreex Azienda di Stato per le Foreste Demaniali
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°55′28.39″N 14°06′18.39″E / 41.924552°N 14.105108°E41.924552; 14.105108

La riserva naturale Quarto Santa Chiara è un'area naturale protetta situata nel comune di Palena, in provincia di Chieti. La riserva occupa una superficie di 485 ha nei pressi dell'altopiano di Quarto Santa Chiara ed è stata istituita nel 1982.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La riserva è stata istituita con decreto ministeriale il 10/10/1982 come riserva naturale statale.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio spazia dai 1.073 m s.l.m. di Fosso Grottignano ai 1.729 m s.l.m. di Serra Molione. Ampi tratti della riserva sono adibiti a pascolo.[1][2]

La riserva naturale Quarto Santa Chiara si trova oggi all'interno del Parco Nazionale della Majella.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

I boschi della riserva sono costituiti da piante arboree di acero opalo, carpino bianco, carpino nero, ciavardello, faggio, frassino maggiore, orniello e salicone.[1][2]

Tra le piante erbacee si annoverano il caglio zolfino, la cinquefoglia, il gladiolo palustre, la gramigna e la romice crespa.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Vari belvedere sul massiccio della Majella e sulla vallata sottostante.

Accesso[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Riserva naturale Quarto Santa Chiara, su abruzzoturismo.it. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  2. ^ a b c d e f Riserva naturale Quarto Santa Chiara, su agraria.org. URL consultato il 16 gennaio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]