Railjet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Railjet
Convoglio
La carrozza semipilota
La carrozza semipilota

Il Railjet è un treno delle Österreichische Bundesbahnen (ÖBB) introdotto in Austria col cambio d'orario 2008/2009 e che può viaggiare ad una velocità massima di 230 km/h.[1] Al 2014 ne circolano nel territorio Austriaco 51 che diventeranno 60 entro Dicembre 2016.[2] Anche le ferrovie ceche (České dráhy) hanno comprato 7 treni Railjet che probabilmente diventeranno 15. Le ferrovie ceche li usano per la linea Praga - Brno - Vienna, ma con l'acquisto degli altri 8 saranno anche sulla linea Praga - Olomouc - Ostrava -Žilina (Slovacchia). I Railjet di České dráhy hanno il tipico colore blu dei treni cechi (design Najbrt). I treni sono disponibili completamente, dal 14 dicembre 2014, anche se alcuni erano sulla linea già da giugno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2008 il treno divenne operativo sulla BudapestViennaMonaco. Nel dicembre dell'anno seguente, il suo impiego fu esteso anche sulla Budapest - Vienna – SalisburgoZurigo.

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito della cooperazione tra Deutsche Bahn (DB) e le ÖBB sulla direttrice del Brennero (DB-ÖBB EuroCity) era previsto che il Railjet fosse impiegato anche in Italia a partire dal 2012 sostituendo le composizioni di materiale ordinario[senza fonte]. Nel maggio del 2009 ci fu l'invio di una intera composizione Railjet fino alla stazione di Bolzano per mostrarlo alle autorità locali alto-atesine.[3] Problemi economici delle Ferrovie Federali Austriache hanno di fatto precluso questa possibilità: nel corso del 2010, l'amministratore delegato delle ÖBB con un comunicato stampa[senza fonte] ha dichiarato di aver cancellato il contratto di fornitura con la Siemens per gli ultimi sedici convogli e di fatto questa notizia preclude un'eventuale espansione del servizio in Italia[fonte o altrimenti questa è una conclusione dell'estensore].

Nel 2014 la ÖBB ha ordinato 9 nuovi composizioni, utilizzate anche per due coppie di relazioni diurne Vienna-Venezia a partire dal Dicembre 2017.[2]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Convoglio completo. Da sinistra: carrozza semipilota, 6 carrozze passeggeri, locomotiva Taurus

A differenza di altre ferrovie, ÖBB ha optato per un convoglio composto da materiale ordinario di tipo navetta, invece degli oggi più diffusi treni a trazione distribuita. Il treno Railjet è composto da sette carrozze a composizione fissa, con intercomunicanti a tenuta stagna. La connessione con la locomotiva è però dello stesso tipo degli altri treni, il che permette al treno di essere accoppiato anche con i tradizionali locomotori.

ÖBB ha scelto tra la sua flotta di locomotori di assegnare le Siemens ES 64 U2 (Taurus) come trazione per questo treno. L'estremità del convoglio opposta alla locomotiva è una semipilota, che permette al macchinista di telecomandare la locomotiva, come molti treni per il trasporto locale.

Il Railjet fornisce un compromesso flessibile tra i treni rimorchiati e i treni convenzionali ad alta velocità, particolarmente adatto allo sviluppo delle ferrovie austriache, che dispongono già di un vasto parco operante di locomotive Taurus. La sua composizione potrà subire variazione, ma già adesso due convogli sono accoppiabili tra loro con una composizione finale inusuale per i treni ad alta velocità che vede una locomotiva ad un estremo del treno e l'altra a metà. Gli interni sono dotati di prima e seconda classe. A partire dal 2011 le composizioni delle ÖBB vennero munite di un compartimento ristorante (capace di offrire 16 posti a sedere) in luogo di quello "bistrò"[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda tecnica Siemens (PDF), su mobility.siemens.com.
  2. ^ a b Oebb ordina 9 nuovi railjet (Tedesco), su oebb.at.
  3. ^ Railjet a Bolzano, su provinz.bz.it.
  4. ^ [Anon.], Mini-Speisewagen für den ÖBB-Railjet, p. 121

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • [Anon.], Mini-Speisewagen für den ÖBB-Railjet, "Schweizer Eisenbahn-Revue", n. 3 (2011), p. 121.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti