Rumex crispus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Rumex crispus
Rumex crispus
Classificazione APG IV
DominioEukaryota
RegnoPlantae
(clade)Angiosperme
(clade)Mesangiosperme
(clade)Eudicotiledoni
(clade)Eudicotiledoni centrali
(clade)Superasteridi
OrdineCaryophyllales
FamigliaPolygonaceae
SottofamigliaPolygonoideae
TribùRumiceae
GenereRumex
SpecieR. crispus
Classificazione Cronquist
DominioEukaryota
RegnoPlantae
SottoregnoTracheobionta
DivisioneMagnoliophyta
ClasseMagnoliopsida
SottoclasseCaryophyllidae
OrdinePolygonales
FamigliaPoligonacee
GenereRumex
SpecieR. crispus
Nomenclatura binomiale
Rumex crispus
L.
Nomi comuni

Romice crespa

Rumex crispus L. è una pianta appartenente alla famiglia delle Poligonacee[1].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del genere deriva dal latino rumex= lancia mentre l'epiteto specifico crispus fa riferimento alla caratteristica delle foglie di avere i bordi increspati.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pianta perenne, altamente infestante, alta da 40 cm ad 1 m.; portamento cespitoso; fusto eretto; rizoma a fittone carnoso/legnoso che può affondare nel terreno fino a 80 cm. di profondità; foglie basali, con picciolo mediamente lungo e appiattito, a rosetta lanceolate con apice acuto, le foglie del fusto sono piccole con picciolo ridotto; i fiori ermafroditi appaiono a primavera inoltrata, riuniti in racemi verde-rossicci emergenti dalle ascelle fogliari superiori formano una pannocchia densa e lunga; il frutto è un achenio subovoidale a base ed apice acuti, racchiuso da tre tepali interni del fiore. Fiorisce da giugno a luglio.[senza fonte]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

L'impollinazione avviene per via anemofila.[senza fonte]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è ampiamente distribuita in Europa, Nord Africa e Asia[1]

In Italia è presente su tutto il territorio[2], nei luoghi freschi ed umidi fino alle regioni submontane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Rumex crispus, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 1º settembre 2023.
  2. ^ a b Rumex crispus, su actaplantarum.org. URL consultato il 1º settembre 2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85115824 · J9U (ENHE987007548652005171
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica